Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 18 Ottobre 2019

Grecia, Merkel: chance per una soluzione

Per la cancelliera Angela Merkel ci sono "chance" che si trovi un accordo lunedì prossimo sulla Grecia. Lo ha detto al Bundestag tenendo il discorso sul bilancio 2013.

"Ci sono chance, non si sa, ma ci sono chance che ci sia una soluzione lunedì possimo", ha detto la Merkel sulle decisioni relative ad Atene. La cancelliera ha poi ribadito ancora una volta che i problemi non si risolvono dall'oggi al domani: "Questa voglia di una unica azione, di una mossa decisiva, di una verità non troverà risposta", ha detto, ricordando che rispetto ad anni e decenni di inadempienze i problemi si risolvono adesso passo dopo passo.

In caso "di emergenza", se non si trova un accordo fra domani e dopo domani al vertice di Bruxelles, è possibile un nuovo summit europeo sul bilancio all'inizio del 2013, ha detto Merkel a Berlino, nel Bundestag

Senza un accordo per la Grecia é a rischio la stabilità della zona euro. Così il premier greco Antonis Samaras mette in guardia i partner europei e l'Fmi dopo lo slittamento di una decisione dell'Eurogruppo sugli aiuti alla Grecia. "I nostri partner e l'Fmi hanno il dovere di fare ciò su cui si sono impegnati", ha detto.

"La Grecia ha fatto ciò per cui si era impegnata - ha aggiunto Samaras -. Ora anche i nostri partner, insieme con il Fondo Monetario Internazionale, devono fare quello che devono fare. Dal buon esito di questo impegno nei prossimi giorni non dipende soltanto il futuro della Grecia, ma la stabilità di tutta l'eurozona. Ogni difficoltà tecnica per giungere ad una soluzione non giustifica alcuna negligenza o ritardo", ha concluso il premier greco.

Niente accordo sulla Grecia, che per avere il via libera agli aiuti (44 miliardi di euro sono le tranche in sospeso) dovrà aspettare ancora almeno lunedì prossimo, giorno in cui l'Eurogruppo ha fissato una nuova riunione straordinaria per cercare di sbloccare la trattativa saltata a notte fonda per le resistenze della Germania. "Non è stato possibile trovare un accordo oggi, ci riproviamo lunedi", ha spiegato il presidente dell'Eurogruppo Jean Claude Juncker al termine della riunione durata quasi dodici ore e finita alle 5 del mattino, senza conferenza stampa, lasciando intendere che tutte le parti sono ancora troppo distanti da un'intesa per potersi presentare insieme alla stampa.

In particolare, resta la divisione tra Eurogruppo e Fondo monetario Internazionale, su posizioni diverse per quanto riguarda la sostenibilità del debito greco. L'Eurozona sarebbe disposta a spostare in avanti di due anni i paletti di rientro dal debito, ora fissati al 120% da raggiungere nel 2020, mentre il Fmi non intende cedere. "Le nostre posizioni si sono avvicinate, ma continuiamo lunedì", ha detto il direttore generale del Fmi Christine Lagarde al termine della riunione, convinta che la sostenibilità dei conti sia "la prima cosa".

Nella maratona negoziale i ministri hanno comunque fatto dei progressi: "L'Eurogruppo ha identificato un pacchetto di misure credibili per contribuire in modo sostanziale alla sostenibilità del debito greco", ha fatto sapere Juncker in un comunicato. Ma le trattative si sono interrotte "per consentire di approfondire alcuni elementi a livello tecnico". Ovvero: i Paesi, e in particolare la Germania, hanno bisogno di quantificare esattamente le misure per aiutare Atene a ridurre il debito, perché in quelle cifre sta il loro nuovo sforzo che dovrà essere approvato anche dai parlamenti nazionali. Aiutare Atene a ridurre il debito, oggi al 170% del pil e in rapida ascesa, significa per i Paesi creditori subire perdite sui titoli, dimostrando ulteriore 'generosita'' nei confronti di un Paese che sostengono finanziariamente dal 2010. Inoltre, non c'é accordo nemmeno sull'altro punto in discussione: i ministri non sanno come colmare il 'gap' di 15 miliardi che si è creato a causa della loro precedente decisione di concedere due anni in più sul rientro dal deficit. E nuovi aiuti sono fuori discussione.

I timori per la Grecia, fallito il tentativo di un accordo all'Eurogruppo e in attesa della prossima riunione, frenano i listini in Europa. Parigi cede lo 0,4% e Madrid lo 0,66 per cento. Si muove verso la parita' Francoforte aiutata dal rally del settore auto e gira in rialzo Milano (+0,37%) Fiat guadagna l'1,81% e Pirelli lo 0,97 per cento.

Il differenziale tra Btp e Bund in avvio di giornata si attesta a 346 punti (343 alla chiusura di ieri)) con un rendimento al 4,86%.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI