Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 21 Agosto 2019

La Biblioteca Frassati co…

Lug 24, 2019 Hits:858 Crotone

Taormina Film Fest: il ma…

Lug 08, 2019 Hits:3318 Crotone

A Nicole Kidman il "…

Lug 02, 2019 Hits:1327 Crotone

Maria Taglioni: 11 diplom…

Giu 24, 2019 Hits:1384 Crotone

Giuseppe Castagnino nomin…

Giu 14, 2019 Hits:1677 Crotone

Giornate Internazionali d…

Giu 13, 2019 Hits:2110 Crotone

La copertina del saggio

 

Il pensatore brasiliano Plinio Corrêa de Oliveira (1908-1995), ancorchè tuttora poco noto al grande pubblico in Italia, è stato uno dei più eminenti esponenti della dottrina detta 'controrivoluzionaria' del secolo passato. Se solo si accostano onestamente le sue pagine, non si può negare che molte (se non quasi tutte) delle sue analisi e diagnosi sulla decadenza morale e spirituale della società occidentale si siano poi puntualmente avverate. Grazie al lavoro di Guido Vignelli, che del pensiero controrivoluzionario in Italia da decenni è uno dei più preparati studiosi (si veda anche la sua recente traduzione di un'opera-chiave della produzione di Joseph de Maistre (1753-1821), le Considerazioni sulla Francia, Editoriale Il Giglio, Napoli 2010) è finalmente disponibile in una nuova e più aggiornata traduzione un saggio - oggi come allora politicamente scorrettissimo - di Corrêa de Oliveira che ebbe notevole eco negli anni Sessanta, quando uscì per la prima volta, Trasbordo ideologico inavvertito e dialogo (cfr. P. Corrêa de Oliveira, Trasbordo ideologico inavvertito e dialogo. Note sulla guerra psicologica contro i cattolici. Con postfazione di Guido Vignelli, Editoriale Il Giglio, Napoli 2012, Pp. 128, Euro 15,00). Per l'occasione la “Presentazione” (pp. 5-7) è firmata da S.A.I.R. Dom Bertrand de Orléand e Bragança, Principe Imperiale del Brasile e pronipote di Teresa Cristina di Borbone- Due Sicilie (1822-1889) che conobbe e frequentò a lungo il pensatore brasiliano tanto da finire con l'impegnarsi “totalmente nella lotta contro-rivoluzionaria” (p. 6). Anch'egli sottolinea il valore letteralmente antiveggente dell'opera giacché “scritta nel 1965, essa contiene insegnamenti perfettamente attuali” (ibidem) cosicchè oggi “nello scrutare le cause profonde di quell'immane processo rivoluzionario che ha rovesciato istituzioni millenarie, colpendo anche la Santa Chiesa cattolica e minacciando di estinguere ogni traccia di civiltà cristiana, non possiamo non riflettere sul fatto che, al cuore, troviamo il venir meno dello spirito militante in coloro che avrebbero dovuto invece difendere la Tradizione” (ibidem). La questione di fondo, per i cattolici e quanti si richiamano al primato del buon senso e della legge naturale sulle mode e le tendenze effimere, è che “sostituendo l'apologetica col dialogo, la militanza con l'ecumenismo acritico, la lotta con l'accomodamento, i difensori della Tradizione – sia spirituale che temporale – sono stati progressivamente corrosi dal virus del relativismo, nemico mortale di ogni principio religioso e politico. E le conseguenze sono lì, davanti ai nostri occhi” (ibidem).

Si tratta quindi di affrontare finalmente il relativismo, e i suoi numerosi figli e figliastri, come un vizio in radice intellettuale e spirituale e, in quanto tale, da sradicare. La successiva “Introduzione” all'opera (pp. 9-13) spiega a grandi linee come questo processo ha avuto luogo nel linguaggio, dove l'allora propaganda comunista (oggi relativista) ha distorto numerosi vocaboli con l'obiettivo di fuorviare la percezione dei singoli, e della società, verso di essi. Le parole sono diventate così “una specie di talismano” (p. 9) in grado di esercitare sulle persone un effetto psicologico specifico che non ha tardato a manifestarsi in tutta la sua nocività. Tra queste la più formidabile è stata senz'altro il termine 'dialogo', “parola, questa, di un significato multiforme ed enigmatico” (p. 11) che - complice una massiccia propaganda pubblica e massmediatica trasversale - si è progressivamente affermata come una sorta di nuovo idolo da adorare, e adottare, producendo al tempo stesso in chi la utilizzava un sensibile mutamento delle proprie idee e tendenze morali e intellettuali: un vero e proprio disarmo interiore, insomma, che ha finito per dare luogo al famoso 'trasbordo ideologico inavvertito' di cui al titolo.

L'autore lo illustra in dettaglio nei quattro capitoli che compongono il saggio: nel primo (“La nuova tattica comunista: azione persuasiva del subconscio”, pp. 15-23) Corrêa de Oliveira si sofferma sul carattere “essenzialmente innaturale” (p. 17) del comunismo che lo ha reso nei secoli così inviso a ogni comunità, occidentale e non, a ogni latitudine del globo. La sola ed unica 'grandezza' (sottolineando qui accuratamente e abbondantemente il senso eufemistico delle virgolette) dell'ideologia marxista è stata infatti la carica di violenza su ampia scala che essa è stata in grado di innnescare o anche solo di minacciare con effetti-deterrente non sempre auspicabili: “se infatti il comunismo è nulla in quanto forza costruttiva, è qualcosa in quanto forza distruttiva” (p. 19) come le pagine più recenti della storia contemporanea (e persino la cronaca attuale, si pensi soltanto a quanto avviene quotidianamente nei regimi cinese, nordcoreano o vietnamita) hanno dimostrato. Qui l'autore aggiunge una postilla decisiva - sempre ribadita dal Magistero pontificio - un tempo peraltro generalmente più condivisa di oggi e cioè che il legame tra comunismo e liberalismo è più stretto e, staremmo per dire, 'fisiologico' di quanto solitamente si pensi da parte dell'uomo-medio della strada. In effetti, le due ideologie (e che, proprio in quanto tali, evidentemente, rifiutano alla base i dati di realtà) superficialmente in opposizione, hanno ben più di un punto in comune. D'altra parte, storicamente, fu proprio il liberalismo “che trionfò con la Rivoluzione Francese [a spargere] nell'Occidente i germi del comunismo” (p. 21) e contribuendo così all'accelerazione del moto rivoluzionario nel suo insieme. Né è un caso che sui principi non negoziabili le due correnti oggi convergano ampiamente e anzi teorizzino finalmente la loro distruzione con le stesse identiche motivazioni (l'insindacabilità dell'autodeterminazione nel caso dell'aborto, l'adattamento ai tempi che cambiano nel caso delle coppie di fatto, l'antiproibizionismo come valore assoluto nel caso della droga, etc.). Il secondo capitolo (“Il trasbordo ideologico inavvertito”, pp. 25-32) illustra invece la tecnica della persuasione tipica che dà luogo al trasbordo ideologico. Questo in buona sostanza consiste “nell'agire sullo spirito altrui, portandolo a cambiare ideologia senza che se ne accorga” (p. 28) e, al contempo, emarginare dal dibattito pubblico tutti coloro che si ostinano a promuovere un pensiero forte etichettandoli come fanatici, estremisti e persino pericolosi per l'ordine sociale. Strumentale a tale processo è la diffusione in modo esponenziale delle parole-talismano che - mutate ad hoc dalla propaganda relativista - finiscono per cambiare il senso stesso della realtà (si veda il terzo capitolo, “La parola-talismano, espediente del trasbordo ideologico inavvertito”, pp. 33-39). La parola 'dialogo' da questo punto di vista rappresenta forse il successo più evidente della guerra psicologica conro i cattolici e del relativo processo di manipolazione del reale: se oggi si vuole avere una qualche chance d'influire sull'opinione pubblica occorre previamente fare ammissione di volontà di dialogo e ascolto, su qualsiasi argomento e indipendentemente dall'interlocutore. Una persona che invece, poniamo, non volesse dare pubblicità (anche solo ascoltando) alla diffusione delle droghe semplicemente perchè non c'è niente da discutere, verrebbe additato subito come un 'bigotto' e un 'talebano', persino in ambienti – tendenzialmente – a lui più prossimi dal punto di vista culturale. Ma anche se si ostinasse (pure dopo un paziente confronto) a ripudiare ragionevolmente senza se e senza ma ogni sollecitazione avversa verrebbe comunque visto come un nemico dell'ordine sociale proprio perchè non negozia sui princìpi (si veda in dettaglio il capitolo quarto, “un esempio di parola-talismano: 'dialogo'”, pp. 41-59). E pensare che la pace, in realtà, sarebbe proprio “[quella] tranquillità dell'ordine” (citando il celebre De Civitate Dei Sant'Agostino) che riposa solo sulla verità e sul bene.

La citazione di Sant'Agostino, peraltro, non è casuale: l'autore infatti – polemizzando anche con un certo accomodamento al mondo che ha investito la Chiesa dall'interno negli ultimi decenni – vuole riscoprire il repertorio della buona e sana polemica che fa parte a pieno titolo della Tradizione della Chiesa e delle opere migliori di non pochi tra Santi e Dottori tra cui San Gerolamo (347-420), San Bernardo (1090-1153), San Francesco di Sales (1567-1622). Non solo, ma anche nell'ultimo tumultuoso secolo non sono state certo poche le personalità che hanno contestato la cultura dominante da questo punto di vista esponendosi in prima persona. Nella postfazione alla nuova edizione (“Il mito del dialogo relativista. Una strategia di conquista che continua”, pp. 95-123) Vignelli cita i nomi significativi di Thomas Molnar (1921-2010), Augusto Del Noce (1910-1989), Jean Ousset (1914-1994), Etienne Gilson (1884-1978), nonché – con riferimento diretto alla Chiesa – la predicazione e gli scritti di Cornelio Fabro (1911-1995), Dario Composta (1917-2002), Giuseppe Siri (1906-1989), Enrico Zoffoli (1915-1996). Negli stessi anni di Corrêa de Oliveira, ad esempio, Augusto Del Noce, ugualmente inascoltato, in Italia, lanciava lo stesso grido d'allarme: [egli] “obiettò che i dialoganti occidentali, specie quelli cattolici, erano dominati da un complesso di colpa sul passato (medioevale), da un complesso d'inferiorità sul presente (moderno), da illusioni pacifiste sul futuro, nonché dal rispetto umano verso i 'fratelli separati' e i 'compagni di strada' e dalla ossessione di evitare divisioni e conflitti nella illusione di essere così accettati da tutti” (p. 98). Se questo è vero e se, come scriveva ancora il pensatore brasiliano, il “moderatismo” è il grande eccesso del nostro secolo, per uscire dalla crisi non resta allora che ri-scoprire a pieno titolo, decisamente e con convinzione, l'apologetica, la controversia e la polemica “come mezzi necessari all'evangelizzazione e all'apostolato” (p. 122) e quindi a una visione della vita cristiana alta ed esigente quale militia, impegno e sacrificio recuperando lo spirito d'intransigenza, di missione e di militanza che ha fatto per secoli della Civiltà cristiana una società ineguagliata nella storia dell'umanità.

Le insorgenze.olschki

 

Massimo Viglione, ricercatore dell’Istituto di Storia dell’Europa mediterranea del Consiglio Nazionale delle Ricerche e docente all’Università Europea di Roma, studioso dell’Insorgenza, cioè delle resistenze in Italia alla Rivoluzione francese e all’invasione napoleonica, ha pubblicato Le insorgenze controrivoluzionarie nella storiografia italiana. Dibattito scientifico e scontro ideologico (1799-2012) (Leo Olschki, Firenze 2013, pp. 132, € 13,60), con cui intende «fornire una presentazione generale dell’intero sviluppo bisecolare della storiografia» (p. V) su questo tema.

La considerazione di fondo di Viglione è che, a distanza di duecento anni dalle ultime insorgenze, il fenomeno comincia a essere più conosciuto, sia a livello storiografico sia presso il grande pubblico, anche se la maggior parte degli italiani non «immagina minimamente ciò che avvenne» (p. VIII).

Per comprendere come sia stato possibile ignorare avvenimenti qualitativamente e quantitativamente significativi della storia della Penisola, Viglione analizza le cause remote e prossime di questo occultamento, l’atteggiamento della storiografia dominante, le principali correnti interpretative e gli argomenti più rilevanti.

Nel primo capitolo, su La storiografia anteriore al bicentenario (pp. 1-56), sono prese in considerazione quattro fasi storiografiche fondamentali — il periodo risorgimentale, quello nazionalistico fino al fascismo, la storiografia filogiacobina del secondo dopoguerra e il grande dibattito per il bicentenario — e tre differenti interpretazioni, legate ad altrettante visioni di fondo: quella nazionalista, quella socioeconomica, o «classista», e quella definita «religiosa e “identitaria”» (p. 2).

A quest’ultima è dedicato il secondo capitolo, L’importante rinascita degli studi in occasione del bicentenario (pp. 57-112) del cosiddetto Triennio Giacobino (1796-1799) e dei connessi moti popolari antirepubblicani e antifrancesi. La nuova corrente storiografica, cui ha dato un apporto fondamentale l’ISIN, l’Istituto Storico dell’Insorgenza, fondato a Milano nel 1995, ha visto negli insorgenti dei combattenti «in difesa della fede cattolica, dei sovrani e della loro civiltà (oltre che dei loro averi, delle loro donne, opere d’arte e terre depredate dai francesi» (p. 58). Ciò ha prodotto da un lato una reazione irritata, e talvolta scomposta, di quanti — nel mondo accademico e in quello dell’informazione — sono legati alla storiografia egemone; dall’altro lato un approfondimento della ricerca sulle insorgenze da parte di molti studiosi, che si sta rivelando ricca di riflessioni e spunti di grande interesse, mostrando che è possibile un nuovo approccio al tema, più sereno e intellettualmente onesto.

Nel capitolo terzo, contenente Cenni conclusivi (pp. 113-122), Viglione riassume la storia della storiografia italiana sulle insorgenze controrivoluzionarie: «al silenzio generale dei decenni risorgimentali ha fatto seguito l’interpretazione nazionalista prima e nazionalista e sociale poi, i cui autori hanno avuto il demerito di adattare gli insorgenti alle esigenze politiche culturali dei loro giorni, ma anche il merito di aver iniziato a raccontare e interpretare gli eventi» (p. 113). Il silenzio e la mistificazione sono tornati nel secondo dopoguerra per motivi ideologici, ma il bicentenario prima della Rivoluzione francese e poi dell’Insorgenza ha stimolato una rinnovata, e più consistente, produzione storiografica. L’auspicio è che nel tempo «si possa costruire, nell’arricchimento vicendevole, una mai omogenea ma comunque generalmente condivisa presentazione della più grande e coinvolgente vicenda della storia degli italiani degli ultimi secoli» (p. 122).

 

 

CARNEA M F Concetto di Giustizia in S. Tommaso d'Aquino

Carnea Maria Francesca

Concetto di giustizia in S. Tommaso d’Aquino

VivereIn

pp. 154 € 15,00

Il testo consente un ripensamento fattivo, circa Giustizia e Intelligenza, non solo da un punto di vista teorico ma capace, piuttosto, di protendere verso un sano sviluppo della società e un più consapevole bonum per la persona.

La giustizia ha essenzialmente a che fare con l’altro, ed ognuno di noi è l’altro del suo vicino. Si resta affascinati frequentando il pensiero di Tommaso d’Aquino, in esso traspare acutezza speculativa, modernità, applicazione pratica, che sovrasta ogni tempo, che mai esaurisce il suo servizio d’ausilio per ogni epoca, ancor più per questa nostra, anelante senso compiuto di giustizia. L’Aquinate vive il suo tempo ma illumina anche il nostro, richiama alla comprensione della virtù della Giustizia, evidenzia come il compito primario di essa sia ordinare l’uomo nei rapporti verso gli altri, edificando se stesso per edificare il prossimo, al fine di costruire un sano bene comune, un rigenerato umanesimo.

Sopra la lex umana vi è, per s. Tommaso, la lex naturalis, e sopra questa la lex aeterna o legge divina. Lungi dall’oscurare la grandezza e la libertà dell’uomo, questa dipendenza dalla legge di Dio ne è, al contrario, la garanzia e il fondamento: libera da ogni altra schiavitù. Tutto ciò che mette l’uomo in contatto con l’assoluta perfezione che è Dio, gli accresce dignità e grandezza. Lo abbassa, al contrario, tutto ciò che lo subordina interamente a forze impersonali a lui inferiori, quali la materia, i vizi mondani di cui si rende oggetto. Sia mai l’occhio umano cieco alla verità, alla bellezza della propria vita, permanga in continua ricerca di lungimirante luce il suo agire, al fine di avere sana consapevolezza che nulla est caritas sine iustitia, sine intelligentia humilitate, capace di farci sperimentare come tutto ciò che viviamo, ciò che siamo, ciò che esiste, è buono di una perfezione limitata, raccolta in modo perfetto, eterno e infinito soltanto in Dio.

 

Maria Francesca Carnea, nata a Cirò (KR) nel 1968. Filosofa, poetessa, consulente di strategie di comunicazione. Laureata in Filosofia presso l’Università L.U.M.S.A., Roma, consegue i Corsi: Scuola di Liberalismo-Formazione Politica, Fond. Einaudi; Verità e libertà nella Teologia Morale, Pontificia Università Lateranense; La virtù di Giustizia secondo S. Tommaso, Pontificia Università S. Tommaso d’Aquino; Master di Giornalismo FirstMaster. Pubblicazioni: Libertà e Politica in S. Caterina da Siena. Privilegio e conquista per un pensiero volitivo e attuale, Ed. VivereIn, 2011; Cirò. Storia, Cultura, Tradizione. Tracce di Noi, Ed. VivereIn, 2011.

È stato presentato ieri , nella sua sede di via Zebedia 2 a Milano, il programma 2013-2014 del CMC - Centro Culturale di Milano.

Alla conferenza stampa erano presenti il senatore Mario Mauro, ministro della difesa, Salvatore Carrubba e Camillo Fornasieri, direttore del CMC.

Sono più di 40 gli eventi, tra cicli di conferenze, mostre, letture teatrali, corsi che spaziano dalla letteratura all’arte, dalla scienza all’economia che caratterizzeranno la stagione 2013-2014 del CMC - Centro Culturale di Milano, la cui proposta non si abbassa d’intensità, anche quantitativa, nonostante la difficile situazione economica dei soggetti culturali.

Il filo rosso che lega tra loro le iniziative è rappresentato da una frase di Czeslaw Milosz, poeta e saggista polacco, premio Nobel per la letteratura nel 1980, di cui ricorre l’anniversario dei 10 anni dalla scomparsa, che recita “Desta dunque un uomo”.

L’uomo, la persona con il suo desiderio di comunità, convivenza, speranza nel nuovo contesto di una crisi, sono i temi che verranno approfonditi dal programma del CMC. Di questi si esaminerà il lato culturale, educativo e sociale, riscoprendo esempi, fatti storici, riflessioni che rilancino la valenza politica dell’Io.

Il potere dei senza potere”, testo scritto da Vaclav Havel nel 1978, quando ancora l’impero sovietico faceva sentire il proprio peso opprimente sulla Cecoslovacchia, sarà un argomento di riflessione dell’incontro che si terrà mercoledì 2 ottobre alla Sala di via Sant’Antonio 5, e che vedrà protagonisti Sergio Belardinelli, Mauro Magatti e Wael Farouk docente del Cairo e protagonista delle esigenze non violente di libertà dell’Egitto.

A chiusura dell’anno Costantiniano, in novembre, il filosofo Massimo Borghesi rileggerà la dialettica tra Potere e Presenza nella storia dell’Occidente, col suo libro “Contro la teologia politica”.

Il 23 gennaio 2014, l’autorevole voce del vescovo di Reggio Emilia, Massimo Camisasca guiderà una riflessione sul Concilio Vaticano II, considerato come una delle principali intuizioni di 50 anni fa e che il magistero di papa Francesco oggi riaccende.

La Lumen Fidei, la prima enciclica di papa Francesco, vedrà Guzman Carryquiri, intellettuale latino americano amico del Santo Padre e alcuni laici intervenire su Fede e mondo contemporaneo.

Dal 20 novembre 2013 al 2 febbraio 2014 il Centro Culturale di Milano e Admira presentano la mostra Lewis Hine. Costruire una nazione. Geografia umana e ideale.

La rassegna, che fa parte dell’iniziativa Autunno Americano, riunisce, per la prima volta a Milano, sessanta fotografie originali provenienti dalla Collezione Rosenblum di New York, ricevute e raccolte da Walter Rosenblum il grande fotografo americano, allievo prediletto di Hine e protagonista della stagione della Photo League americana.

L’esposizione, curata da Enrica Viganò e ideata insieme a Camillo Fornasieri, in collaborazione e col patrocinio del Consolato Americano di Milano, dell’American Chamber e il patrocinio della Regione Lombardia, porta al grande pubblico l’arte, la maestria e l’umanità del padre della fotografia sociale.

In occasione del centenario dello scoppio della prima guerra mondiale, il CMC dedica una serie di Letture teatrali e Dialoghi sui Poeti e Scrittori che hanno visto la Grande Guerra.

A tal proposito, Franco Loi, uno dei protagonisti del ciclo, afferma: “La città è cambiata enormemente, è sparita la civis. Come fa a esserci una società senza fiducia, con la diffidenza?

Cerchiamo di costruire la comunità sociale che diventa fattiva, reale quando si dà il senso all'uomo della conoscenza di sé e quindi dell'attenzione all'altro perché si è attenti a se stessi.

A Milano c’è un detto che è significativo positivamente e negativamente: “Fa e disfà l’è tutt un lavurà”. Una delle cose che piace al potere è cambiare sempre; allora come fai a prendere consapevolezza se non hai ancora imparato dove vivi, che subito devi vivere in modo diverso, devi cambiare i tuoi rapporti, il tuo modo di vivere per le strade…”.

I temi del potere, della persona e della convivenza saranno al centro del ciclo dedicato a Che cos’è la democrazia? - Lettura pubblica di Alexis De Toqueville, che si terrà tra gennaio e marzo 2014 in collaborazione con l’Istituto Bruno Leoni e la Rivista Critica Sociale, dove si riscoprirà la verginità della democrazia sorpresa nella sua esigenza profonda, discutendone con Francesco Forte, Angelo Panebianco, Marta Cartabaia, Paolo Carozza, Luciano Violante, il ministro Mario Mauro.

Salvatore Carrubba che condurrà questa officina di pensiero afferma che “I nuovi canali di comunicazione e partecipazione stanno rimettendo in discussione i fondamenti stessi della democrazia rappresentativa: alla luce di questa trasformazione, una riflessione sulla democrazia è particolarmente attuale. Soprattutto se condotta alla luce degli scritti di Alexis de Tocqueville, che aveva previsto con impressionante lungimiranza le trappole dell’uomo democratico; e aveva indicato l’esigenza di mantenere aperti e vivi spazi di libertà e autonomia alla società civile.

Un’esigenza quest’ultima tanto più importante per una città come Milano che ha visto negli ultimi anni isterilirsi il dibattito pubblico e che necessita di nuove opportunità per ripensare ai fondamenti del vivere collettivo”.

Se dall’esperienza dell’Est Europa sotto l’ideologia viene il suggerimento positivo e attualissimo della Storia di un ortolano di Havel, all’Europa ormai allargata, sorta sulle ceneri dell’odio dell’«Altro», si guarderà per rispondere ai limiti da correggere dell’attuale Unione e per muoversi sulla possibilità che essa divenga un Europa in 3D, economica, politica e delle società (delle persone).

Un tema centrale per il ministro Mario Mauro, protagonista di alcuni dibattiti, sarà la mostraDall’Atlantico agli Urali – Ciò che unisce è più forte di ciò che divide”, evento che fornirà l’alveo di dibattiti e dialoghi a partire da febbraio 2014.

Il ciclo “L’altra musica” si aprirà mercoledì 16 ottobre al Cinema Palestrina (via Palestrina 7), con un Incontro Concerto Show per ricordare di Johnny Cash a 10 anni dalla scomparsa.

Nella Milano in cammino verso Expo 2015, Luca Doninelli ne riscoprirà l’anima più vera. A Book City, lo scrittore presenterà gli esiti del suo progetto di narrazione della città, col concorso degli studenti delle scuole.

“A 50 anni di distanza da quel drammatico 9 Ottobre del 1963 quando la tragedia che colpì, Erto, Casso , Longarone, spezzò la vita di migliaia di persone, la Fondazione Centro Studi del CNG e lo stesso Consiglio Nazionale dei Geologi pubblicano un libro che andando al di là della verità processuale riscrive la storia di una delle più grandi tragedie italiane”. Lo ha affermato oggi ,al Corriere del Sud Gian Vito Graziano , Presidente del CNG , intervenendo a Geoitalia 2013 iniziata oggi a Pisa e dove fino al 18 Settembre resterà esposta una mostra fotografica inedita sul Vajont . Il libro – dossier sarà pubblicato dalla Fondazione Centro Studi del CNG . “Sappiamo bene che il libro solleverà polemiche. E’ la prima cosa a cui abbiamo pensato – ha affermato Vittorio D'Oriano Presidente della Fondazione Centro Studi del CNG -  dopo la prima lettura del testo.

Ma abbiamo pensato anche alle 2000 vite spezzate. A quelle che da allora non sono state più le stesse e che, ancora oggi, certamente si portano dentro un carico di dolore per noi inimmaginabile. E siamo tornati a Longarone, a camminare sui luoghi della tragedia e abbiamo avuto la consapevolezza della sacralità del luogo. La tragedia del Vajont, comunque la si metta, è figlia dell’uomo. Per onorare la memoria dei quasi duemila abitanti che persero la vita e di quanti ebbero, da quel momento, la vita stravolta, a cinquanta anni di distanza riteniamo si possa e si debba poter affermare che quella fu una tragedia figlia della troppa sicurezza di chi pensava di essere in grado di dominare gli eventi, della superficialità di coloro che magari intuirono lo sviluppo e la progressione della frana e fecero poco o nulla per arrestare i lavori, del fatalismo di coloro che pur avendo la consapevolezza della tragedia imminente poco o nulla fecero per allertare le popolazioni”.

Memoria storica di una catastrofe prevedibile” questo e' il titolo del dossier di Alvaro Valdinucci e Riccardo Massimiliano Menotti, mai pubblicato in 50 anni.“Pubblicare questo dattiloscritto, che solo ora è giunto al Consiglio Nazionale dei Geologi grazie alla pervicacia del dott. Riccardo Menotti, ricercatore del CNR che con Alvaro Valdinucci ha collaborato alla stesura del testo – ha proseguito Graziano -  dopo che per tanti anni esso è stato deliberatamente rimandato al mittente da chi avrebbe invece potuto e dovuto diffonderlo, è stato prima di tutto un obbligo morale nei confronti della ricerca della verità, non solo di quella del Vajont, ma delle tante verità che in questo Paese non sono ancora emerse, legate a fatti tragici, ma sottaciute o rese segrete per presunti motivi di interesse generale e di sicurezza. Le verità possono far male, ma alleviano il dolore di chi ha pagato il prezzo altissimo di aver perso i propri cari, le proprie cose e, come nel caso del Vajont, la propria identità e le proprie sicurezze.Sono tanti i figli di Longarone, di Erto e di Casso che hanno vista modificata la loro vita da quella terribile onda, che hanno deciso di andare via o di rimanere a vivere in un altra Longarone, perché questa non è quella Longarone, che hanno dovuto affrontare un'infanzia e poi una vita adulta molto diversa. Ma lo hanno fatto sulle loro spalle, pagandone interamente il prezzo, perché nessuno di questo li potrà mai risarcire. A loro il Consiglio Nazionale dei Geologi dedica la pubblicazione di questo inedito dossier, a loro va tutto l'affetto della comunità geologica italiana, che gli è debitrice”.L’intero Consiglio Nazionale dei Geologi , presenterà alla stampa il libro - dossier sul Vajont con una conferenza stampa che si svolgerà, il 5 Ottobre, proprio sui luoghi della tragedia , pochi giorni prima del cinquantesimo anniversario di quella terribile notte .

“Sono passati 50 anni e non deve restare nascosto più nulla – ha concluso Graziano -neanche quelle zone grigie che non configurano più responsabilità giudiziarie, a tanti anni ormai dai processi e dalle sentenze che seguirono, ma entro le quali si individuano errori di valutazione e conseguenti decisioni sbagliate di funzionari dello Stato e di noti uomini di scienza”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI