Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 19 Maggio 2019

La copertina dell'ultimo libro di Lindo Ferretti

 

Nell'ambito della seguitissima rassegna di cultura cristiana “Narrar degli uomini, parlar di Dio”, giunta alla quarta edizione, sono stati presentati presso la storica Chiesa Nuova, a Roma, alla presenza dell'autore, gli ultimi due libri del cantautore emiliano Giovanni Lindo Ferretti (Reduce e Bella gente d'Appennino, pubblicati entrambi per Mondadori). Introdotto dal giornalista di Avvenire Lorenzo Fazzini, Lindo Ferretti, giunto ormai alla soglia dei sessant'anni, ha raccontato a un pubblico composto perlopiù di giovani e giovanissimi la sua vita spericolata passata dalla musica punk alla contestazione studentesca del 1968 fino alla rivoluzione di classe. Il fondatore e leader dei CCCP - Fedeli alla linea, poi dei CSI (Consorzio Suonatori Indipendenti), quindi, oggi, dei PGR (Per Grazia Ricevuta) che raramente abbandona la sua casa natìa di Cerreto Alpi, sull'appennino emiliano, per una serata ha accettato di parlare di sé senza reticenze e senza nemmeno sottrarsi alle domande più insidiose del pubblico, in genere solitamente piuttosto scettico di fronte a testimonianze gridate o troppo repentine di conversione alla fede cattolica. Eppure, come ha spiegato lo stesso Ferretti, nel suo caso particolare proprio di questo si é trattato: di un ritorno immeritato e inaspettato (“per Grazia”) alle radici dell'infanzia spirituale e morale che – simbolicamente, ma anche significativamente – é stato accompagnato dal ritorno concreto alla vecchia casa dei suoi genitori, dov'era nato e cresciuto. Un luogo che conserva inalterata, ancorché ferita, tutta la sua semplice specificità, lontano mille miglia dalla classica metropoli contemporanea che per il cantautore ha ormai definitivamente perso dimensioni essenziali del vivere come il contatto con la natura incontaminata, la contemplazione di ciò che é attorno a noi, il rapporto con il silenzio. Ancora, un luogo in cui l'ultima pervasiva rivoluzione digitale dei social network non esercita ancora una particolare influenza sui rapporti sociali cosicché le tante mode di quell'universo dell'effimero restano in parte distanti dall'influenzare i gusti e il costume delle persone. Eppure, questo ritorno a casa non é stato indolore: il cantautore, come spiega più nel dettaglio nei suoi due libri autobiografici, vi è arrivato solo dopo avere sperimentato su di sé il nichilismo aggressivo e disorientante delle varie proposte ideologiche e politiche che ha via via incontrato e l'avere visto perdersi irreparabilmente (a volte persino morire) alcuni suoi amici di scuola, per droga o per terrorismo. Così, dopo avere smesso di andare in Chiesa “a quattordici anni” il cantautore ha ripercorso la strada solo diversi decenni più tardi quando – in un momento della sua vita particolarmente duro e dopo avere scoperto tutta l'illusorietà di alcune utopie politiche come quelle del cosiddetto 'socialismo reale', grondanti di sangue – si è ricordato delle preghiere recitate da piccolo a casa con l'anziana nonna che prima di addormentarsi, tutte le sere, lo invitava anche a fare l'esame di coscienza. A tanti anni di distanza, e con la nonna ormai venuta a mancare, Lindo Ferretti ha ripreso a farlo, sulla spinta di un istintivo moto interiore, traendone beneficio e tornando a riconsiderare alcune scelte fondamentali della sua vita.

Credevo che con la prassi rivoluzionaria si potesse costruire il paradiso in terra, invece peggiora le condizioni di vita degli uomini”, ha più volte ripetuto di fronte ai ragazzi romani quasi a sottolineare la pericolosità inalterata del fascino di attrazione delle ideologie, soprattutto se adottate acriticamente, come spesso avviene da parte di chi poi ne propaga con convinzione la parola o l'azione il messaggio rivoluzionario. All'epoca “vedevo la Chiesa come la causa di tutti i mali sociali”, ha aggiunto ancora, spiegando che – influenzato dalle cattive amicizie, come dalla cultura dominante – aveva finito per attribuire ogni nefandezza a quella che oggi invece chiama, sulla scorta della tradizione, “la sposa di Cristo”. In realtà, come disse anche il convertito inglese Gilbert Keith Chesterton (1874-1936) la vita e il mistero della Chiesa lo si può iniziare a comprendere solo osservandola dall'interno. Oggi Lindo Ferretti, che non si considera un esempio per nessuno ma semmai solo un testimone privilegiato dell'amore di Dio, continua a fare quello che ha sempre fatto, ovvero suonare e cantare, tuttavia nel frattempo dal punk ribelle e provocatorio si è passati a ben altre melodie e, soprattutto, ben altri testi: perché anche la musica - lo dice perfino Sant'Agostino (354-430), a sua volta pure un convertito - può essere uno strumento per avvicinare gli uomini alla verità di Dio e così, indirettamente, a quella sull'uomo e sulla società che questi quotidianamente costruisce. Alla fine, gli applausi convinti dei numerosi ragazzi hanno suggellato decisamente una serata in controtendenza rispetto ai canoni della cultura dominante e all'insegna dell'ottimismo e della speranza, le due cose di cui forse maggiormente necessità la società dei nostri giorni, apparentemente benestante e spensierata ma in realtà, nel profondo, sempre di più alla ricerca di un senso e di una ragione per cui vivere.

Talenti ci si nasce, campioni si diventa. Parola di Sandro Cuomo, l’attuale Ct della nazionale di spada e campione olimpico della stessa disciplina che oggi, nella prestigiosa sede dell’Antisala dei Baroni del Maschio Angioino di Napoli ha raccontato se stesso e la sua prima fatica letteraria ad una platea di giovanissimi curiosi di sapere  come diventare un campione nella sport e nella vita.

Edito da L’isola dei ragazzi edizioni, che inaugura così la sua nuova serie dedicata ai campioni italiani delle diverse discipline sportive dal titolo appunto “Campioni si diventa”, il libro “Una vita in pedana” racconta ad un pubblico ideale di adolescenti l’impegno di ogni giorno che deve sommarsi ad un talento innato.  Il che appare chiaro in una disciplina come la scherma, in cui la fisicità deve trovare il punto d’incontro con la psiche, in un gioco di equilibrio teso al controllo del corpo e della mente.

Campione olimpico ad Atlanta nel 1996, Sandro Cuomo ripercorre così in 250 pagine un pezzo di storia della scherma italiana e recupera, innanzitutto per sé, quel lungo tratto della vita che ogni campione regala al suo sport: la prima gioventù.  Il libro è infatti un racconto autobiografico che va avanti in modo non lineare, ma seguendo un filo emozionale di ricordi, rimpianti, nostalgie ed entusiasmi, ma riserva anche un approfondimento su storia, tecniche e regole di uno sport tra i più affascinanti delle discipline olimpiche. In appendice il campione si presenta in veste di allenatore teso a trasmettere ai più giovani tecniche e tattiche del tutto personali di preparazione e combattimento.

“Sono orgoglioso – ha dichiarato Cuomo - di essere riuscito a portare a termine un lavoro a cui non ritenevo di essere preparato e che mi ha richiesto un anno di scrittura, limature, idee e ricordi. Ancor di più però mi rende orgoglioso pensare di aver creato qualcosa che potrà servire ai ragazzi che saranno i campioni di domani, ai miei figli che hanno intrapreso la mia stessa carriera ed ai miei allievi che ho voluto al mio fianco in questa occasione. Lo sport mi ha insegnato ad essere metodico, il mio carattere tignoso mi ha aiutato ad emergere nello sport. E la vita di tutti i giorni, prima e dopo la mia carriera in pedana, mi ha dimostrato che rispettare le regole serve, anche quando gli altri non le rispettano. Perché nel lungo termine, se hai seguito il percorso giusto, le soddisfazioni arrivano”.

Accompagnato dal presidente de L'Isola dei Ragazzi Serena Altieri e dai suoi pupilli Simone Esposito, neo campione Under 20, e Fabrizio Citro, secondo classificato ai Campionati Italiani Under 23, Cuomo è stato quindi elogiato dal presidente della Federazione italiana scherma Giorgio Scarso nella sua duplice veste di vicepresidente del Coni che ha sottolineato come “Sandro Cuomo rappresenta un esempio per i giovani e per lo sport, la sua è una storia-paradigma per la scherma italiana. E’ la vita di uno dei tantissimi ragazzini che entrano per la prima volta in una sala scherma, e non ne escono più. La sala, la società, il maestro, i compagni e finanche gli avversari diventano una seconda famiglia che connota gli anni della formazione personale. La sala è l’ “altra” casa, dove vivere le emozioni della crescita e del confronto umano prima che sportivo; il maestro è l’ “altro” padre, dal quale carpire l’affetto dietro ai rimproveri e la stima che cresce e matura da dentro il piastrone; i compagni di sala e gli avversari altri “fratelli” (termine che proprio Sandro spesso utilizza nel suo testo presentando alcuni dei suoi più grandi amici-avversari) con i quali scontrarsi in pedana e stringersi in un abbraccio un attimo dopo l’ultima stoccata”.

Entusiasta a sua volta l’Assessore allo Sport del Comune di Napoli Giuseppina Tommasielli, che oltre a testimoniare l’orgoglio dell’amministrazione cittadina per aver dato i natali al campione e per ospitare oggi la sala scherma del Collana da lui stesso coordinata con il C.S. Partenopeo, ha ricordato come “Sandro Cuomo è una persona eccellente sia dal punto di vista sportivo che da quello personale, un campione della pedana e della vita. Il Comune gli ha dato una palestra da gestire e lui l’ha ristrutturata autonomamente. Napoli ha bisogno di campioni e di esempi positivi”.

Il nostro Osservatorio sull’editoria e i libri di testo riparte con l’inizio dell’anno scolastico e riparte da un manuale per l’insegnamento della religione cattolica nella scuola secondaria di primo grado.

Nel volume, edito dalla SEI, abbiamo evidenziato due omissioni che riguardano la Chiesa nel mondo moderno (unità 10, pagg. 119-137): la prima (pag. 127) nel capitolo 5 dove si parla della Chiesa di fronte ai totalitarismi del Novecento: accanto alle condanne di fascismo (29 giugno 1931) e nazismo (14 marzo 1937), manca quella del comunismo con l’enciclica Divini redemptoris di papa Pio XI del 19 marzo 1937. A pag. 137, a proposito della posizione della Chiesa sul lavoro si descrive la nascita della “teologia della liberazione” omettendo la condanna di alcuni suoi aspetti da parte della Congregazione per la dottrina della fede del 6 agosto1984.

Un manuale che su temi ormai ben chiari da un punto di vista storico, la caduta del Muro di Berlino risale a più di venti anni fa, dimentica la condanna del comunismo e degli aspetti discutibili, anche ecclesiali, della teologia della liberazione lascia delle perplessità, o meglio, probabilmente, queste dimenticanze possono essere una “cartina di tornasole” che evidenzia la visione del mondo degli autori?

Come fedeli laici possiamo entrare nel merito di queste questioni dimenticate che non sono poca cosa. Il resto del testo lo lasciamo a chi ha più dimestichezza in teologia e didattica.

 

Elisabetta Stroppiana, Luigi Solinas

Il sale della terra 2

SEI, 2006, pagg. 172, € 10,70

Il fecondo intreccio tra storia e narrazione unisce èStoria - Festival internazionale della storia di Gorizia - e pordenonelegge.it in una collaborazione che ha visto nascere, grazie all’ispirazione e all’aiuto di Banca Popolare FriulAdria-Crédit Agricole, due premi fra loro strettamente collegati: La storia in un romanzo e Il romanzo della storia, conferito a uno studioso attento alla dimensione narrativa dell’esperienza storiografica. Due premi che si situano in una comune origine che scavalca le distinzioni accademiche per ritrovare quelle radici profonde in cui la storia, senza perdere la sua scientificità, è anche racconto epico, e la narrativa, senza per questo dimenticare il fascino del racconto, è legata alla rielaborazione dei grandi avvenimenti storici.

Quest’anno il premio Il romanzo della storia viene assegnato a Ian Kershaw, grande contemporaneista e massimo esperto mondiale in storia del Terzo Reich. Questa la motivazione: “In una ricca opera, Kershaw ha affrontato, con rigore scientifico e capacità affabulatoria, alcuni dei maggiori interrogativi del Novecento: dalle ragioni che portano ristretti gruppi a fare scelte fatali che condizionano la vita di milioni di persone, alla ridefinizione della natura del potere carismatico, al rapporto fra consenso e dittatura. L’acribìa della ricerca, l’acutezza interpretativa e la precisione teorica fanno di Kershaw una lettura imprescindibile per chi vuole veramente comprendere cosa è stato il secolo passato, e quale è la sua eredità nel presente”.

L’assegnazione del Premio avverrà sabato 25 maggio, seconda delle tre giornate della nona edizione del Festival èStoria, intitolata “Banditi”, che vedrà Kershaw protagonista di uno degli incontri, dedicato all’enigma dell’ascesa di Hitler, con particolare riguardo all’anno 1933, anno che rappresentò un periodo cruciale per la conquista del consenso popolare da parte del dittatore.

Ian Kershaw, storico di fama mondiale, ha insegnato in numerose università e ottenuto svariati prestigiosi riconoscimenti. È universalmente riconosciuto come uno dei massimi esperti sulla storia del Nazismo, e le sue opere sono state tradotte in oltre venti lingue. Fra i suoi lavori più noti, la biografia di Hitler in due volumi (Bompiani 2001 e 2003), Hitler e l'enigma del consenso (Laterza 2004), Il mito di Hitler: immagine e realtà nel Terzo Reich (Bollati Boringhieri 1998). Il suo ultimo libro è The End. Hitler’s Germany, 1944-45 (Penguin, London, 2011).

aranda_una_nuova_evangelizzazione 1

 

In occasione dell'Anno della Fede sono stati pubblicati diversi testi, qualcuno l'ho presentato ai lettori. In questi giorni sto leggendo un ottimo libretto, “Una 'Nuova Evangelizzazione'. Che fare? Come fare, di Antonio Aranda, edito da Ares (2012, Milano) volutamente breve, e ridotto, come scrive l'autore. Un testo che intende “contribuire a promuovere – insieme con altre opere analoghe e soprattutto accanto ai documenti emanati dalla Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi – le desiderate riflessioni su un tema tanto importante per la Chiesa”.

A parlare di Nuova Evangelizzazione aveva iniziato Paolo VI con l'esortazione apostolica “Evangelii nuntiandi”, ripresa energicamente dal beato Giovanni Paolo II. Poi con Benedetto XVI, il progetto si consolida con l'istituzione di un Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, ora spetta a Papa Francesco promuoverla con rinnovato vigore e vitalità per rievangelizzare il mondo soprattutto quello occidentale che aveva già avuto una prima evangelizzazione.

Il testo del professore Aranda contiene una impietosa analisi della situazione culturale odierna e offre spunti operativi concreti, come si può dedurre dal sottotitolo, “Che fare? Come fare?”. Il libro viene definito da monsignor Rino Fisichella, un“prezioso strumento per aiutare a comprendere il momento attuale e soprattutto l'urgenza della Nuova Evangelizzazione”.

Oggi c'è una crisi di fede, ma anche antropologica: l'uomo si ritrova “solo e confuso, in balia di forze di cui non conosce neppure il volto, e senza una meta verso cui destinare la sua esistenza”. Pertanto si rende necessario “ricostruire il tessuto culturale in modo da proporre un'antropologia nuova, capace di ricollegare Dio con l'uomo”. Perciò per monsignor Fisichella “è urgente una Nuova Evangelizzazione che si assuma la responsabilità di entrare nella cultura per conoscerla, comprenderla e orientarla al Vangelo”.

Giovanni Paolo II è stato forse il pontefice che ha insistito di più sull'urgenza della Nuova Evangelizzazione. Ai vescovi latino-americani che si preparavano a celebrare il V centenario di evangelizzazione del loro continente, egli diceva: “La commemorazione del mezzo millennio di evangelizzazione avrà il suo pieno significato se sarà un impegno(...)non certo di rievangelizzazione, bensì di una nuova evangelizzazione. Nuova nel suo ardore, nei suoi metodi e nelle sue espressioni”.

Ovviamente secondo Fisichella, “il messaggio del Vangelo è immutabile, tuttavia dobbiamo prendere nota dei cambiamenti avvenuti nella società, negli uomini e nelle donne ai quali è diretto l'annuncio”.

Le riflessioni del libro di Aranda, potrebbero essere sintetizzati così: “la nuova evangelizzazione è l'occasione propizia per rianimare l'azione apostolica dei cristiani in tutti gli ambiti della società”. Questo però potrà accadere soltanto se la Chiesa recupera vitalità. In questo momento storico per Aranda serve una Chiesa efficace non debole, sembra aver preannunciato il grande gesto del ritiro di papa Benedetto XVI. I cristiani di oggi si comportano come una squadra in condizioni atletiche precarie, senza il desiderio di giocare e di vincere.“La grande partita della storia che si gioca ogni giorno - scrive Aranda - sta per essere perduta”. Peraltro, l'eclissi di Dio o di Cristo nella società contemporanea, secondo Aranda, è “l'eclissi dei cristiani in quanto cristiani, ossia in quanto discepoli di Cristo”.

La struttura del libro viene presentata dall'autore nell'introduzione: le questioni di fondo sono raccolte in due sezioni: Che fare? (cap. I) e Come fare? (cap. II). Ultima sezione, Quattro priorità (ca. III).

Nel primo capitolo si esamina la nozione di evangelizzazione come tale, nel significato della nuova evangelizzazione, nella sua novità, legata ai destinatari, dei modi di realizzazione e degli operatori. Prima di iniziare l'opera evangelizzatrice occorre “identificare e formulare con la maggiore chiarezza possibile le ragioni religiose, culturali e sociologiche che hanno favorito il fenomeno dell'oscuramento della identità cristiana e, con ciò, il cambiamento di modello antropologico e delle convinzioni etiche”.

Il chiarimento di queste cause permetterà di pianificare la nuova evangelizzazione, che deve essere:“un amichevole e attraente invito a riscoprire Cristo e nell'appartenenza alla Chiesa le proprie radici personali e collettive”. Intanto i mezzi impiegati nella prima evangelizzazione sono necessari anche oggi. Mezzi che“si possono riassumere nella testimonianza di vita di fede personale e collettiva da parte dei fedeli, testimonianza di carità, di allegria e di servizio nelle relazioni con tutti gli altri cittadini”. A questo proposito è interessante l'opinione del sociologo americano Rodney Stark, sull'espansione del cristianesimo nell'Impero romano. In quella società dura e crudele con le persone, la Chiesa si espanse perché era una società accogliente, dove si poteva fare esperienza di libertà e di amore. I cristiani erano gli unici che si prendevano cura degli anziani, dei malati, dei poveri, dei bambini...

Trovo interessante il II capitolo: la crisi di identità della coscienza cattolica.Qui il professore Aranda pone una interrogazione provocatoria: che cosa significa essere cattolici oggi, in Francia, in Spagna, in Italia? Le società occidentali da decenni soffrono il grave fenomeno dell'indifferenza religiosa, che dipende da concezioni culturali, politiche ed economiche. L'oscuramento del senso religioso è legato a due motivi: lo stile clericale, una tendenza di vita cattolica, dove si vede operare un laicato immaturo. In pratica si collocano i tratti dell'identità cattolica nei dintorni del mondo ecclesiastico.

L'altro motivo è quello della spinta alla secolarizzazione da parte della cultura illuminista, che si è diffusa fino ai nostri giorni. Questa cultura per Aranda ha prodotto in molti intellettuali cattolici una furia iconoclasta, provocando una sorta di “complesso di nferiorità e una certa timidezza nel sostenere con vigore la dottrina e la morale cattolica e difendere in modo coerente la contiguità tra fede e ragione”. Sostanzialmente il pensiero cattolico secondo Aranda è rimasto intimidito e in silenzio troppo a lungo. Questo ha provocato a partire dall'epoca conciliare, gli anni sessanta e settanta, una crisi di identità, una crisi esistenziale e anche una crisi teologica-dottrinale.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI