Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 04 Dicembre 2021

Crescono gli attacchi informatici

Nel nostro Paese, sono quasi 18 milioni gli italiani tra i 15 e i 64 anni che usano attivamente più mezzi di comunicazione in diversi contesti di vita: una fascia di “consumatori convergenti” che ha un consumo mediale e una dotazione tecnologica(internet) sopra la media. Questo è quanto emerge da un’indagine di ConMe, frutto della collaborazione tra il Politecnico di Milano e Makno/Abis analisi e strategie. Fino a 34 anni l’uso è uguale tra uomini e donne, oltre i 35 anni prevalgono gli uomini. Smartphone e tablet i mezzi più usati. Ma c’è di più. In cinque anni l’”E-commerce, in Italia, raggiungerà i 50miliardi di euro(Fonte: Upa e Google) A questo punto, va detto, pure, che nel mondo, già nel 2012, sono cresciuti del 42% gli attacchi informatici ; e, l’Italia, in particolare, è salita di due altre posizioni entrando nel “G7” delle nazioni con più attività malevole sul web. Questo lo certifica “Symantec” nel suo report annuale, secondo cui Roma è la quarta città al mondo e, prima in Europa, per numero di pc infetti. Pertanto, va detto senza mezzi

termini, che Internet è ‘”una piazza”, la quale può essere pericolosa se utilizzata senza cautele. In modo specifico, più pericolosi sono i “social network” dove si “postano” dati personali o foto private. Purtroppo, questa consapevolezza del rischio di furto, ancora, non c’è, sia tra i singoli utenti, sia anche, tra tutte le nostre imprese. Si stanno moltiplicando i casi di truffe con le carte di credito, ma, anche, di appropriazioni di indirizzi mail e identità personali, per non parlare delle informazioni sanitarie archiviate in Rete che riportano dati estremamente personali. Tra le misure che puntano ad una maggiore sicurezza informatica c’è il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, sulla Sicurezza cibernetica, del 23 gennaio 2013, il quale mira, tra l’altro, a costituire un “Nucleo per la Sicurezza cibernetica” che si avvale del Cert nazionale(Computer emergency Response Team); si tratta di un centro di eccellenza per la sicurezza informatica al fine di rispondere alle situazioni di crisi legate agli attacchi del cyber spazio, che operi, anche con strutture omologhe in Europa. Infatti, l’Enisa, l’Agenzia europea per la sicurezza informatica sarà pure, rafforzata e oltre alla sede principale nell’isola di Creta, a Candia, avrà anche una base ad Atene. Questo lo ha deciso l’Europarlamento riunito in sessione plenaria. In sintesi, il regolamento approvato dagli eurodeputati prevede un nuovo mandato di sette anni per rafforzare e modernizzare la rete europea che si occupa di migliorare la sicurezza informatica e delle reti di telecomunicazioni dell’Unione europea. E, dulcis in fundo, noi suggeriamo, soprattutto, ai singoli operatori di internet, di usare con cautela la diffusione dei propri dati personali, in quanto, la Rete non merita tutta quella fiducia che, normalmente, sono abituati a darle.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI