Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 19 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:360 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1153 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:1887 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1422 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1397 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1369 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1640 Crotone

Monti a Davos contro i sindacati

Presentarsi alle elezioni e' stata una decisione ''contro la mia natura'', ma ''probabilmente anche contro il mio interesse personale''. Mario Monti, spiega con queste parole alla prestigiosa platea di Davos la sua decisione di 'salire' in politica. ''L'Italia - dice - non guardera' indietro''. e la sua speranza e' che le ''forze piu' dinamiche della societa' sostengano un programma di riforme''.

''La riduzione del debito non si puo' piu' fare attraverso le tasse''.

''Il momento piu' difficile per me e' quando sono andato al funerale di una ragazza di 14 anni che e' stata vittima di una esplosione la cui natura non e' ancora chiara. E' stata una terribile emozione. E poi il terremoto dell'Emilia Romagna".

L'Italia ha ora una legge contro la corruzione ''che vorrei veder rafforzata in futuro''.

La mia e' una ''agenda ambiziosa'', ha riconosciuto Mario Monti nel suo intervento a Davos. Ma tutti, ha aggiunto, abbiamo una ''responsabilita' sociale'' e ho deciso di presentarmi alle elezioni perche' ''lo devo agli italiani'' ed in particolare a quelli ''piu' fragili'', quelli che hanno pagato il prezzo piu' alto e ''intollerabile'' della disoccupazione, soprattutto giovani, e della privazione.

Cittadini, ha proseguito Monti, che sono ''vittime di governi che spesso non sono stati abbastanza forti contro l'evasione fiscale, la corruzione, gli interessi particolari, le manipolazioni del mercato finanziario''. ''Vittime di politici che - ha sottolineato parlando in inglese - spesso si sono impegnati in promesse elettorali senza considerare se fossero o meno realizzabili'' e cosi' facendo ''hanno spesso aggravato la crisi perche', troppo concentrati sulle elezioni nazionali'' non hanno considerato l'urgenza delle riforme ed hanno al contrario ''alimentato il nazionalismo e il populismo''

''Per ogni paese le riforme sono un processo che non finisce, anche per la Germania come dimostra l'azione della Merkel''

"Oggi l'atmosfera verso l'Italia è cambiata e non ho solo sentito la vostra gentilezza, ma anche rispetto e fiducia nella stabilità. Vedo concreto interesse per investimenti nel paese" ha detto il premier Mario Monti parlando al World Economic Forum di Davos.
la riforma del lavoro che abbiamo varato "non è andata avanti abbastanza" e questo "é colpa di un sindacato che ha resistito decisamente al cambiamento e non ha firmato accordo che gli altri avevano firmato" continua il premier Mario Monti, in un dibattito a Davos, in riferimento implicito alla Cgil:"va cambiata questa cultura".

Uno dei nodi delle elezioni è "quale configurazione politica è più in linea con la necessità di continuare le riforme strutturali" ha detto il premier Mario Monti parlando a Davos delle elezioni, dopo aver elencato le molte riforme fatte nell'ultimo anno. "Naturalmente bisogna continuare", ha detto Monti.

Il presidente del consiglio, facendo riferimento al recente passato dell'Italia, ha detto: "No all'illusione che quando il mondo cambia si può rimanere fermi". "Vi spiego perché sono fiducioso sul futuro dell'italia", ha aggiunto: "L'italia è un paese molto diverso da un anno fa".
Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI