Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 27 Novembre 2022

Le 4 Stagioni di Vivaldi …

Ott 29, 2022 Hits:1258 Crotone

La Maschera d’Argento di …

Ott 29, 2022 Hits:1297 Crotone

Marco Vincenzi virtuoso e…

Ott 21, 2022 Hits:1571 Crotone

Affidato realizza il nuov…

Ott 04, 2022 Hits:2263 Crotone

Successo per il pianista …

Set 30, 2022 Hits:2670 Crotone

Confindustria Crotone ha …

Set 23, 2022 Hits:2735 Crotone

Kiwanis insieme all'Unice…

Set 20, 2022 Hits:2512 Crotone

Santa Severina - Tre gior…

Set 15, 2022 Hits:3550 Crotone

Una crescita del Paese, legata all’eredità del pensiero dei grandi meridionali

Oggi, è opinione diffusa che la storia non è al centro delle passioni e degli interessi di vita, soprattutto dei giovani; si dice, anche, che il pensiero storico non serve a niente, perché, non è in grado di dare risposte a problemi, alle angosce e alle urgenze della contemporaneità. Diversamente, noi pensiamo che in un periodo come quello attuale, in cui i temi del federalismo e del Mezzogiorno, del rapporto pubblico –privato, Stato nazionale e identità locali sembrano inconciliabili e i partiti politici tentano di reinventare il loro rapporto con i cittadini, può essere utile rivolgersi alla storia, per una crescita del Paese legata ad una rilettura dell’eredità del pensiero dei nostri grandi meridionali. Pertanto, rileggere, oggi, alcune figure della storia italiana, come Francesco Crispi, Francesco Saverio Nitti, Giuseppe Di Vittorio, Donato Menichella e Luigi Sturzo, tutti meridionali, significa mettere in evidenza le loro profonde diversità sul piano culturale, politico, ideologico, ma , anche, le loro molte sintonie. Essi, in primis, sono infatti, accomunati da una “grande visione” dell’intero Paese Italia; da uno spiccato pragmatismo, alimentato dall’indagine sul e nel territorio nazionale; tutti animati da una forte proiezione nazionale e internazionale e, al contempo, con notevole capacità di coniugare anche la dimensione locale. Inoltre, hanno un forte senso delle istituzioni, sono protagonisti della costruzione nazionale e sensibili a sperimentare forme originali di intervento dello Stato. Tutte questioni e temi questi che, a nostro modesto avviso, rimandano a tanti problemi del nostro Paese di oggi. In particolare, noi diciamo che, oggi, va riconsiderato, superando facili stereotipi nella politica, il pensiero di Don Luigi Sturzo sull’intervento dello Stato, sul rapporto Stato- mercato e va richiamato il suo lucido e sferzante monito a mantenere saldo il rapporto tra economia, politica ed etica. Ma c’è di più. Egli nel 1959, lanciò un appello su una questione, tuttora presente nel nostro Paese: la moralizzazione della vita pubblica; contro la degenerazione dello Stato, contro le “tre male bestie” che minacciano la “democrazia”, che sono “lo statalismo, la partitocrazia, l’abuso del denaro pubblico”.   In tale prospettiva è di grande interesse, anche oggi, la figura di Don Luigi Sturzo, per la crescita dell’intero Paese.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI