Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 29 Novembre 2021

Strauss-Kahn si difende: lei consenziente

strauss_kahn5_xin--400x300

L’imprevista carcerazione di Dominique Strauss-Khan direttore generale del Fondo monetario internazionale (Fmi) può favorire Sarkozy nella rielezione a presidente della repubblica francese, ma genera problemi per l’Unione europea e fa riemergere i rischi di crisi debitoria a catena, che sembravano sotto controllo. Lui aveva una adottato una politica di sostegno del Fmi all’Unione europea, per i debiti dei cosi detti Pigs, cioè Portogallo, Irlanda, Spagna e Grecia. Si era sostenuto che se la crisi che ha finora interessato Irlanda, Grecia e Portogallo arrivasse alla Spagna, poi potrebbe essere la volta di Belgio e Italia. Ora la sedia vuota al Fondo monetario si verifica in un momento delicato per la Grecia, che fa fatica ad attuare il suo piano di risanamento e chiede un nuovo prestito, mentre l’aiuto finanziario per il Portogallo non è ancora perfezionato. Questi interventi sono stati sin qui effettuati in collaborazione fra Fondo europeo di stabilizzazione finanziaria a cui l’Italia contribuisce con il 17% e Fondo monetario con una proporzione di due terzi per l’Europa e di un terzo per Fmi. Non si sa chi sostituirà Strauss-Khan al vertice del Fondo ma è estremamente improbabile che sia ancora un francese o, comunque, un europeo con la sua impostazione. E quindi dovremo contare meno sull’apporto del Fmi. Del resto nel periodo di vuoto al suo vertice, il Fmi non appare in grado di prendere chiari impegni futuri. Strauss-Kahn, come candidato di sinistra alle presidenziali in Francia, era interessato a ben figurare dal punto di vista della politica di grandeur europea che piace ai francesi quando è guidata da loro ma pagata da tutti. E aveva garantito la disponibilità del Fmi a un nuovo aiuto alla Grecia, guidata da un leader socialista. Aveva anche dichiarato che il piano di risanamento greco con 50 miliardi di privatizzazioni è soddisfacente. Ma altri sostengono che la Grecia dovrebbe fare di più, nel rigore fiscale e nelle privatizzazioni, anziché sperare in altri prestiti. E c'e chi, ritiene che le banche creditrici che hanno comprato i titoli greci guadagnando un interesse differenziale molto elevato, perché rischiosi, dovrebbero fare la loro parte di sacrificio, se con l'apporto del Fondo europeo di stabilizzazione, cioè coi nostri quattrini, tali titoli diventano più sicuri....intanto
Venerdì prossimo, quando uscirà dal carcere di Rikers Island per tornare in aula, Dominique Strauss-Kahn dovrebbe difendersi così: il rapporto sessuale avuto con la cameriera del Sofitel è stato consensuale. Lo riferisce il New York Post, citando fonti del collegio di difesa, che hanno ribadito quanto già detto in aula dal suo avvocato Benjamin Brafman: "Riteniamo che gli elementi di prova non siano compatibili con l'ipotesi di un rapporto forzato". "Potrebbe esserci stato un consenso". Ben diversa la posizione del legale della donna che ha denunciato Strauss-Kahn. L'avvocato Jeff Shapiro ha dichiarato oggi alla CNN che la sua cliente "é costretta a nascondersi, non può andare a lavorare, il trauma subito è straordinario". Venerdì la giustizia americana sarà chiamata a valutare queste due verità. Dominique Strauss-Kahn spera se non altro di poter lasciare il carcere, dove è stato posto addirittura sotto sorveglianza anti-suicidio, per precauzione. Nel giro di 72 ore il direttore dell' Fmi è passato da una suite di lusso da 3.000 dollari notte, ad una cella di 3,5x4 metri del Rikers Island, il penitenziario di New York riservato ai criminali 'veri'. Mentre tre giorni prima era ancora saldamente seduto su una delle poltrone finanziarie più potenti al mondo, ora si ritrova di fatto 'scaricato' dal Fondo: "l'immunità del direttore generale è limitata, e non è applicabile a questo caso", ha dichiarato in una nota il portavoce dell'Fmi, William Murray. Settantadue ore prima Strauss-Kahn aveva a disposizione a New York due bagni, una camera da letto e un soggiorno sontuosi. Ora vivrà almeno fino a venerdì avendo a disposizione, nella stessa città, una branda, un bicchiere, una saponetta, un dentifricio. Isolamento completo in regime di cosiddetto 'suicide watch': "Dato il suo alto profilo, non vorremmo che potesse essere vittima di aggressioni da parte di qualche detenuto", hanno precisato al Department of Corrections di New York. A New York si aspettavano che, dopo aver trascorso la notte in una cella di un commissariato ad Harlem, Strauss-Kahn sarebbe stato rilasciato su cauzione. Il giudice di Manhattan Melissa Jackson ha disposto invece non solo il mantenimento della carcerazione, ma addirittura la detenzione a Rikers Island. E' il segno della severità con la quale la giustizia Usa sta affrontando il caso. Generalmente i detenuti 'vip' o quelli in attesa di giudizio, come nel suo caso, vengono mandati al Metropolitan Correctional Center di Manhattan. E' più vicino e soprattutto è meno lugubre. Lì, per esempio, è stato rinchiuso il banchiere Bernard Madoff. Ma lì ci vanno i detenuti accusati di reati federali. Per Strauss-Kahn, invece, si sono aperte le porte del Rikers Island, la città-prigione che sta tra il Bronx e Queens e che ospita una popolazione carceraria di 15 mila detenuti. E' il carcere dei criminali comuni, quello dove finisce chi deve scontare condanne di tipo 'ordinario': omicidio, rapina, stupro, violenza, furto. Strauss-Kahn dovrà restarci almeno 4 notti, in costante osservazione. Il giudice Jackson, nel respingere la libertà su cauzione ha lasciato intendere che esistono nel caso circostanze aggravanti. Pesano su di lui accuse per reati analoghi; pesa che sia stato fermato nell'atto di partire; pesa che esistano video registrati dal sistema a circuito chiuso dell'albergo in cui Strauss-Kahn è ripreso mentre lascia la suite 2806. "A giudicare dalle immagini - ha detto l'assistente procuratore John McConnell - pare avere molta fretta".
Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI