Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 19 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:709 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1432 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:957 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1660 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2410 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1924 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1914 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1866 Crotone

Allarme tubercolosi al Policlinico Gemelli

policlinico-gemelli

E' allarme al policlinico Gemelli, dove un'infermiera del reparto di neonatologia ha scoperto di essersi ammalata di tubercolosi. La donna è stata immediatamente sospesa dall’incarico, ma per ragioni precauzionali oltre mille bambini nati nella struttura da marzo fino metà luglio verranno sottoposti a controlli a partire da domani in un ambulatorio dedicato.

Una bambina di 5 mesi ricoverata all’Ospedale Bambino Gesù è il primo caso di contagio di tubercolosi legato alla malattia dell’infermiera del nido del Policlinico Gemelli. La piccola è ricoverata da metà luglio ed è in buone condizioni. Tra medici, infermieri e personale invece non risulta alcun contagio. Intanto l'infermiera è ora in cura con una terapia antitubercolotica ma vista la delicatezza del suo incarico, in accordo con l’assessorato alla Sanità della Regione Lazio, è stato deciso di avviare i test sui piccoli. Il rischio che i bambini siano stati contagiati, ha spiegato il responsabile del reparto Costantino Romagnoli, "non è giudicato elevato". "La maggiore possibilità di essere stati contagiati riguarda chi convive con un malato", ha aggiunto il medico sottolineando che in un nido il contatto fra personale sanitario e i piccoli è più diradato e non è sempre la stessa infermiera ad occuparsi dello stesso bambino.

Per sicurezza la struttura da domani mattina sottoporrà i bambini, 25 ogni giorno, a visite e ad un esame del sangue, più accurato rispetto a quello classico della intradermo reazione, utilizzato in genere sugli adulti. Basteranno 48 ore per avere il risultato degli esami. I bambini saranno accolti da una squadra di medici attrezzata per fare fronte a questa emergenza, pool che sarà coordinato dallo stesso Romagnoli.

La tubercolosi, o tisi, è una malattia infettiva causata dal Bacillo di Koch che si trasmette attraverso l'aria, proprio come il raffreddore. I sintomi di un eventuale contagio sono la tosse persistente e la febbre. La malattia si sviluppa dal momento del contagio, in circa 12 settimane. Per questa ragione è stato deciso di iniziare a controllare i bambini nati a partire dal primo marzo assieme ad un gruppo di più piccoli nati nelle ultime settimane. I controlli, ha anche spiegato Romagnoli, dureranno alcuni mesi.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI