Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 20 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:710 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1432 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:957 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1660 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2410 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1925 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1914 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1866 Crotone

Ripristinare la deduzione del 15%

La legge di riforma del mercato del lavoro (n. 92/’12) ha previsto, a decorrere dal 2013 (da applicarsi – quindi – con la dichiarazione dei redditi da presentare nel 2014), la riduzione dal 15% al 5% della deduzione forfettaria Irpef per i redditi da lo- cazione (quale parte della copertura finanziaria del provvedimento).

La deduzione del 15% è una deduzione forfettaria delle spese che sono a carico del proprietario che loca (imposte e tasse, manutenzione ordinaria e straordinaria, ripara- zione, assicurazione, amministrazione, rischio sfitto ecc.). Non è, quindi, una agevo- lazione, ma semplicemente una modalità di determinazione del reddito da locazione. Per tutte le attività, il reddito si determina al netto delle spese sostenute per ottenerlo. L’unica differenza è che, per i locatori, le spese non sono determinate analiticamente ma in modo forfettario. Fino a qualche anno fa, peraltro, tale deduzione era pari al

25%. Cifra che era comunque più bassa rispetto a quella che gli studiosi di estimo applicano in relazione al livello dei costi che gravano sul proprietario, calcolata in circa il 30%. L’aver portato al 5% la percentuale di deduzione in parola significa, in sostanza, negare – con una misura senza precedenti – il riconoscimento dei “costi di produzione” di un reddito, quello da locazione. Questo, con misura di assai dubbia costituzionalità, posto che il reddito da locazione viene discriminato in peius rispetto ad altri redditi e perché, comunque, si assoggetta a imposizione fiscale un reddito su- periore a quello reale, siccome depurato di costi (5%) all’evidenza insignificanti.

La Confedilizia ha chiesto formalmente che venga ripristinata la percentuale – di per sé, comunque, insufficiente – del 15%.

 

Corrado Sforza Fogliani

Presidente Confedilizia

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI