Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 24 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:884 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1494 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1018 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1717 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2476 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1984 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1975 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1925 Crotone

Partecipate comunali, pozzo senza fondo

La Confedilizia sta partecipando alle riunioni convocate dal Commissario straordinario per la revisione della spesa pubblica Carlo Cottarelli. In una di queste è stato esaminato il tema delle società partecipate dalle Amministrazioni locali e il quadro che ne è emerso è sconfortante.

Delle 6.151 società partecipate dai Comuni, ben 2.023 (circa un quarto) sono in perdita, per un totale di oltre 2 miliardi di euro. Ben 23 società registrano perdite superiori a 10 milioni di euro. Se poi si entra nel dettaglio, i dati fanno ulteriormente riflettere. Tra i settori e le attività economiche delle società in questione ve n’è uno catalogato come “noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese”. Ebbene, sotto questa voce – sulla quale bisognerebbe approfondire le ragioni dell’intervento comunale – risultano 3 società che da sole presentano una perdita pari a oltre 45 milioni di euro. Se si passa alla categoria “attività professionali, scientifiche e tecniche”, poi, si nota che 4 sole società partecipate dai Comuni registrano perdite per quasi 473 milioni di euro.

Nel mandato del gruppo coordinato dal Commissario Cottarelli vi è la domanda: “Qual è l’interesse pubblico nello svolgimento delle attività in capo alle società partecipate?”, con la successiva precisazione: “Nei casi in cui non vi sia un interesse pubblico o quell’interesse possa essere realizzato con altre modalità in modo meno costoso, occorre spingere gli enti a procedere alla chiusura delle società”. Nobili propositi, che si scontrano però con una resistenza senza eguali da parte dei Comuni. Resistenza che – c’è da scommettere – si imporrà anche sulla competenza e sulla buona volontà del dott. Cottarelli.

Corrado Sforza Fogliani

Presidente Confedilizia

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI