Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 21 Agosto 2018

Forever young: Enzo Fogli…

Ago 06, 2018 Hits:1148 Crotone

Giornate del Cinema Lucan…

Lug 31, 2018 Hits:840 Crotone

Il calabrese Francesco Sa…

Lug 30, 2018 Hits:930 Crotone

Galà della moda: il Rotar…

Lug 24, 2018 Hits:1158 Crotone

I grandi del cinema per l…

Lug 24, 2018 Hits:1105 Crotone

A Crotone la IV edizione …

Lug 19, 2018 Hits:1309 Crotone

Michele Affidato alla pre…

Lug 18, 2018 Hits:1183 Crotone

Giancarlo Cerrelli, Segre…

Lug 13, 2018 Hits:1398 Crotone

I fattori che fanno persistere il divario tra Sud e Nord d’Italia

A nostro modesto avviso, ci sono dei fattori che fanno persistere il divario tra il Sud e il nord del Paese Italia, ovvero, la storica “Questione meridionale”. In primis, noi mettiamo in evidenza il divario tra le Università del Sud e le Università del Nord. Un Rapporto statistico ha pubblicato i risultati dei “Dipartimenti di eccellenza”, 180 Dipartimenti di vari atenei italiani che si divideranno un finanziamento di 1,3 miliardi di euro messi in campo dal Ministero della Pubblica Istruzione, per premiare, l’eccellenza delle Università. A questo punto, va detto, senza mezzi termini, che i risultati statistici risultano, piuttosto, scoraggianti per le Università del Mezzogiorno: infatti, dei 180 Dipartimenti vincitori, solo 25, sono delle Regioni del Sud. Ancora, un altro fattore che allarga il divario tra Sud e Nord del Paese è la “qualità della vita”; secondo l’ultimo Rapporto de “Il Sole 24 Ore”, il divario Nord-Sud del Paese, si va allargando, non solo sul piano strettamente economico ma, anche, per quel che riguarda alcuni elementi di “vitalità sociale”: ricchezza e consumi, lavoro ed innovazione, ambiente e servizi, demografia e società, giustizia e sicurezza, cultura e tempo libero. In tal senso, va detto, anche, che non c’è nessun tentativo in atto, a livello nazionale, per ridurre le distanze tra i due poli estremi del Paese: ovvero una linea di sviluppo basata sugli investimenti pubblici, nel Sud, per l’innovazione tecnologica e la infrastrutturazione strategica, sulla capacità di attrarre e trattenere le migliori risorse umane; sulla eccellente valorizzazione delle vocazioni territoriali: agricole, turistiche, artigianali o legate alle tradizioni e alla cultura. E, dulcis in fundo, noi ci auguriamo che nel programma della politica nazionale entri, in via definitiva, questo obiettivo politico importante: una visione nazionale della “Questione meridionale”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI