Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 05 Agosto 2020

Gli elementi che fanno crescere il divario col Centro-Nord Italia

In primis, noi diciamo, senza mezzi termini, che, oggi, nel Mezzogiorno ci sono gli elementi che fanno crescere il divario con il Centro-Nord del Paese Italia. Vediamo quali sono. Dal Rapporto sulle economie territoriali realizzato dall’Ufficio Studi di Confcommercio è emerso che troppa burocrazia e poca legalità creano il declino del Mezzogiorno che resta nettamente indietro, rispetto al resto dell’Italia, ad esempio, in termini di accessibilità territoriale. Dietro l’allarme, vediamo i numeri: la burocrazia, in eccesso, la pressione fiscale, il deficit di legalità e delle infrastrutture, il poco lavoro, sono un costo altissimo che fa perdere al Paese Italia, ogni anno, 180 miliardi di Pil. Ma, attenzione, è il Mezzogiorno che paga, più del resto del Paese, la crisi economica, con il rischio, di diventare un “male incurabile”, la storica e persistente, “Questione meridionale”. Ecco un dato emergente su tutti, rilevato dal suddetto Rapporto:” Il reddito pro-capite, in Calabria, è meno della metà di quello della Lombardia (17.200 euro contro 37.500 euro, nel 2017). Ancora, a Bolzano, (Cfr. ultimi Dati Istat), possono vantare un reddito familiare doppio, cioè, di circa 33mila euro rispetto a quello della Sicilia che si ferma a quota 17.901 euro. In conclusione, noi chiediamo alla Politica nazionale che si adoperi, concretamente, affinchè, il divario, tra il Mezzogiorno e il resto del Paese Italia, a lungo andare, non diventi un “male incurabile”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI