Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 10 Luglio 2020

Valutazione stress lavoro-correlato, Le “indicazioni” della commissione

In tema di valutazione da stress-lavoro correlato (sic, come da legge) per la sicurezza sul lavoro, la Commissione consultiva permanente per la salute e la sicurezza sul lavoro ha approvato, nella riunione del 17.11.‘10, le indicazioni per la valutazione dello stress lavoro-correlato (confluite poi nella lettera circolare 18.11.‘10, n. 23692, del Ministero del lavoro e delle politiche sociali). L’art. 28, c. 2, d.lgs. n. 81/‘08, infatti, prescrive che “la valutazione dello stress lavoro-correlato è effettuata nel rispetto delle indicazioni di cui all’articolo 6, comma 8, lettera m-quater) (e cioè delle indicazioni di cui sopra) e il relativo obbligo decorre dalla elaborazione delle predette indicazioni e comunque, anche in difetto di tale elaborazione, a far data” dal 31.12.‘10 (termine come da ultimo prorogato).

La Commissione, nelle sue “Indicazioni”, provvede a definire lo stress-lavoro correlato ( “quello causato da vari fattori propri del contesto e del contenuto del lavoro”) e traccia la metodologia da seguire per effettuare la valutazione dello stesso (da parte del datore di lavoro, avvalendosi del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, con il coinvolgimento del medico competente, ove nominato, e previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza).

Nel documento si chiarisce poi che nelle piccole realtà, vale a dire “nelle imprese che occupano fino a 5 lavoratori, in luogo dei predetti strumenti di valutazione approfondita, il datore di lavoro può scegliere di utilizzare modalità (es. riunioni) che garantiscano il coinvolgimento diretto dei lavoratori nella ricerca delle soluzioni e nella verifica della loro efficacia”.

Infine, la Commissione chiarisce che “la data del 31 dicembre 2010, di decorrenza dell’obbligo previsto dall’art. 28, comma 1-bis, del d.lgs. n. 81/‘08, deve essere intesa come data di avvio delle attività di valutazione ai sensi” delle indicazioni in questione. I datori di lavoro che, prima dell’approvazione delle indicazioni metodologiche della Commissione, avessero comunque già provveduto ad effettuare la valutazione del rischio da stress lavoro-correlato coerentemente con i contenuti dell’Accordo europeo del 2004, non devono ripetere l’indagine, ma sono tenuti, qualora si verifichino gli specifici eventi previsti dalla legge (quali, per esempio, infortuni significativi o modifiche del processo produttivo o della organizzazione del lavoro significative ai fini della salute e sicurezza dei lavoratori), all’aggiornamento della stessa.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI