Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 22 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:816 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1458 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:987 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1685 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2441 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1953 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1944 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1894 Crotone

Dalla scuola, un’educazione civica dei giovani, contro i crimini informatici

Sono quasi 18milioni gli italiani fra i 15 e 64 anni che usano Internet. E’ quanto emerge da un’indagine di CoMe, frutto della collaborazione tra il Politecnico di Milano e Mahno/Abis analisi e strategie. Smartphone e tablet i mezzi più usati. Ebbene, Internet, nella vita degli adolescenti è diventato una sorta di terremoto sottomarino(Tsunami). Vediamo perché. I ragazzi che navigano in rete, più di tre ore al giorno, hanno, infatti, stili di vita gran lunga peggiori rispetto ai loro coetanei. Ma c’è un altro dato che preoccupa: la fruizione sempre più massiccia della rete- invece di indurre i giovani ad atteggiamenti più prudenti-, li spinge ad essere sempre più trasgressivi nell’uso di Internet, commettendo crimini informatici violando, in particolar modo, Codici, carte di credito e dati personali. Pertanto, a nostro modesto avviso, già nei primi anni della scuola elementare deve partire, per i ragazzi, un’ educazione civica, ed una formazione costante, per un corretto uso di internet da parte della cosiddetta, “generazione digitale” che si appropria, a volte in modo anomalo, dei metodi di acquisizione delle conoscenze attraverso i nuovi strumenti di comunicazione. In sostanza, la scuola, oggi, ha un ruolo importante verso le nuove generazioni: quello di affrontare i cambiamenti alla luce delle condizioni presenti del vivere quotidiano: oggi, l’informatica permea tutta la nostra quotidianità. Tantissimi nostri dati sensibili e privati viaggiano attraverso le strade digitali, spesso alla mercè di persone terze che ne possono approfittare. E in conclusione, diciamo che questa iniziativa scolastica di educazione civica dei ragazzi finalizzata ad un uso appropriato e legale di Internet, potrà servire anche a combattere quanto affermato dal Clusit, la principale associazione italiana che si occupa di sicurezza informatica e di formazione specifica: “Il nostro ultimo “Rapporto Clusit” evidenzia, tra gli altri dati, come proprio noi fruitori del sistema digitale sottovalutiamo i pericoli delle violazioni informatiche da parte della “generazione digitale”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI