Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 23 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:464 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1217 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:1954 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1485 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1464 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1431 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1703 Crotone

L'Ikea vuole investire ancora in Italia

L'Ikea vuole investire ancora in Italia. E se la matematica non è un'opinione questo si tradurrà in più posti di lavoro nel nostro Paese. Nei progetti c'è l'apertura di 10-15 nuove strutture. In tempi di crisi non c'è notizia migliore. Eppure, negli ultimi anni, il colosso svedese del mobile ha trovato non pochi ostacoli a causa della burocrazia e della miopia (per non voler pensare troppo male) di diverse amministrazioni locali. In un'intervista al Sole 24Ore l'amministratore delegato di Ikea Italia, Mikael Ohlsson, rivela che il nostro mercato è uno dei più importanti per l'azienda svedese: "Per quanto riguarda le vendite è al quarto posto, per gli acquisti addirittura al terzo. E ci sono grandi margini di crescita". Ikea, tra l'altro, può vantare anche diversi fornitori italiani: "Sono una ventina, ma intendiamo crescere in questo senso", dichiara Ohlsson. E bisogna considerare che per ogni fornitore si possono calcolare circa due-tre subfornitori, quindi la rete di collaboratori si estende a una sessantina di imprese, dislocate in tutta Italia, anche se la concentrazione principale è tra Lombardia, Veneto e Friuli.

Ikea è una realtà molto importante (1.640 milioni di fatturato nel 2010/2011, 6.587 dipendenti, più di 16 milioni di clienti). Ma invece di aiutarla a crescere ancora si fa di tutto per mettergli i bastoni tra le ruote. Come? Rendendo estremamente complicate le procedure per ottenere i terreni necessari d aprire nuovi magazzini e non realizzando le infrastrutture necessarie. Per non dire delle licenze. L'ad di Ikea dice che i tempi "sono i più lunghi di quelli sperimentati in tutti i Paesi dove lavoriamo". A Pisa, solo per fare un esempio, l'attesa è stata di sei anni. Poi è arrivato un no. Anche se ora, dopo l'interessamento del presidente della Regione, pare che la situazione si sblocchi.

Ohlsson ha ammesso che Ikea, nonostante l'incredibile attesa, ha intenzione di restare in Toscana. La conferma arriva anche da ambienti del Comune di Pisa, dove è arrivata una lettera formale del colosso del mobile. Saltato l’investimento di Vecchiano (Pisa), dopo anni di attesa Ikea ha comunque deciso di mantenere l’investimento previsto. "Su Pisa - dice Ohlsson - abbiamo trovato una soluzione alternativa e l’investimento si farà". L’area prescelta, a quanto si apprende, sarà quella attigua al Canale dei Navicelli, a sud della città della Torre pendente; il negozio della multinazionale potrebbe aprire già nel 2013. Qualcosa si muove nella rossa Toscana. L'importante è che non resti un caso isolato. Rinunciare a un investimento complessivo tra 700milioni e un miliardo di euro nei prossimi anni sarebbe davvero folle.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI