Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 24 Novembre 2020

Il PDL scende in piazza in difesa di Silvio Berlusconi

"Il Popolo della Libertà scende in piazza in difesa di Silvio Berlusconi. La manifestazione si svolgerà sabato 11 maggio a Brescia, alle 16 in piazza Duomo, con la partecipazione del presidente del Popolo della Libertà". Lo rende noto un comunicato del Pdl. Conferme ufficiali ancora non ce ne sono ma il Pdl starebbe valutando di tenere, lunedì prossimo a Milano in occasione dell'udienza sul processo Ruby, una manifestazione davanti al tribunale. Si tratta del secondo appuntamento organizzato dal partito di Silvio Berlusconi davanti il tribunale del capoluogo lombardo. Il precedente infatti fu l'11 marzo quando lo stato maggiore del Pdl insieme con il parlamentari di Camera e Senato manifestò a sostegno di Silvio Berlusconi.

Non saremo noi a mettere in crisi questo governo. Queste sentenze arrivano in un momento cruciale, mentre cerchiamo di tirare fuori l'Italia dalle difficoltà con una collaborazione non facile con il Pd" afferma Silvio Berlusconi a Tgcom 24

Se questa sentenza si dovesse confermare anche in Cassazione è chiaro che dall'interdizione dai pubblici uffici conseguirebbe la decadenza dall'ufficio di parlamentare ma credo questo non possa impedire al presidente Berlusconi di fare politica. Certo è che l'Italia probabilmente sarebbe l'unico Paese occidentale in cui il leader di un partito viene escluso dalla vita politica per via giudiziaria". Lo ha detto il presidente della commissione Giustizia del Senato Francesco Nitto Palma a Radio24.

Di fronte alla sentenza di ieri di Milano e alla richiesta di rinvio a giudizio di Silvio Berlusconi che parte dalla procura di Napoli è evidente che c'é uno scatenamento da parte di forze non solo giudiziarie, ma anche politiche che hanno un duplice obiettivo: quello di colpire Berlusconi e quello di mettere in crisi l'attuale equilibrio di governo. Per questo riteniamo che contro quest'uso politico della giustizia bisogna condurre una battaglia intransigente perché essa è anche una difesa dello stato di diritto. Nel contempo però non cadiamo in provocazioni per ciò che riguarda il governo. La vita e il futuro del governo dipendono dai contenuti riguardanti la politica economica e le riforme delle istituzioni". Lo dice l'esponente del pdl Fabrizio Cicchitto.

Intanto la Procura di Napoli ha chiesto il rinvio a giudizio di Silvio Berlusconi per la vicenda della presunta compravendita dei senatori. Analoga richiesta è stata formulata per l'ex senatore Sergio De Gregorio e l'ex direttore dell'Avanti Valter Lavitola. La richiesta è stata trasmessa all'ufficio gip e l'assegnazione del fascicolo avverrà nei prossimi giorni. L'accusa contestata agli imputati è di corruzione. L'inchiesta riguarda la presunta compravendita di senatori perché negli anni scorsi passassero allo schieramento di centrodestra determinando la caduta del governo Prodi. Una precedente richiesta di rito immediato avanzata dai pm era stata respinta dal gip Marina Cimma che non aveva ravvisato gli elementi necessari per l'adozione di tale procedura. L'indagine è coordinata dal procuratore aggiunto Francesco Greco e dai pm Vincenzo Piscitelli, Henry John Woodcock, Alessandro Milita e Fabrizio Vanorio.

Costituiscono una "pericolosa delegittimazione del ruolo della giurisdizione nella nostra democrazia" le reazioni politiche che ci sono state rispetto a singole decisioni giurisdizionali afferma l'Anm in una nota. E il riferimento implicito è ai commenti del Pdl rispetto alle decisioni che hanno riguardato Silvio Berlusconi

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI