Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 24 Febbraio 2021

Grillo torna a gettare benzina sul fuoco

Beppe Grillo sarà giovedì a Roma per incontrare i parlamentari del Movimento Cinque Stelle. In forse, invece, la presenza di Gianroberto Casaleggio. Non è stata ancora deciso il luogo dell'incontro.

Grillo attacca il governo Letta e prende in prestito un articolo del Financial Times. Sul suo blog pubblica l'editoriale del 5 maggio del quotidiano economico londinese, cambia titolo (Il libro dei sogni del Capitan Findus) e lo introduce così: "L'editoriale del Financial Times del 5 maggio 2013 dedicato a capitan Findus Enrico Letta e al suo libro dei sogni. L'originale: 'Letta's dream book' ". L'articolo si chiude così: "E' improbabile che il Libro dei sogni del signor Letta diventi realtà ".

La prende larga, larghissima. Ma poi arreva secco e preciso come un calcio ben piazzato. Nemmeno due settimane dopo la sparatoria davanti a palazzo Chigi, e proprio nel giorno in cui il ministro dell'Interno ha lanciato l'allarme sicurezza, Beppe Grillo torna a gettare benzina sul fuoco.

L'ex comico principia l'ultimo intervento sul blog parlando di un gioco da tavolo cinese di 2500 anni, per poi arrivare a profetizzare un autunno in cui "Il confronto da politico economico diventerà sociale, incontrollabile".

"Nell’aria c’è un che di pesante, di torbido, annuncio forse di fatti gravi e mentre l’opera di accerchiamento continua, un altro accerchiamento avviene intorno al Potere Costituito. Si accorgeranno in autunno di essere loro all’interno di un cerchio. Senza possibilità di fuga". Il ritornello è sempre lo stesso: arrendetevi, siete circondati.

"Chiunque spenda una sua parola in pubblico per il M5S è attaccato come eretico, deviato, violento, terrorista, volenteroso artefice di bagni di sangue, pazzoide visionario, incompetente", lamenta il leader a Cinque Stelle.

E poi, ancora: "Mentre l’opera di accerchiamento continua, un altro accerchiamento però avviene intorno al Potere Costituito. Sono i cittadini italiani la cui rabbia conosce bene chiunque frequenti un bar o una pubblica via". Poi il monito che suona da minaccia: "Questa rabbia che ogni giorno urla più forte non arriva all’orecchio degli Inamovibili o forse non la temono. Questione di tempo...".

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI