Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 19 Luglio 2019

Uno sforzo continuo verso l’eccellenza  ha portato l’azienda Farina alla realizzazione di  un’Amarone in grado coniugare la struttura all’eleganza, con un gusto avvolgente e raffinato. Uno straordinario connubio armonioso dei sentori tipici della Valpolicella dove l’amarena, la spezie, la liquirizia consentono una bevibilità invidiabile, e lo rendono abbinabile a numerosi piatti della tradizione gastronomica italiana ed internazionale.

Parliamo del prestigioso Amarone 2000, una riserva prodotta in solo 2.500 esemplari, a testimonianza di un ricercato investimento nella qualificazione e nell’originalità.

“Siamo fieri di presentare a questa edizione di Vinitaly (Verona 7-11 aprile 2011 – pad. 4 stand F2) questo speciale Amarone – spiega uno dei titolari dell’azienda – che rappresenta un’importante tappa per la nostra azienda, animata da sempre dalla passione e dalla voglia  di migliorare costantemente la qualità della propria produzione enologica”.

Ricercatezza e particolarità anche nel “vestito” scelto per questo Amarone 2000, come fosse il prodotto di sapienti mani sartoriali. Preziosità e finezza di una etichetta in tessuto, d’obbligo per presentare un vino di altrettanto stile ed eleganza.

“Questa etichetta in stoffa così originale – sottolinea– mi è venuta in mente alcuni mesi fa quando degustavo direttamente dalla botte questo nostro Amarone. Ho percepito la sua straordinaria eleganza, finezza. Mi è sembrato di provare un vestito su misura realizzato da uno stilista. E allora, mi sono chiesto, perché non evidenziare questo aspetto? Così è nata l’idea di un’etichetta in tessuto per il nostro vestito Amarone 2000”.

Il Presidente della Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani, ha dichiarato:

 

“Avevamo tempo fa segnalato la necessità di una tempestiva emanazione da parte dell’Agenzia delle entrate del provvedimento attuativo previsto dalla normativa sulla cedolare secca sugli affitti. Le assicurazioni avute garantiscono un tempestivo decollo di un provvedimento che – pur limitato alle persone fisiche e all’uso abitativo – costituisce comunque una svolta storica ed un precedente di tassa piatta che auspichiamo venga presto esteso all’intero settore locativo e, progressivamente, al sistema tributario in sé. Dovunque la flat tax è stata applicata, ha infatti assicurato maggiori risorse al Fisco. E’, con la riduzione della spesa pubblica, la via del futuro anziché di quel passato di cui sono invece rappresentative quelle controproducenti patrimoniali che da parte di qualcuno si continuano a proporre – pur dopo le contrarie assicurazioni del Governo – nella logica punitiva che pervade un certo vetero-sindacalismo nonché esponenti dell’interventismo pubblico”.

Approvato dal Ministero dello Sviluppo Economico un nuovo elettrodotto che collegherà l'Italia e la Francia, in corrente continua ad altissima tensione.

Con un investimento di 700 milioni di euro  la nuova interconnessione con la Francia consiste nella realizzazione di un doppio collegamento elettrico in cavo interrato in corrente continua, dalla Stazione Elettrica di Piossasco, in provincia di Torino, per una lunghezza di circa 95 km, utilizzando le infrastrutture autostradali della A32 e la galleria di servizio che sarà realizzata parallelamente all’esistente tunnel del Frejus.

In territorio francese l’elettrodotto si attesterà alla stazione elettrica di Grande - Ile.

Dal 2016 il nuovo collegamento, aumenterà la capacità di importazione di energia elettrica dalla Francia verso l’Italia, darà maggiore sicurezza di esercizio e aiuterà alla riduzione delle congestioni di rete tra i due Paesi oltre alla diminuzione del prezzo dell’energia nel mercato elettrico nel nostro territorio.

Il federalismo municipale (ed è un aspetto sfuggito ai  più) fa crescere l'imposta di scopo, prevista dalla legge finanziaria del 2006.

A decorrere dal 1° gennaio 2007, dunque, i Comuni potevano istituire l'imposta in questione, esclusivamente al fine della "parziale copertura" (al massimo per il 30 per cento) delle spese per la realizzazione di opere pubbliche individuate dagli stessi Comuni fra quelle (9 tipologie, dalle viarie a quelle di realizzazione di parcheggi pubblici e così via) indicate nella citata legge. L'imposta poteva essere istituita - in relazione alla stessa opera - per un periodo massimo di 5 anni, applicando alla base imponibile dell'Ici un'aliquota massima dello 0,5 per mille.

Con il provvedimento sul federalismo fiscale, le cose cambiano radicalmente in peggio (per il contribuente, ovviamente). I Comuni hanno infatti ottenuto a proprio favore modifiche di riguardo (destinate ad entrare in vigore dopo l'adozione - entro il 31 ottobre di quest'anno - di un apposito regolamento presidenziale, su conforme deliberazione del Governo).

Innanzitutto, al lungo elenco del 2006 si aggiungeranno "opere pubbliche ulteriori" (categorie da individuarsi - par di capire - dallo stesso regolamento, non - perlomeno ... - dai singoli Comuni). Salirà poi a 10 anni (al posto degli anzidetti 5) il periodo massimo di applicazione dell'imposta: mica male davvero, un raddoppio secco. Peggio ancora per la misura della copertura della spesa: che potrà raggiungere il totale, al posto del visto 30 per cento.

Restano ferme le altre disposizioni. I Comuni potranno prevedere esenzioni, riduzioni o detrazioni e - bontà loro... - nel caso di mancato inizio dell'opera pubblica programmata entro due anni dalla data prevista, dovranno restituire ai contribuenti - entro i due anni successivi - gli importi di imposta già riscossi. Con gli interessi? Non se ne parla proprio,  né nella legge né nell'improvvido provvedimento federalista.

 

Corrado Sforza Fogliani

(Presidente Confedilizia)

 

 

E’ stata costituita  dal ministro dello Sviluppo Economico  Paolo Romani

Compito del gruppo di lavoro  è  monitorare l’impatto economico  della crisi  del Magreb  e dei Paesi del golfo nel medio e lungo periodo , e a  supportare le aziende italiane  attive nell’area.

La struttura  del ministero  opererà  in collaborazione  con i colleghi del Ministero degli Affari Esteri , Simest, Sace , Confindustria , Unioncamere  e Assocamerestero, e infine con l’Ice  che ha base a Tripoli .

Le imprese che vorranno avere informazioni o contatto con la task force potranno   utilizzare il sito web: www.sviluppoeconomico.gov.it

E’ inoltre  possibile  utilizzare i recapiti telefonici +390659932800 ; +390659647471, disponibile  dalle ore 08,00 alle ore 20,00 , in aggiunta e’ anche attiva una segreteria telefonica.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI