Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 18 Giugno 2019

«Non ho bisogno di aiutini nascosti». Matteo Salvini commenta così a RTL la decisione del M5S di votare sì in Senato alla richiesta di processo nei confronti del vicepremier in relazione all'inchiesta sullo sbarco della nave Diciotti. Una decisione che i 5 Stelle hanno annunciato dopo che l'alleato leghista ha detto di non essere nessuno per non farsi processare.  

Il ministro degli Interni è stato molto chiaro e ha affermato: "Abbiamo elementi concreti per affermare che, mettendo a rischio la vita delle persone a bordo, il comandante e l'equipaggio della ONG Sea Watch 3 abbiano disubbidito a precise indicazioni che giorni fa li invitavano a sbarcare nel porto più vicino (non in Italia!), prove che verranno messe a disposizione dell'autorità giudiziaria". L'intervento di Salvini ha di fatto acceso i riflettori sulla condotta del comandante della nave che avrebbe scelto di virare verso le nostre coste ignorando il riparo più sicuro in Tunisia

Aumenta il fronte di chi afferma che il problema dei 47 migranti a bordo sia dei Paesi Bassi e non dell’Italia. Tra questi ad esempio, vi è l’esperto di diritto internazionale Augusto Sinagra, già professore ordinario di diritto dell’Ue presso l’università La Sapienza di Roma: “L' imbarcazione batte bandiera olandese e deve scaricare i migranti a casa sua, nei Paesi Bassi. A meno che non stia sbandierando illegalmente quel vessillo”, afferma Sinagra intervistato su La Verità.

“La nave è una "proiezione mobile" dello Stato di riferimento – continua Sinagra – La bandiera non è un elemento folkloristico, in base al diritto internazionale la nave è considerata territorio dello Stato nel cui registro navale è iscritta”.

In poche parole, i migranti soccorsi dalla Sea Watch sarebbero saliti in territorio olandese ed è nei Paesi Bassi dunque che dovrebbero andare o, quanto meno, è ad Amsterdam che risiederebbe il nocciolo centrale del problema. L’Italia, sempre secondo Sinagra, non è tenuta a far sbarcare i 47 migranti della Sea Watch. Ed è proprio quest’ultimo elemento a dare maggior “conforto giuridico” a chi sostiene le posizioni del titolare dell’interno.

La linea del Viminale dovrebbe seguire anche nelle prossime ore questo preciso orientamento: impedire lo sbarco per evitare, in primo luogo, altri precedenti e costringere gli Stati di appartenenza delle navi alle proprie responsabilità. E forse, se non soprattutto, in secondo luogo vi è l'obiettivo di scoraggiare altre Ong dal campiere rotte nel Mediterraneo che, direttamente od indirettamente, foraggiano le attività criminali delle milizie in grado da anni di gestire in Libia la criminale tratta di esseri umani.

Alla propaganda della sinistra, Matteo Salvini risponde senza troppi giri di parole smontando le fake news fatte circolare nelle ultime ore. "A bordo della Sea Wacht - spiega in un'intervista a Rtl 102.5 - non ci sono né donne né bambini". Per il ministro dell'Interno, "salvare vite significa bloccare le partenze". Per questo non cederà mai alle pressioni di chi vuole riaprire i porti italiani alle navi stracariche di immigrati.  

L'ordinanza è firmata dal comandante della capitaneria di porto di Siracusa, Luigi D'Aniello e si richiama alla nota di ieri della prefettura che, «alla luce di quanto emerso durante la riunione tenutasi in presenza delle forze di polizia, ha richiesto alla Capitaneria di porto di Siracusa - si legge nel documento - l'adozione di urgenti provvedimenti di disciplina della navigazione e dell'accesso nell'area di mare circostante il punto di fonda dell'unità Sea Watch 3, mediante interdizione del tratto interessato in considerazione del fatto che la presenza e/o la navigazione di altre imbarcazioni attorno alla stessa motonave possono creare problemi riguardanti l'ordine pubblico e la sanità pubblica

Chiuso il tratto di mare intorno alla Sea Watch 3. Con un'ordinanza emessa ieri, e valida «dalla pubblicazione sul sito istituzionale della Capitaneria di porto di Siracusa», lo specchio d'acqua all'interno della Baia di Santa Panagia, per un raggio di mezzo miglio dalla nave con a bordo 47 migranti, «è interdetto alla navigazione, ancoraggio e sosta con qualunque unità non espressamente autorizzata».

I numeri parlano chiaro, non c'è che duire. La differenza tra il 2018 e il 2019 è importante e "smentisce" categoricamente le rivendicazioni del Pd sul blocco dei migranti operato dal governo Gentiloni.

Rispetto all'anno scorso, quando al Viminale c'era Marco Minniti, questo gennaio sono sbarcati oltre 3mila migranti in meno. Una enormità.

I dati ufficiali riguardano il mese di gennaio. Al 28 del primo mese dell'anno scorso, infatti, erano arrivati in Italia ben 3.176 immigrati clandestini. Certo, meno del 2017. Ma comunque tanti. Con la "cura Salvini" il contatori si è fermato a 155 migranti approdati sulle coste nostrane. "I dati smentiscono chi sostiene che il Pd aveva bloccato gli sbarchi. Noi stiamo facendo di più e meglio", commenta Matteo Salvini. Che poi aggiunge: "Per la prima volta i rimpatri sono superiori agli arrivi".

Salvini ha "chiuso i porti" alle navi umanitarie, ha intrapreso una battaglia con l'Europa e da giorni il governo impedisce l'ingresso in porto a Siracusa della Ong tedesca così come successo a luglio con il "caso Diciotti". I risultati gli stanno dando ragione. "Salvare vite umane significa bloccare le partenze - dice il ministro dell'Interno - Quelle donne e quei bambini non devono essere messi in mano agli scafisti. Chi arresta gli scafisti vuole salvare queste vite. Ai primi di marzo tornerò in Africa, dove stiamo lavorando a progetti di sviluppo per aiutare a non scappare quelle donne e quei bambini".

Io, personalmente, non condivido quello che ha fatto, ma non lo processerei, anche se avesse avuto interessi politici personali. Fatto sta che il problema di come gestire la politica migratoria a livello europeo esiste davvero". Così, un po' a sorpresa, Antonio Di Pietro difende il leader della Lega, in seguito alla decisione del Tribunale dei ministri Catania di chiedere l'autorizzazione a procedere contro il ministro dell'Interno.

Intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus, ospite de L'Italia s’è desta, l'ex magistrato ha cercato di spiegare la presa di posizione del Tribunale dei ministri contro il vicepremier: "Non è un provvedimento contro Salvini, semmai è nell'interesse di Salvini e nell'interesse delle regole istituzionali. I giudici dicono 'attenzione, qui c'è un problema da capire, se ciò che hai fatto l'hai fatto per fini politici o come atto politico'. L'atto politico in sè non può essere messo in discussione dal giudice, l'atto per fini politici sì".

Dunque, aggiunge: "Il giudice non sta chiedendo di processare Salvini, sta chiedendo al Parlamento di assumersi la responsabilità e dire se è stato un atto politico, nell'interesse del Paese, oppure un atto per fini politici, non nell'interesse del Paese". E, infine, l'ex pm ha chiosato: "Questo fatto lo stanno strumentalizzando sia da una parte che dall'altra. Salvini da questo processo ha tutto da guadagnare sul piano politico. Vedendo anche quei parlamentari sulla nave, mi pare ci sia una strumentalizzazione complessiva, utilizzando il dramma dei migranti".

"Nessuno deve essere messo in mano agli scafisti che fatturano circa 3mila dollari a testa con cui comprano armi e droga". Lo scontro politico sulla Sea Watch non smuove Salvini di un millimetro. Da quando ha deciso di chiudere i porti italiani per non far più sbarcare i clandestini nel nostro Paese, in molti lo hanno attaccato duramente. Non da ultimo gli si sono avventati addosso anche i magistrati del tribunale dei ministri che per il caso della Diciotti lo vorrebbero mandare a processo. "I veri delinquenti sono gli scafisti - mette in chiaro nell'intervista a Rtl 102.5 - e chi li arresta, chi li blocca vuole salvare queste vite". Proprio per fermare questi trafficanti di morte, ai primi marzo il vicepremier leghista tornerà in Africa dove il governo gialloverde sta lavorando a diversi progetti di sviluppo economico, mettendoci anche svariati soldi, per "aiutare donne e bambini a non scappare" e "a non essere deportati".

Salvini critica duramente la scelta di tre parlamentari (Stefania Prestigiacomo di Forza Italia, Nicola Fratoianni di Leu e Riccardo Magi di +Europa) di salire a bordo della Sea Watch. "Non hanno rispettato le norme igienico-sanitarie - fa notare - possono portare a terra di tutto e di più". Poi se la prende pure con il sindaco di Siracusa Francesco Italia: "Tanti cittadini di Siracusa segnalano problemi di cui il sindaco non si occupa con altrettanta solerzia". E agli attacchi che gli piovono addosso fa spallucce dimostrando di non volerci dare troppo peso. "Mi hanno detto di tutto, ma non mi toccano più - spiega - ho sentito fascista, nazista, sequestratore, mi manca pedofilo e spacciatore. Ma io lavoro con la coscienza di uno che ritiene che salvare vite significa bloccare le partenze".

Dalla lettura dei giornali di oggi (Repubblica, Corriere, Fatto) emerge chiaramente che Baglioni, l’autore di Questo piccolo grande amore, è… il nuovo leader morale della sinistra. Proprio lui, accusato un tempo di essere fascista solo perché disimpegnato. Anche Matteo Renzi e Maria Elena Boschi hanno esaltato le parole di Baglioni. C’è da restare basiti di fronte a chi non riesce a capire che in Italia può entrare solo chi ha le carte in regola. Altrimenti si incentivano le partenze, e anche il rischio di una tragedia nel mezzo del Mediterraneo. Ed ecco i perche : 

«L'Italia è un Paese incattivito, dove consideriamo pericoloso il diverso da noi e guardiamo con sospetto anche la nostra stessa ombra - dice Baglioni -. Le misure prese dall'attuale governo, come i precedenti, non sono all'altezza della situazione. Se la questione fosse stata presa in considerazione anni fa, non si sarebbe arrivati a questo punto», sottolinea il cantautore, per dieci anni anima della manifestazione che si teneva a Lampedusa per sensibilizzare sui temi della migrazione. Via Twitter arriva la risposta piccata del ministro: «Canta che ti passa, lascia che di sicurezza, immigrazione e terrorismo si occupi chi ha il diritto e il dovere di farlo».  

La polemica esplode poche ore dopo quella con Claudio Baglioni, reo di avere criticato le politiche dei precedenti e dell'attuale governo in tema di emergenza migranti. La risposta di Salvini non si fa attendere: " il "Baglioni mi piace quando canta, non quando parla di immigrazione. I cantanti cantano, i ministri parlano", dopo avere in precedenza mandato l'ormai abituale "bacione" a Baglioni.  

Il Claudio nazionale preferisce mantenere un profilo basso. E rimane in silenzio anche dopo le indiscrezione de La Stampa secondo cui il direttore di Rai1, Teresa De Santis, in seguito alla bagarre, starebbe pensando di non rinnovare la sua presenza per un terzo Sanremo. Se dalla Rai non arriva nessuna conferma né commento ufficiale, a prendere la parola è la stessa De Santis con una lettera a Dagospia. 

Lettera che non smentisce ma precisa: "Sono solo canzonette, o almeno dovrebbero esserlo, una settimana di grande cerimonia di svago e spettacolo nazionale. Invece, e non solo per responsabilità di Claudio Baglioni, sono state trasformate nel solito comizio". Una cosa, però, ci tiene a sottolineare: "Quello che penso lo dirò al momento opportuno. Per il momento mi preme ricordare che Rai1 si chiama rete ammiraglia perché è la rete più importante e produttiva dell'azienda, guai ad attaccarla senza sapere che ci rimette l'intera Rai. 

Mi preme anche ricordare a te (al direttore di Dagopia Roberto D'Agostino, ndr), dato che ci conosciamo da quarant'anni, che io sono sempre criticabile come tutti quelli che lavorano con una pubblica esposizione, ma direttore in quota Isoardi non me lo puoi dire perché conosci la mia storia (quarantennale) di giornalista e dirigente". De Santis, in particolare, si riferisce ad un titolo del sito in cui viene definita "neo direttore di RaiUno in quota Isoardi"  

Cosi la Rai è sempre al centro di grandissime polemiche. Claudio Baglioni, conduttore del prossimo Sanremo, l’evento degli eventi, ha detto, nel corso della conferenza stampa di presentazione, le consuete parole sugli immigrati, che possiamo riassumere così: viva l’immigrazione, accoglienza a tutto spiano, Salvini cattivone. 

Baglioni è intelligente, difficile imbastisca un comizio anche sul palco dell’Ariston. Le canzonette avranno il massimo dello spazio. Ma qualche frecciatina al governo possiamo aspettarcela, soprattutto dal co-conduttore Claudio Bisio, che ha già annunciato di voler parlare di attualità. E qui si apre la solita, inevitabile polemica. La tv di Stato non dovrebbe produrre trasmissioni a senso unico e prive di contraddittorio. Ma lo fa, eccome. E lo farà finché sarà un carrozzone pubblico dominato dai partiti.

E dopo lo scontro con Baglioni arriva l'affondo a Fabio Fazio. A suon di "bacioni" e attestati di stima, il vicepremier e ministro dell'Interno si rivolge tramite social ai suoi "oppositori" nel mondo dello spettacolo. L'ultimo, appunto, è il padrone di casa di Che tempo che fa col quale è ormai noto il poco feeling, tanto che il vicepremier non è andato ospite della trasmissione - nel bel mezzo di una diretta Facebook dalla Magliana, a Roma, Salvini dice: Fazio "quasi sicuramente guadagna in un mese quello che il ministro dell'Interno guadagna forse in un anno. Ma non farei mai cambio per nulla al mondo, sono fortunato, felice, orgoglioso del vostro sostegno. Non mi interessano i quattrini, li lascio ad altri che fanno gli show televisivi". E sottolinea: "Non voglio prendermela con nessuno. Mi sta pure simpatico, perché era amico ed estimatore di Fabrizio De André, come me, di cui domani ricorre il 20esimo anniversario della morte".

Sarà l'armonia, «in un Paese fortemente disarmonico», la cifra distintiva del prossimo festival di Sanremo (5-9 febbraio). Parola del direttore - autoproclamatosi anche un pò dirottatore - artistico Claudio Baglioni, pronto al bis dopo il successo dell'anno scorso che fa sperare alla Rai di ottenere un +5% di introiti pubblicitari. Armonia, a partire già dal numero dell'edizione: la 69/a. Una sorta di logo che «richiama la simmetria del sincronismo, lo yin e lo yang. Armonia come risultato, come approdo, come percorso per avvicinare gli opposti».  

Un'armonia che, però, non può prescindere da quello che succede fuori dal Teatro Ariston e che costa a Baglioni una querelle via social con il ministro dell'Interno Matteo Salvini che non gradisce le parole sulla vicenda migranti.

E mentre si ragiona su ospiti e presenze al Festival (smentiti dagli stessi interessati l'arrivo all'Ariston di Checco Zalone e Laura Pausini), il rischio è che la bagarre politica entri nella kermesse in maniera sempre più prepotente rispetto alle precedenti edizioni. D'altra parte, in passato a finire nel mirino erano stati solo gli ospiti occasionali, mentre qui si parla del direttore artistico.

Il Ministro per il Sud Barbara Lezzi ha incontrato a Roma i corrispondenti della stampa estera in Italia in un confronto a tutto campo, nel quale si è parlato della manovra economica, della riforma del sistema pensionistico, dei rapporti tra Italia ed Unione Europea, del governo e dei rapporti all’interno della maggioranza. I giornalisti, inoltre, hanno manifestato particolare interesse per i provvedimenti per il rilancio del Sud, gli investimenti in infrastrutture, i rapporti economici tra il Mezzogiorno e i paesi del Mediterraneo e le misure per la lotta alla disoccupazione. Il ministro ha citato le infrastrutture ferroviarie come l’alta velocità Bari Napoli “da prolungare in Salento, per assecondare la vocazione turistica della zona”, e gli interventi stradali che si stanno completando dopo anni di attesa, come la Catania-Ragusa, la Sassari Olbia, e la Bari-Matera. Il ministro ha colto l’occasione anche per parlare dell’avvio delle Zone Economiche Speciali (Zes) che saranno coordinate da una cabina di regia centrale affinché agiscano in modo integrato e non isolatamente, e dell’imminente decreto sulle semplificazioni amministrative che interverrà anche su questa materia.

Una parte del lungo confronto è stata dedicata ai fondi europei e al loro utilizzo da parte delle Regioni del Sud: “Entro dicembre 2018 dovremo rendicontare circa 4miliardi e 200 milioni di fondi europei, e quando mi sono insediata la percentuale di rendicontazione era bassissima- ha spiegato il Barbara Lezzi – soprattutto in alcune regioni. In Sicilia ad esempio, restavano da rendicontare più di 700 milioni in meno di sei mesi, ma nonostante la difficoltà dell’impresa abbiamo attivato una procedura prevista dal regolamento per i fondi strutturali nella programmazione 2014/2020 e che consiste in un monitoraggio rafforzato che vede coinvolti direttamente il ministero, il presidente della Regione e la Commissione Europea. Grazie a questa collaborazione ad oggi il rischio di perdere questi fondi è quasi nullo, e i risultati si manifesteranno concretamente per i cittadini, perché saranno realizzati, tra l’altro, un’autostrada e uno snodo ferroviario su Palermo che erano attesi da anni.”

A latere dell’incontro, rispondendo ad un quesito dello scrivente, il ministro Lezzi ha ricordato l’attenzione che il governo intende riservare alla città di Taranto per il suo rilancio. Infatti il governo ha espresso parere favorevole rispetto alla candidatura della città per ospitare i Giochi del Mediterraneo nel 2025. Secondo la Lezzi, “Al di là dell’evento sportivo, già di per sé molto importante, questo appuntamento può diventare l’occasione per promuovere interventi migliorativi e di crescita nella città, che si possono innestare all’interno del processo di riconversione al quale questo governo sta lavorando, principalmente attraverso il lavoro del ministro Di Maio”.

Il ministro Lezzi, al termine dell’incontro tenutosi a Palazzo Chigi al quale avevano partecipato anche il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, il Direttore generale di Asset, Elio Sannicandro, e i deputati locali del M5S Giovanni Vianello e Paolo Lattanzio aveva affermato che “Per prima cosa è stato stabilito che verrà costituito un comitato promotore per Taranto 2025 al quale parteciperanno tutti gli attori che possono apportare un contributo. In particolare, l’intenzione è quella di mettere a sistema tutte le risorse che possono essere destinate a questo progetto, compresa una parte di quelle previste all’interno del Cis Taranto. Tutti abbiamo la volontà di investire su questa candidatura che può davvero rappresentare l’occasione giusta per il rilancio e lo sviluppo di una città e di un territorio che ne hanno estremo bisogno. Parliamo anche di una occasione di fondamentale importanza nella ridefinizione dell’identità culturale della città, che vanta una storia, un patrimonio ambientale e artistico la cui conoscenza deve essere incentivata e promossa, sia nel resto del Paese che in Europa”.

Angela Merkel torna in Grecia. Lo fa dopo cinque anni dalla sua ultima visita di Stato ad Atene.Nel 2014, il suo viaggio fu caratterizzato da violente proteste nel cuore della capitale ellenica. Erano gli anni del picco delle manifestazioni per la crisi finanziaria e contro l’austerità imposta alla Grecia per salvarsi dal default.Un viaggio quindi che serve ad Angela Merkel più per confermare le certezze che per cambiare i rapporti con la Grecia. E arriva anche in un momento particolarmente delicato. 

Come spiega il quotidiano greco Ekathimerini, la visita della Cancelliera arriva mentre Tsipras è alle prese con la minaccia di una rottura della coalizione di governo. Mercoledì, molto probabilmente, il parlamento della ex Repubblica jugoslava di Macedonia (Fyrom) ratificherà il cambio di nome. La leader tedesca si è prodigata per l’accordo fra Atene e Skopje: ma forse anche per questo fa già accordi con l’opposizione. Come scrive il Giornale quasi a voler controllare, dopo cinque anni di sacrifici, se la Grecia ha effettivamente realizzato quanto imposto anche da Berlino. E la risposta dovrebbe essere del tutto affermativa. 

Cm il quotidiano il giornale scrive per visita di Merkel in Grecia : Il primo ministro di Syriza si è rivelato un valido partner a cui affidare le politiche di austerità imposte a livello europeo. E dopo alcuni mesi di sfida al piano della Troika, Tsipras, onde evitare la catastrofe minacciata dai mercati, ha accettato più o meno supinamente tutte le direttive dei creditori internazionali. Con Berlino a fare da garante e da guardiano.  Promesse culminate con quel “no” al referendum che si sarebbe poi rivelato un clamoroso boomerang. L’Europa rispose “no”, e in maniera compatta, al risultato del referendum con cui il popolo greco aveva respinto il piano di salvataggio. 

E Tsipras, continua il quotidiano nel corso degli anni, si è gradualmente posizionato sulla linea dell’Unione europea lasciando un Paese ferito dai piani dei creditori e sostanzialmente incapace di reagire agli stimoli. L’economia greca è rimasta affossata, gli asset strategici sono stati svenduti, e il primo ministro appare in calo nei consensi, superato di dieci punti percentuali dal principale partito d’opposizione: Nea Demokratia.  Merkel e Wolfgang Schauble, insieme alla Troika, erano visti come gli autori di un piano che avrebbe distrutto l’economia e la società greca. Pochi mesi dopo, Alexis Tsipras avrebbe preso il potere promettendo di contrastare i piani imposti dai creditori internazionali.Passata la tempesta, Angela Merkel ritorna in Grecia non solo come responsabile di questo piano. 

Secondo il giornale Italiano, anche come leader di un Paese che ha intrecciato profondi legami con la Germania anche grazie alle politiche successive alla crisi. Legami economici ma anche politici, che hanno reso Berlino una delle capitali con più forti connessioni con Atene. E lo dimostrano non solo gli accordi commerciali, ma anche le recenti dinamiche politiche (interne e internazionali) che coinvolgono la politica ateniese e quella greca.Partendo dai legami economici e finanziari, la Germania ha innanzitutto guadagnato miliardi attraverso l’acquisto di obbligazioni  greche. Come scrivevamo su questa testata, “dal 2010 la Germania ha acquistato obbligazioni di Atene come parte di un accordo dell’Unione europea per sostenere l’economia greca. Le obbligazioni furono acquistate dalla Bundesbank e poi trasferite al tesoro statale”. 

Ma il problema secondo il giornale è che l’accordo originale fra Germania e Grecia prevedeva  che qualsiasi interesse sarebbe stato restituito ad Atene una volta adempiuto ai suoi obblighi sulle riforme.La Grecia ha adempiuto, ma fino al 2017, la Bundesbank ha guadagnato 3.4 miliardi di euro di utili sugli interessi, trasferendo solo 527 milioni nel 2013 e 387 milioni nel 2014. A questi incassi finanziari, si è aggiunto poi l’acquisto delle infrastrutture strategiche da parte delle aziende tedesche. In particolare, merita attenzione la strategia di Fraport, operatore aeroportuale il cui principale azionista è il land di Hessen, e che ha acquisito 14 aeroporti turistici ellenici. In questo modo, l’operatore tedesco ha assunto il controllo di una delle principali infrastrutture greche oltre che uno dei maggiori volani dell’economia del Paese.A questi rapporti economici si aggiungono quelli politici. 

E qui la situazione inizia a farsi complessa. Perché quello che intercorre fra Berlino e Atene non è più un semplice rapporto di interesse economico specie da parte tedesca, ma un vero e proprio legame politico che ha trasformato la Germania in un vero e proprio referente dei partiti greci.Perché mentre Frau Merkel visiterà Atene, non incontrerà solo i vertici del governo greco, ma anche il leader dell’opposizione di Nuova Democrazia: Kyriakos Mitsotakis. Lo stesso Mitsotakis è stato ospite della Csu la costola bavarese della Cdu a Seeon, dove, riferendosi alla Cancelliera, ha dichiarato: “Ho un buon rapporto personale con lei e, se questa sarà la volontà del popolo greco, non vedo l’ora di lavorare con lei dopo le prossime elezioni nazionali”.

Durante la votazione finale al dl il presidente della Camera non si è seduto sullo scranno più alto dell'Aula. Per prassi il vertice di Montecitorio non vota, ma presiede almeno l'aula. Questa volta no. Una scelta politica che oggi Fico rivendica con orgoglio: "È una presa di distanza - puntualizza l'esponente M5s - non ne ho parlato prima perchè sono presidente della Camera e rispetto il mio ruolo istituzionale. Rimango fedele al mio ruolo istituzionale ma - osserva ancora - se poi parliamo nel merito del provvedimento dopo che è stato approvato, quello è un altro discorso".

Immediata la replica del leader della Lega che, quando Maria Latella su SkyTg24 gli chiede cosa ne pensa dell'assenza di Fico dall'Aula, risponde: "Non ho capito se hanno letto il decreto, né dove sta il problema, visto che aumenta la lotta a mafia e al racket". E ancora: Roberto Fico dice che il global compact va approvato? "Faccia votare il Parlamento e il Parlamento deciderà. Io sono contrario perché mette insieme migranti regolari e irregolari".

E in questo infinito scambio di battute il presidente della Camera ha deciso di replicare ancora: "È chiaro che l'ho letto il decreto, li leggo i provvedimenti", ha detto al termine di un convegno all'Accademia dei Lincei. "Ma ci sono tante cose che non avrei voluto leggere al suo interno...".

Ieri era stata la dissidente Laura Fattori a esprimere tutto il suo disappunto sul "no" del governo alla firma in calce al patto dell'Onu. E oggi invece a prendere la parola è quello che, da più parti, viene considerato il leader (almeno ideale) della fronda pentastellata. A chi gli chiede se l'Italia dovrebbe firmare il Global Compact, Fico risponde che "secondo me assolutamente sì, ma invito tutti, prima di parlare, a leggere bene e approfondire il testo".

La pensa diversamente il ministro dell'Interno, secondo cui se pochi giorni fa il governo ha portato a casa l'approvazione definitiva al dl Sicurezza che vuole distinguere tra profughi e clandestini, non può subito "ricredersi" firmando un accordo che invece li mette "nello stesso calderone". Ma ovviamente Fico non avrebbe voluto firmare neppure il decreto Salvini.  

"Se si legge bene il testo - dice - si capisce che è una gestione globale con gli altri Paesi, quindi un'affermazione del multilateralismo sull'immigrazione. Serve all'Italia per non isolarsi, per non rimanere sola sulla questione migranti".

Per una volta ancora i Cinque Stelle puntano il dito contro il sistema dell'informazione e della stampa definita "nemica": "La strategia messa in atto dalle lobby, famiglie di grossi prenditori e banchieri, una volta perso il controllo sul potere legislativo ed esecutivo, si è orientata esclusivamente all’uso brutale dell’unico potere che gli è rimasto in mano, il quarto, quello mediatico. E la strategia ha un nome: delegittimazione". Infine di fatto viene lanciato un messaggio chiaro: "Questo post era doveroso per spiegare a tutti quello che sta accadendo in questi giorni, per ribadire che non ci facciamo intimidire da nessuno e per chiedervi di mantenere alta l’attenzione sulle notizie che vi vengono propinate ogni giorno. Per questo vi chiediamo un gesto simbolico, da fare sui social.  

Ha avuto un primo picco quando il Movimento è entrato ufficialmente nel governo, condividendo la responsabilità del potere esecutivo con un’altra forza politica e stiamo osservando il culmine in questi giorni, in cui stanno per essere approvati i provvedimenti, voluti dal Movimento, che cambieranno volto a questo Paese e dimostreranno tutta la pochezza dei partiti e delle persone che negli ultimi 20 anni hanno gestito il Paese".

Intanto il Capo dello Stato nel suo discorso per l'innauguarzione dell'anno accademico all'univeristà di Verona ha affermato: "L'Italia ha chiesto e chiede in questi anni, con governi di diverso orientamento e composizione, che l'Europa assuma il ruolo auspicato nella sua dimensione continentale come unione di governo di questo problema, che non va ignorato ma governato per non essere travolti dalle condizioni del mondo di oggi". Il presidente della Repubblica ha lanciato un messaggio per incentivare il un impegno comune sul fronte della gestione dei flussi migratori che riguarda non solo l'Italia ma l'Europa intera: "È responsabilità collettiva di tutti, non solo di alcuni paesi - ha continuato - anche per questo ogni occasione, sede, ogni documento che richiami a tale responsabilità comune di tutti gli Stati e non di pochi è occasione, un documento prezioso". Le parole di Mattarella arrivano in momento piuttosto particolare con il governo impegnato sul fronte del Global Compact documento dell’Onu sulla gestione dei flussi migratori che, come spiegato il 21 settembre alla Camera dal ministro degli Estero Enzo Moavero Moavero, recepisce "principi di responsabilità condivisa" nella gestione dei flussi migratori.

Ma sarà l'ebrezza di ritrovarsi in mezzo ai Venti grandi della terra o il racconto giunto sino a Buenos Aires delle ultime dei suoi due vice che non evocano più «babbo Natale», ma da palazzo Chigi ieri sera rimbalzava forte l'ottimismo un po' sudamericano di Giuseppe Conte. Di decimali il presidente del Consiglio non vuole parlare in pubblico, ma l'argomento è stato al centro delle considerazioni fatte con il ministro dell'Economia Giovanni Tria durante le lunghe ore di volo. Al G20 il clima non è dei migliori. Le tensioni Washington-Mosca, come la politica dei dazi di Trump, raffreddano le economie e frenano le esportazioni italiane che hanno retto la crescita sino ad inizio anno. Seppur a fatica sia Di Maio che Salvini mostrano di aver compreso i rischi che l'Italia corre e hanno affidato a Conte e Tria il compito di chiudere - senza troppa danni - la contesa con Bruxelles.

Un percorso molto stretto nei «numerini» e nei tempi. Al ritorno da Buenos Aires Conte e Tria presenteranno ai due vicepremier la manovra di Bilancio con le opzioni che dovrebbero scongiurare la procedura europea e l'esposizione dell'Italia alla speculazione. Nello schema del titolare del Mef il Reddito è destinata a slittare insieme alla riforma delle pensioni. Se la prima misura spaventa Bruxelles più per l'entità, la seconda fa storcere il naso per l'idea che si possa far pesare sulle future generazioni un sistema pensionistico molto più generoso della media europea.

Resta il fatto che toccherà a Di Maio e Salvini decidere molto presto se far saltare il banco restando sopra l'asticella concordata da Conte e Tria con l'Europa o adeguarsi avendo comunque la certezza che le due misure - seppur più in là nel tempo - partiranno. L'annuncio grillino delle card in stampa per il Reddito, come le rassicurazioni leghiste sulla domanda che si potrà fare per aver diritto a quota 100, fanno pensare che l'accordo con Bruxelles sia vicino poichè avere in mano una tessera o poter inoltrare una domanda di pensionamento non significa incassare subito. Di slittamento in slittamento si arriverebbe a metà del 2019, con un risparmio notevole per le casse dello Stato.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI