Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 09 Luglio 2020

Imu aree fabbricabili e delibere dei comuni

L’articolo 52 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, disciplina la potestà regolamentare generale delle Province e dei Comuni. L’articolo 59 dello stesso prov- vedimento disciplina, in particolare, la potestà regolamentare in materia di Ici. Tale articolo stabilisce, fra l’altro, alla lettera g) del comma 1, che – con regolamento adot- tato a norma del citato art. 52 – i Comuni possono “determinare periodicamente e per zone omogenee i valori venali in comune commercio delle aree fabbricabili, al fine della limitazione del potere di accertamento del Comune qualora l’imposta sia stata versata sulla base di un valore non inferiore a quello predeterminato, secondo criteri improntati al perseguimento dello scopo di ridurre al massimo l’insorgenza di con- tenzioso”.

Circa l’applicabilità anche all’Imu delle disposizioni di cui al citato articolo 59, deve rilevarsi che l’art. 14, comma 6, del d.lgs. 14.3.’11, n. 23 (federalismo municipale) originariamente disponeva che “è confermata la potestà regolamentare in materia di entrate degli enti locali di cui agli articoli 52 e 59 del citato decreto legislativo n. 446 del 1997 anche per i nuovi tributi previsti dal presente provvedimento” (fra cui l’Imu) mentre, in seguito al d.l. 2.3.’12, n. 16, come convertito, il riferimento all’articolo 59 è stato eliminato.

Se da tale eliminazione potrebbe farsi discendere l’inapplicabilità all’Imu dell’art. 59,

deve tuttavia segnalarsi quanto osservato dal Ministero delle finanze nella circolare n.

296/E, secondo il quale “l’interpretazione del combinato disposto dell’articolo 52, comma 1, e dell’articolo 59 del decreto legislativo n. 446/1997, si ritiene che non possa condurre ad un restringimento del potere regolamentare in materia di Ici, rispet- to al potere regolamentare di carattere generale”.

Può quindi ritenersi che, rientrando la potestà prevista dall’art. 59, comma 1, lett. g), nell’ambito della generale potestà regolamentare dei Comuni, essa sia esercitabile an- che con riferimento all’Imu.

Corrado Sforza Fogliani

Presidente Confedilizia


  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI