Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 05 Luglio 2020

Arrestato il generale Ratko Mladic, il "boia di Srebrenica"

Mladic_fermoTg1--400x300

 

E' con una punta d'orgoglio che il presidente della Serbia Boris Tadic ha confermato l'arresto del super ricercato, il generale Ratko Mladic, il "boia di Srebrenica". L'uomo che ordinò l'uccisione di circa ottomila civili musulmani della cittadina bosniaca, e assistette di persona - secondo quanto riferito da alcuni testimoni - alla morte di almeno duemila di loro. Il resto della popolazione, circa 40.000 persone, fu deportata sotto gli occhi impotenti dei soldati dell’Onu, che presidiavano la cittadina dichiarata "zona protetta". Una protezione che, purtroppo, fu solo sulla carta e non evitò quel massacro, il più grande dai tempi della Seconda guerra mondiale.   "Dall’inizio della creazione di questo governo nel 2008 - ha detto il presidente Tadic - senza sosta ogni giorno gli organi inquirenti hanno lavorato per giungere alla cattura di tutti i criminali latitanti, per chiudere definitivamente il capitolo della collaborazione con il Tribunale dell’Aja. In nome della Repubblica di Serbia vi posso confermare che stamane è stato arrestato". Sotto il profilo politico l'arresto potrebbe essere una svolta per il cammino europeo di Belgrado, come ha riconosciuto  l’Alto rappresentante Ue per la politica estera e di sicurezza, Catherine Ashton.

Sotto falso nome L'uomo fermato dalla polizia serba si faceva chiamare Milorad Komadic, in realtà si trattava proprio di Mladic, l’ex capo militare dei serbi di Bosnia, ricercato da quasi sedici anni per genocidio e crimini contro l’umanità. La notizia è stata diffusa dall’emittente televisiva B92.

Il nascondiglio Mladic è stato arrestato non lontano da Zrenjanin, città della Voivodina, provincia autonoma della Serbia settentrionale. Già nell’aprile del 2010, un settimanale di Sarajevo, Slobodna Bosna, aveva riportato la notizia che il criminale di guerra si nascondeva in una fattoria della zona. Insieme a lui, ci sarebbe stato anche Zoran Obrenovic-Maljic, suo capo della sicurezza. Secondo la fonte citata dal settimanale, non era la prima volta che Mladic veniva segnalato nella Voivodina, dove poteva contare su una rete di aiuti e amici.

Le accuse Sessantanove anni, latitante dal 1995, è accusato dal Tribunale penale internazionale di genocidio, crimini contro l'umanità, violazione delle leggi di guerra nell'assedio di Sarajevo e nel massacro di Srebrenica. Generale nell'Armata Popolare di Jugoslavia, durante le guerre che portarono alla dissoluzione della Jugoslavia, diventò comandante delle forze armate in Croazia e, durante la guerra in Bosnia, Capo di Stato maggiore dell'esercito della Repubblica Serba di Bosnia-Erzegovina.

Verifica del Dna Per avere la certezza al 100% che si tratti proprio di Mladic la polizia serba ha fatto sapere che sono in corso le analisi di verifica del Dna.

Lo spostamento all'Aja Subito dopo l'arresto e l'identificazione Mladic è partito in volo per l’Aja, scortato da agenti delle forze di sicurezza e della Bia, l’agenzia di intelligence serba, che lo accompagna su un aereo speciale

La Nato L’arresto offre finalmente la possibilità di fare giustizia, ha detto il segretario generale della Nato Anders Fogh Rasmussen. Mladic, afferma Rasmussen, "è stato protagonista di alcuni degli episodi più oscuri nella storia dei Balcani ed europea".

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI