Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 05 Dicembre 2021

Van Rompuy : "Deal done", accordo raggiunto

"Deal done", accordo raggiunto, scrive su twitter il presidente Ue Herman Van Rompuy, aggiungendo che "il Consiglio europeo si è messo d'accordo sul budget per il resto del decennio. Ne è valsa la pena""Il risultato è soddisfacente", ha detto il premier Mario Monti dopo l'accordo raggiunto a Bruxelles sul bilancio Ue.La sessione finale dei lavori del Vertice Ue slitta ulteriormente alle 14,30. Ai leader dei 27 verrà presentata una "bozza rivista" del bilancio Ue 2014-2020 rispetto alla proposta messa a punto all'alba di oggi. Lo annuncia il presidente Ue Herman Van Rompuy su Twitter.
"Non posso immaginare che il Parlamento europeo approvi un bilancio che crea deficit, perché cioé è illegale". Lo dice all'ansa il presidente, Martin Schulz, oggi a Milano per una serie di incontri, con riferimento alla differenza di 51,6 miliardi di euro previsti nella bozza Vanm Rompuy tra stanziamenti ed effettiva liquidità.
Per l'Italia ci sono comunque novità interessanti:il suo saldo netto migliora di 500 milioni di euro all'anno, e passa così da un saldo netto negativo di 4,5 miliardi nel periodo 2007-2011 a un saldo negativo di 4 miliardi per il settennato 2014-2020. Inoltre guadagna 1,5 miliardi di euro per le regioni meno sviluppate, grazie a dei fondi ad hoc stanziati per i Paesi più colpiti dalla crisi.
Con queste cifre e se non ci saranno cambiamenti, il Ppe dice 'no'". Così Joseph Daul, capogruppo dei 'popolari' al Parlamento europeo commenta con l ansa la bozza sul tavolo dei 27. Al momento sono in corso consultazioni tra i rappresentanti dei gruppi parlamentari.
Fonti del gruppo spiegano che la proposta è "inaccettabile" perché "manca tutto quanto richiesto dal Parlamento". Quattro i punti chiave: nella proposta non c'é vera flessibilità né tra linee di spesa né tra gli esercizi annuali, non è prevista la clausola di revisione di medio periodo, non si sviluppa il regime di risorse proprie e le fonti definiscono "una catastrofe" prevedere un deficit di oltre 50 miliardi tra "pagamenti e impegni" quando già il 2013 si chiuderà con un 'buco' da 13 miliardi.
Dopo una notte passata a limare continuamente la sua bozza di compromesso sul bilancio 2014-2020, il presidente Van Rompuy presenta le sue cifre ai leader dei 27 alle 6.30 del mattino: il tetto complessivo di spesa è 960 miliardi di euro per gli impegni e 908,4 per i pagamenti effettivi.
Rispetto alla proposta di novembre scorso (971 miliardi di impegni), il fiammingo ha tagliato via oltre 10 miliardi, cifra che potrebbe, sulla carta, accontentare tutti. Sarebbe la prima volta nella storia che la Ue diminuisce il suo bilancio, ma secondo molti analisti si tratta di un compromesso al ribasso perché si rinuncia alla crescita e le cifre globali sono tutte al ribasso. 
Ma la crescita resta il capitolo dove si concentrano maggiormente i tagli: infrastrutture, innovazione e ricerca vengono ulteriormente tagliati di 13,84 miliardi. Nella bozza vengono infatti stanziati 125,69 miliardi, nel fallito vertice di novembre erano 139,54 mld (164,31 mld nella proposta della Commissione).
Scure anche sull'amministrazione di un altro miliardo di euro rispetto a novembre, e quasi due miliardi in meno per gli affari esteri, ovvero portafoglio Ashton. Crescono invece di 4,659 miliardi i fondi per la coesione 'economica, sociale e territoriale', e aumentano di 1,25 miliardi di euro i fondi per la politica agricola comune. I capitoli di spesa 'tradizionali' vengono quindi tutti preservati, e i tagli si concentrano sulla spesa comune che non tocca 'buste nazionali' e quindi interessi particolari.
La tanto attesa iniziativa contro la disoccupazione giovanile di Van Rompuy viene finanziata con circa sei miliardi di euro, a cui potranno accedere i Paesi dove il tasso di disoccupazione giovanile supera il 25%, quindi Italia compresa

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI