Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 22 Febbraio 2019

Su proposta del Ministro dello Sviluppo Economico  Paolo Romani  il Consiglio dei Ministri ha  nominato  Guido   Bortoni  , già  Capo dipartimento per l'Energia al Ministero dello Sviluppo Economico.

Nella stessa sede si e’ proceduto alla nomina  dei componenti dell’Autorità’ per l’energia elettrica e il gas  che sono .  Luigi Carbone (capo dipartimento del ministero della semplificazione normativa ) Rocco Colicchio (attuale  revisore dei conti dell’Attuale Energia) , la ( professoressa universitaria ) Valeria Termini , e Alberto Biancardi (direttore generale  della Cassa conguaglio per il settore elettrico) .

In occasione  di un evento particolare: la Giornata della Piccola impresa, tenutasi a Roma, il 18 novembre scorso, il Pmi Day, come è stato sinteticamente battezzato, le piccole e medie imprese italiane hanno aperto le porte ai giovani per mostrare i luoghi di lavoro, le eccellenze del made in Italy. I numeri sono già di tutto rilievo: hanno aderito 51 associazioni industriali, oltre 300 imprese, più 250 scuole medie inferiori e superiori, per un totale di 15mila partecipanti, soprattutto studenti, accompagnati dagli insegnanti e dalle famiglie. Pertanto la piccola impresa va vista come fattore di ricchezza del territorio, come progetto di vita e di passione per i giovani. Ma c’è di più. A nostro avviso, va affermato il valore delle piccole e medie imprese, molto diffuse nel nostro Paese, essenzialmente trasformatore,  puntando sulla loro capacità di costruire benessere collettivo e di difendere con il lavoro, la dignità delle persone e la libertà di tutti come affermato dall’art.1 della Costituzione  italiana.  Peraltro, in un contesto economico di rallentamento della ripresa, come quello attuale, un debito pubblico più alto di tutti i tempi; una disoccupazione a livello inaccettabile, le piccole e medie imprese richiedono un’attenzione speciale, in quanto generatori chiave di impieghi lavorativi. Va detto pure, senza mezzi termini che  questi soggetti economici hanno  subito l’impatto da un lato del calo della domanda e, dall’altro della contrazione del credito. Ci sembra necessario dire, in questa situazione di difficoltà economiche, che servono riforme strutturali, a lungo termine, per migliorare il contesto economico e del business, fornendo, in particolare, alla Pmi innovative, l’opportunità di competere sul mercato, tramite strutture di finanziamento legali, specifiche, in un campo di gioco livellato, con obiettivi, ben indirizzati ed efficaci. E dulcis in fundo, diciamo che questa linea di indirizzo socio economico  e politico va seguita in quanto, oggi, un piccolo imprenditore, - (da informazioni, da noi acquisite), - quando entra la mattina in ufficio, non si chiede più quale sarà il futuro della mia azienda, ma quale sarà il futuro del Paese. Un senso di responsabilità, questo, che dimostra i passi avanti fatti dalle  attuali, piccole imprese.

Ammontano a quasi 95 miliardi di euro (94,9 miliardi per l’esattezza) gli incassi dell’Inps derivanti dal pagamento dei contributi previdenziali obbligatori, nei primi nove mesi dell’anno. Si tratta di un incremento dell’1,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, quando ci si era fermati a 93,7 miliardi.
“E’ un dato importante per più di un motivo – commenta il presidente dell’Inps, Antonio Mastrapasqua – è un sintomo di vitalità delle imprese, un confortante segnale di legalità nel mercato del lavoro e una conferma dell’efficienza dell’Istituto nel contrasto all’evasione contributiva e nella diffusione di una cultura di collaborazione con le aziende”.
Nel dettaglio si nota un progressivo incremento delle riscossioni contributive nelle imprese con dipendenti: +0,61% rispetto al 2009. Crescono anche i contributi versati dai lavoratori a progetto (+1,41%). Complessivamente, l’incremento di 1,2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, diventa una crescita dell’1,4% se confrontato con le previsioni formulate per l’anno in corso.
Un decisivo contributo all’aumento delle riscossioni viene dalla lotta all’evasione contributiva. Tra gennaio e settembre gli incassi derivanti dal recupero dei crediti Inps sono arrivati a 3,7 miliardi: +10% rispetto ai primi nove mesi del 2009. “Le azioni di contrasto all’evasione contributiva continuano a registrare successi – aggiunge il presidente Mastrapasqua – la crescita percentuale più sensibile è quella che viene dall’azione dei nostri concessionari. Sono certo che entro l’anno supereremo l’obiettivo dei 6 miliardi. Oltre al continuo miglioramento delle azioni di intelligence della Direzione Accertamento dell’Inps, ora possiamo contare anche sui nuovi strumenti che la legge 122/2010 ci ha messo a disposizione per contrastare l’evasione”.
Dei 3,7 miliardi recuperati all’evasione, 2,1 sono stati incassati in via amministrativa, 1,6 miliardi (+30,5% rispetto al 2009) vengono tramite concessionari.

Entra in vigore dal mese di ottobre per 20 milioni di famiglie la nuova assicurazione per gli incidenti provocati da fughe di gas .
I consumatori beneficeranno dei nuovi servizi che potranno essere richiesti a seguito di incidenti o danni causati dall’uso del gas attraverso la rete cittadina .
Infatti la nuova polizza rafforza e a amplia la tutela a favore dei consumatori .
Le amministrazioni condominiali e i consumatori singoli possono comunque stipulare volontariamente assicurazioni integrative rispetto a quella obbligatoria di protezione base già disposta dall’Autorità’ e compresa in tariffa.
Il nuovo contratto – al costo di soli 0,70 euro all’anno per il prossimo triennio- copre tutti i consumatori e tutti coloro che fossero coinvolti in incidenti causati dall’uso del gas infortuni incendi e responsabilità civile.
I massimali previsti sono di 11 milioni di euro per sinistro per la responsabilità civile verso terzi , 154,000 euro per danni immobili, e 63 .000 euro per danni a cose , 195.000 in caso di morte o invalidità permanente totale .
Infine chi ha subito un incidente di gravi dimensioni potrà usufruire di aiuti di primo interventi chiamando il numero verde 800713742 o il numero (0258286732) messo a disposizione dalla Compagnia di assicurazione che dovrà trovare entro due giorni dalla richiesta un alloggio sostitutivo per i primi 15 giorni e garantendo anche altri servizi.
A tutela dei consumatori e alla continuità della copertura del periodo fino al 31 dicembre 2013 e non potrà essere disdetta da entrambi le parti .
A favore dei clienti sono stati introdotte delle penali a carico delle compagnie di assicurazione in caso di ritardi ingiustificati.
Per informazioni generali sull’assicurazione possono essere richieste al numero verde dello Sportello per il consumatore 800166654.
Invece chi e’ coinvolto in un incidente o ha subito danni può rivolgersi al numero verde 800929286 , la polizza e i documenti informativi e tutte le informazioni sono disponibili sul sito del CIG all’indirizzo www.cig.it .

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI