Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 27 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:960 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1529 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1053 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1754 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2513 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:2018 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:2008 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1959 Crotone

La Confedilizia sul Piano Casa Lupi

PIANO CASA LUPI

 

 

STANZIAMENTI PER L’AFFITTO (686 milioni di euro)

 

Inquilini (537,6 milioni)

  • Fondo per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione = 100 milioni
  • Fondo per gli inquilini “morosi incolpevoli” = 241,4 milioni
  • Fondo per la concessione di mutui per l’acquisto di alloggi ex Iacp = 132,6 milioni
  • Detrazione Irpef per inquilini housing sociale = 63,6 milioni

 

Proprietari (148 milioni)

  • Riduzione al 10% cedolare per immobili locati con contratti agevolati = 135,2 milioni
  • Estensione cedolare per locazioni con inquilini cooperative e enti non profit = 12,8 milioni

 

STANZIAMENTI PER NUOVE COSTRUZIONI O RIATTAMENTO IMMOBILI (1.041 milioni di euro)

 

  • Piano di recupero immobili di edilizia residenziale pubblica = 567,9 milioni
  • Creazione servizi complementari ad alloggi sociali nonché di quote di alloggi sociali = 300 milioni
  • Agevolazioni fiscali per costruzione o ristrutturazione straordinaria su alloggi sociali = 173,4 milioni

 

Fonte: Confedilizia

 

* * *

 

Il Presidente della Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani, ha dichiarato:

“La riduzione della tassazione sulla cedolare secca è un segnale importante, del quale va dato atto al Governo. Ma questa misura non crediamo possa bastare a capovolgere la tendenza del momento, che peggiora ad ogni rilevazione. Per l’emergenza abitativa, e soprattutto per prevenirla piuttosto che per curarla, sarebbe certo stato meglio incrementare i finanziamenti per tornare ad una redditività dell’affitto (oggi contenuti in 148 milioni in tutto) piuttosto che stabilire stanziamenti per nuove costruzioni – che verranno pronte tra anni e anni – o il riattamento di immobili pubblici o parapubblici per una somma quasi dieci volte superiore”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI