Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 08 Febbraio 2023

Istituto S. Anna e Coni i…

Feb 02, 2023 Hits:236 Crotone

Al Nautico laboratori con…

Gen 26, 2023 Hits:436 Crotone

Parte il progetto "M…

Gen 21, 2023 Hits:517 Crotone

Virtuosità tecnica, liris…

Gen 21, 2023 Hits:493 Crotone

La pizza Crotonese a Sanr…

Gen 07, 2023 Hits:809 Crotone

Maria Taglioni: è' tornat…

Gen 07, 2023 Hits:799 Crotone

Per gli "Amici del t…

Gen 07, 2023 Hits:816 Crotone

PMI DAY 2022: Studenti in…

Gen 07, 2023 Hits:758 Crotone

Di Maio: l'Italia lavora per una conferenza di pace

"Noi come Italia auspichiamo e lavoriamo con tutti i nostri alleati e partner per arrivare a una conferenza di pace" che "è un passaggio fondamentale per riuscire a fermare il conflitto, a ridare l'Ucraina al popolo ucraino e fare in modo che quelle immagini atroci che stanno arrivando cessino". Lo ha dichiarato il ministro degli Affari esteri, Luigi Di Maio, incontrando i giornalisti al suo arrivo alla riunione ministeriale esteri della Nato. "Oggi la Turchia è uno dei Paesi che sta gestendo di più la facilitazione dei colloqui tra le due parti. È chiaro che queste mediazioni subiscono violente battute d'arresto quando arrivano immagini come quelle di Bucha e quando poi ci sono azioni conseguenti come le sanzioni che stiamo per approvare a livello di Unione europea", ha aggiunto. "Ma la compattezza dell'Ue, la compattezza della Nato, e il legame con tanti partner che non sono nell'Ue e nella Nato sarà fondamentale", ha sottolineato il capo della Farnesina.

Più di un miliardo di persone nel mondo sono colpite dalla guerra della Russia in Ucraina. Sono circa 10 milioni le persone sfollate a causa dell'offensiva: si tratta “dello spostamento forzato di persone più rapido dalla Seconda guerra mondiale”. Il triste bollettino è segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, intervenuto anche lui al Consiglio di sicurezza.

Dopo le terrificanti immagini di Bucha e la strage effettuata dai soldati russi arriva anche una durissima accusa per l’Ucraina e il suo esercito. "Ci sono denunce di violenza sessuale da parte delle forze ucraine e delle milizie della protezione civile di Kiev”, l’annuncio di Rosemary DiCarlo, sottosegretario generale delle Nazioni Unite, parlando al Consiglio di Sicurezza. La missione di monitoraggio dei diritti umani dell'Onu in Ucraina sta verificando queste accuse, ha precisato la DiCarlo.

Il presidente russo, Vladimir Putin, nella sua conversazione di oggi con il primo ministro ungherese, Viktor Orban, ha fornito "una valutazione rigorosa della cinica provocazione del regime di Kiev a Bucha". Lo riferisce una nota del Cremlino.
I due leader, prosegue il comunicato, "hanno discusso alcune pressanti questioni relative alle relazioni russo-ungheresi, che continuano a svilupparsi in una maniera reciprocamente vantaggiosa". "Putin ha informato Orban dello stato dei colloqui tra le delegazioni russe e ucraine", aggiunge la nota.

fonti agi e il tempo

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI