Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 27 Novembre 2020

La protesta degli operai dell'Alcoa non si ferma

La protesta degli operai dell'Alcoa non si ferma. In mattinata due operai della fabbrica sarda di Portovesme, al termine di un'assemblea, hanno deciso di salire su un silo a 70 metri di altezza
Gli operai chiedono chiarezza sul futuro dell'azienda dell'alluminio. Mentre a Roma i rappresentanti sindacali dello stabilimento di Portovesme oggi incontreranno 'ABC' (Alfano-Bersani-Casini) per chiedere un intervento sul governo. Una riunione che da unitaria è stata convertita in incontri con le singole forze politiche. "Qualcuno - racconta il segretario nazionale Fim Cisl, Marco Bentivogli - si è defilato, Alfano si è detto amareggiato assicurandoci che lui aveva dato la propria piena disponibilità". Anche Casini si tira fuori. ''Non so chi abbia preferito fare diversamente", ha detto il leader dell'Udc. In ballo c'è la ricerca di una società disponibile a rilevare l'impianto di Portovesme dalla multinazionale americana. Dopo aver manifestato un interesse, per ora la svizzera Glencore ha preso tempo. Per questo il tavolo sull'Alcoa, previsto inizialmente per domani al Ministero dello Sviluppo economico, è stato rinviato al 10 settembre. Uno slittamento, ha spiegato il sottosegretario Claudio De Vincenti, necessario per ''consentire la raccolta di tutti gli elementi necessari ad una proficua gestione del confronto". I rappresentanti sindacali indicano due strade su cui i partiti che appoggiano l'esecutivo Monti possono far sentire la voce "disperata" dei lavoratori: "rallentare lo spegnimento delle celle elettrolitiche; chiedere al governo di creare condizioni di maggiore competitivita' per rendere piu' appetibile l'azienda agli occhi del potenziale acquirente, la Glencore". Dopo aver espresso pieno sostegno alla lotta degli operai dell'Alcoa, Alfano si è appellato al Governo. "Se davvero l'Italia vuole attrarre investitori internazionali, la questione ineludibile è quella del contenimento dei costi dell'energia, condizione essenziale per garantire competitivita'". Per questo ''occorre che il governo nazionale e le principali forze politiche creino le condizioni di contesto legislativo che consentano a nuovi investitori di farsi avanti. E la questione dei costi energetici appare decisiva, cosi' come un impegno chiaro del governo sul futuro del settore dell'alluminio. Il Pdl è determinato ad agire in questo senso''. Pressing sull'esecutivo anche da parte del segretario del Pd. "Sollecitiamo il governo a raddoppiare gli sforzi in questi giorni cruciali", ha detto Bersani, al termine dell'incontro con i rappresentanti sindacali di Alcoa. "E' il momento di spingere -ha aggiunto- affinché gli interlocutori industriali diano continuità ai presidi produttivi sul territorio".
Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI