Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 15 Ottobre 2019

Alluvione 1996, Cerrelli:…

Ott 14, 2019 Hits:106 Crotone

Con Shakespeare partita l…

Ott 11, 2019 Hits:202 Crotone

Cerrelli difende gli abit…

Ott 04, 2019 Hits:481 Crotone

"Assaggiamo la Calab…

Ott 04, 2019 Hits:353 Crotone

Giornata Europea delle Li…

Ott 03, 2019 Hits:388 Crotone

Candelnight, a Scandale l…

Set 25, 2019 Hits:623 Crotone

Vernice, il cd dei "…

Set 23, 2019 Hits:674 Crotone

Confedilizia: festa nazionale 17 marzo, vademecum per il condominio

Come devono comportarsi i condominii – in qualità di datori di lavoro di portieri, addetti alle pulizie ecc. – in relazione alla giornata del 17 marzo prossimo, dichiarata Festa nazionale per la ricorrenza del 150° anniversario della proclamazione dell'Unità d'Italia?

Per rispondere a questo interrogativo, la Confedilizia ha illustrato in un breve vademecum le conseguenze che la Festa del 17 marzo comporta nell’applicazione del Contratto collettivo nazionale per i dipendenti da proprietari di fabbricati che la Confederazione sigla, per parte datoriale, con Cgil, Cisl e Uil.

L’istituzione della festività del 17 marzo 2011, che ha effetti civili ma che, sulla base di quanto previsto dal decreto-legge n. 5/’11, non deve comportare oneri a carico dei datori di lavoro, abbisogna infatti – ad avviso della Confedilizia – di qualche indicazione operativa finalizzata a superare alcune incertezze interpretative relative al trattamento retributivo da applicare al personale dipendente.

Il principio generale stabilito dal decreto-legge n. 5 è che la nuova giornata festiva non venga di per sé remunerata, ma trovi compensazione con la ex festività del 4 novembre. Nel comparto relativo ai dipendenti da proprietari di fabbricati – in cui l’ex festività del 4 novembre è stata compensata con alcuni benefici garantiti ai lavoratori sotto forma di permessi retribuiti e minori ore di lavoro settimanale – è necessario allora che i datori di lavoro si accordino preventivamente col proprio personale dipendente al fine di trattare la festività in una delle seguenti modalità:

§         il 17 marzo 2011 il dipendente non presta la propria opera e per tale giornata non viene retribuito;

§         il 17 marzo 2011 il dipendente non presta la propria opera, per tale giornata viene retribuito ed il godimento della giornata festiva viene compensato con corrispondenti permessi retribuiti annuali cui lo stesso ha diritto (per le figure contrattuali per le quali questa opzione è possibile);

§         il 17 marzo 2011 – se il datore lo richiede per esigenze di servizio – il dipendente presta la propria opera e per tale giornata riceve la maggiorazione dovuta per il lavoro festivo.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI