Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 17 Ottobre 2019

Alluvione 1996, Cerrelli:…

Ott 14, 2019 Hits:134 Crotone

Con Shakespeare partita l…

Ott 11, 2019 Hits:231 Crotone

Cerrelli difende gli abit…

Ott 04, 2019 Hits:515 Crotone

"Assaggiamo la Calab…

Ott 04, 2019 Hits:379 Crotone

Giornata Europea delle Li…

Ott 03, 2019 Hits:412 Crotone

Candelnight, a Scandale l…

Set 25, 2019 Hits:644 Crotone

Vernice, il cd dei "…

Set 23, 2019 Hits:694 Crotone

Prosegue la salita dei prezzi raccomandati dei carburanti, con la benzina che nel fine settimana ha raggiunto nuovi record in alcune aree del Paese. Ad appena un giorno dall'ultimo aumento, rileva Qe nel consueto monitotaggio, nella giornata di sabato Eni è tornata ad aumentare di 1 centesimo sia la benzina che il diesel, Esso di 1,5 centesimi entrambi i prodotti, IP di 0,5 centesimi il solo gasolio. Questa mattina, invece, Tamoil ha finalmente rotto gli indugi salendo di 1 centesimo su benzina e diesel, pur confermandosi molto competitiva rispetto ai principali competitor. Movimenti che si fanno sentire pesantemente sul territorio.
A livello Paese, oggi la media dei prezzi praticati della benzina (in modalita' servito) va dall'1,555 euro/litro degli impianti Tamoil all'1,567 dei punti vendita Eni (no-logo a 1,479 euro/litro). Per il diesel si passa dall'1,445 euro/litro delle stazioni di servizio Tamoil all'1,461 rilevato negli impianti Q8 (le no-logo a 1,393). Il Gpl, infine, si posiziona tra lo 0,793 euro/litro registrato nei punti vendita Eni allo 0,799 euro/litro degli impianti Q8 e Tamoil (0,771 euro/litro le no-logo).
Quanto all'analisi per macroaree (Nord-Ovest, Nord-Est, Centro e Sud) si segnala, ad esempio, che nel Mezzogiorno la benzina raggiunge punte massime di 1,598 euro/litro e il diesel di 1,482 euro/litro. Situazione diversa al Nord-Est dove, nel caso della verde, le compagnie si mantengono poco oltre 1,55 euro/litro con punte minime di 1,52 euro/litro. Al Centro Beyfin si conferma molto competitiva rispetto alle petrolifere.
Nuovi "inaccettabili" aumenti nel settore rc auto. Dopo i rincari registrati lo scorso anno, in media del 18%, quest'anno le tariffe per assicurare continuano a salire, registrando un incremento medio del 12%. I dati arrivano dall'Osservatorio nazionale Federconsumatori, che ha effettuato il proprio monitoraggio sul costo delle tariffe rc auto, prendendo a campione le prime 5 compagnie assicurative, che coprono oltre il 60% del mercato.
L'indagine, che ha preso a campione aree del nord, del centro e del sud del Paese, è stata effettuata utilizzando i preventivi messi a disposizione dalle compagnie stesse, nonché attraverso le numerosissime segnalazioni che ci pervengono dai cittadini, negli oltre 1.000 sportelli sul territorio nazionale. A crescere in misura maggiore, ancora una volta, le tariffe per i neopatentati, con picchi di aumento che superano anche il 25%. Non sono da meno le tariffe per i cinquantenni che, anche in 1 classe, hanno subito aumenti fino ad oltre il 20%.
Questa nuova ondata di aumenti, sottolineano le associazioni, fa crescere ancora l'impressionante bilancio dei rincari registrati dal 1994 ad oggi, pari ad oltre 186%. ''Ad aggravare la situazione contribuiscono anche le azioni di disdetta e l'abbandono di polizze assicurative da parte delle compagnie, soprattutto nel Sud''. Sono sempre più numerose, affermano i presidenti di Federconsumatori e Adusbef, Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, ''le denunce dei consumatori relativamente al fatto che molte compagnie di assicurazione disdicono, senza motivazione alcuna, i contratti assicurativi, per poi riproporli con aumenti esagerati, che raggiungono anche il doppio delle tariffe precedenti''. ''Un andamento vergognoso ed intollerabile, al quale bisogna porre fine'', sottolineano i presidenti. Per questo, concludono, ''richiediamo interventi immediati che aumentino la competitività in tale settore, attraverso l'incremento ed il potenziamento del ruolo degli agenti plurimandatari''.

Riunione  del comitato di emergenza  e monitoraggio gas presso il Ministero dello Sviluppo economico  .

Presieduta  dal Ministro Paolo Romani,  e con la partecipazione dal sottosegretario  Stefano Saglia , ha avuto come oggetto la valutazione  delle eventuali misure da prendere dopo la  sospensione delle forniture dalla Libia attraverso  il gasdotto  Greenstream .

Del Comitato fanno parte  rappresentanti della Direzione Generale  del Dipartimento dell’Energia  , l’autorità’ per l’energia e gas , tutte le imprese che gestiscono le infrastrutture  italiane di  stoccaggio e rigassificazione , Terna per le interrelazioni tra sicurezza dei sistemi del gas elettrico .

Il comitato ha concluso  che al momento non vi sia   alcuna esigenza di adottare misure aggiuntive,

infatti sono ancora disponibili negli stoccaggi nazionali oltre 3,8 miliardi di metri cubi , a cui si aggiungono i 5,1  miliardi dello strategico , inoltre si e’ valutato di incrementare  le procedure  per incrementare la produzione nazionale  .

- Trasmettere alle giovani generazioni i valori di solidarietà, giustizia e legalità attraverso lo sport. E’ con questa finalità che il PON Sicurezza, il Programma cofinanziato dall’Unione Europea di cui è titolare il Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno, lancia l’iniziativa “IO Gioco LeGale”, che prevede la realizzazione di 100 impianti sportivi nelle quattro regioni Obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia, Sicilia).

Proprio in questi giorni, comuni e province delle regioni coinvolte stanno ricevendo dall’Autorità di Gestione del PON un avviso pubblico per la presentazione di progetti relativi alla realizzazione di tali impianti da scegliere alternativamente tra due tipologie: un campo polivalente coperto per la pratica delle più diffuse attività sportive di squadra (calcio a 5, pallacanestro, pallavolo) e un campo da calcio a 5 outdoor.

I progetti, da presentare utilizzando un modello semplificato dovranno rispondere ad apposite specifiche tecniche che saranno disponibili a breve per gli enti interessati.

I comuni che intendono presentare progetti dovranno trasmettere l’intera documentazione alla Prefettura competente per territorio entro il prossimo 11 aprile. La Prefettura avvierà quindi una prima selezione: le proposte considerate prioritarie verranno trasmesse alla Segreteria Tecnica del PON Sicurezza entro il 10 maggio.

L’Italia e’ prima in Europa , il Mister PMI . Si chiama Giuseppe Tripoli

Lo ha nominato il ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani.

La  nuova figura  istituzionale  ha  lo specifico compito di occuparsi delle problematiche  delle piccole  e medie imprese  .

Dopo il cosiddetto Mister prezzi ha spiegato Romani   “e’  giusto che ci sia anche un mister  PMI ,  che si  occuperà’ di tutto quello che riguarda  le piccole e medie imprese “.

Il 14 marzo – ha così ricordato il ministro  c’e’ in discussione  la legge sullo statuto delle imprese  e’ sarà la persona che  avrà  controllo  della questione per il ministero dello sviluppo economico”.

Giuseppe Tripoli e’ nato a Catania ,  da maggio 2009 ricopre l’incarico di Capo dipartimento per l’imprese e l’internalizzazione  del ministero dello sviluppo economico .

E’ stato  segretario generale  dell’Unioncamere  dal 2001 al 2009  in  qualità di componente di Eurochambres (organizzazione  europea delle camere di commercio) .

Il Presidente della Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani, ha dichiarato:

“Il varo in via definitiva, nella seduta di stamane del Governo, della cedolare secca sugli affitti (che la Confedilizia ha proposto anni fa e perseguito poi tenacemente, in tutti questi anni) rappresenta una svolta storica per il sistema fiscale italiano, prima ancora che un provvedimento determinante (nonostante qualche sbavatura) per ridare redditività alla locazione e per il rilancio, quindi, di un settore che solo può assicurare la mobilità delle forze del lavoro e delle masse studentesche sul territorio. L’introduzione in questi termini di una flat tax – che, ovunque è stata applicata, non ha fatto registrare che successi, sul piano della competitività e del progresso economico – è un segnale importante, è un precedente che esce fuori da nostri schemi tributari tradizionali e che può costituire la base per una riforma fiscale veramente innovativa, fondata sulla necessità ineludibile di affamare la bestia della spesa pubblica che caratterizza lo Stato moderno. La Confedilizia è lieta che il successo ottenuto con la conquista della cedolare possa segnare anche una via da perseguire in altri e più ampi settori, nel segno della promozione dello sviluppo”.

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI