Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 01 Ottobre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:613 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1321 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2061 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1586 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1569 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1531 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1810 Crotone

IL Sud rimane penalizzato dalla disparità con il resto d’Italia

In primis, diciamo che dal terzo Rapporto nazionale: “Le dinamiche del mercato del lavoro nelle province italiane”, curato dall’Osservatorio Statistico Consulenti del Lavoro, è emersa una radiografia del Paese che certifica il gap di crescita tra il Nord e il Mezzogiorno, tra una lenta ripresa e difficoltà economiche, più evidenti man mano che ci si posta da provincia, in provincia, da Nord a Sud del Paese. Nello specifico, con 1.500 euro, Bolzano rimane la provincia con il primato degli stipendi, medi alti, fra gli occupati alle dipendenze. Invece, la provincia con le retribuzioni più basse, è Ragusa con 1.059 euro; il gap è del 30% rispetto a Bolzano. La ricerca nell’analizzare, a fondo, i dati sull’occupazione e sulla disoccupazione, fornisce un’analisi molto dettagliata. Vediamo come. La provincia, con la quota più alta di occupati, è Bologna (72,9%) mentre quella con il tasso di occupazione più basso è Reggio Calabria, dove lavorano solo 37,5% di persone su 100. Il Rapporto analizza, anche, il mercato del lavoro attraverso un indice sintetico di efficienza e innovazione, stilando una graduatoria delle province italiane, in base al loro livello di professioni altamente qualificate: al primo posto si colloca Bologna, seguita da Trieste, Monza e Brianza; In coda alla classifica troviamo Crotone. Diversamente, nel gruppo delle province meno innovative e competitive sono presenti tre capoluoghi regionali: Palermo al 90° posto, Reggio Calabria al 92° e Napoli al 96° posto. In conclusione, diciamo che a causa di un Sud, ancora, penalizzato dalla disparità con il resto del Paese, la storica “questione meridionale” persiste, senza limiti.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI