Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 21 Agosto 2019

La Biblioteca Frassati co…

Lug 24, 2019 Hits:860 Crotone

Taormina Film Fest: il ma…

Lug 08, 2019 Hits:3325 Crotone

A Nicole Kidman il "…

Lug 02, 2019 Hits:1328 Crotone

Maria Taglioni: 11 diplom…

Giu 24, 2019 Hits:1386 Crotone

Giuseppe Castagnino nomin…

Giu 14, 2019 Hits:1678 Crotone

Giornate Internazionali d…

Giu 13, 2019 Hits:2112 Crotone

Perde i sensi di fronte ai reperti umani dedicati a Leonardo da Vinci

Palazzo Zaguri , splendida  costruzione gotica del 1300, dove è nato nel 2018 un grande polo espositivo, su 3000 MQ , 5 piani e 36 saloni. Ospita al piano terra un ampio bookshop al quale è possibile accedere liberamente essendo uno spazio autonomo rispetto alla sede espositiva

Le cedono le gambe alla vista improvvisa sull'ascensore dei due cadaveri in amplesso dell'opera anatomica “L'orgasmo” di Leonardo Da Vinci. La malcapitata che non ha riportato conseguenze ha espresso il desiderio di tornare alla sede espositiva per ammirare gli altri 50 veri reperti anatomici umani ispirate ai bozzetti del grande artista rinascimentale. È avvenuto ieri mattina al polo museale privato di Palazzo Zaguri.. Una visitatrice di nazionalità francese di 71 anni all'apertura della porta dell'ascensore è caduta a peso morto sul pianerottolo di disimpegno al terzo piano, appena sotto il mansardato sottotetto dove Venice Exhibition srl stava completando l'allestimento di “Authentic Human Bodies, Leonardo Da Vinci”, mostra che verrà presentata in anteprima venerdì 17 maggio esponendo 50 installazioni tra cui spiccano oltre a “L'orgasmo”: “Vitruviano” e “Studio embriologico”.

Difficile definirla sindrome di Stendhal, piuttosto per la dinamica è un caso di spavento quello accaduto alla turista in vacanza a Venezia col marito mentre stava visitando l'altra mostra ospitata da Palazzo Zaguri, “Tutti in un filo, da Kandisky a Botero”, un allestimento di 100 opere in arazzo dei più grandi artisti del '900 realizzate dall'arazzeria Scassa di Asti. Seguendo il percorso espositivo la 71enne si trovava accidentalmente ad attendere l'ascensore quando si è aperto mostrandole improvvisamente il suo “passeggero”. “Stavamo trasferendo con l'ascensore le opere anatomiche all'ultimo piano” ricostruisce lo staff di Palazzo Zaguri “quando abbiamo caricato in cabina l'installazione dell'orgasmo. Non ci è stato possibile salire con l'opera perché qualcuno ha richiamato l'ascensore dal terzo piano. Dopo una manciata di secondi abbiamo udito un urlo e siamo immediatamente accorsi salendo le scale”.

All'arrivo del personale di sala richiamato dal marito, la turista si trovava ancora a terra pallida appoggiata su un fianco. “L'abbiamo assistita nell'immediato, mettendola distesa e sollevandole le gambe finché non ha riacquistato il colorito” aggiungono da Palazzo Zaguri “poco dopo si è ripresa ed ha raccontato che aveva chiamato l'ascensore perché voleva raggiungere la toilette al secondo piano. La vista del reperto anatomico che mostra due cadaveri umani durante l'atto sessuale proprio non se l'aspettava”. 

Appena la visitatrice si è rialzata da terra la coppia di francesi ha rifiutato la chiamata al 118 interrompendo la visita e portandosi verso la reception al piano terra dove hanno richiesto al personale quando fosse possibile visitare tutta l'esposizione dedicata a Leonardo Da Vinci. Per questo la direzione, contro ogni scaramanzia, ha accordato loro l'invito per la presentazione in anteprima di venerdì 17 maggio.

“Siamo felici che la visitatrice non abbia avuto conseguenze e per questo l’abbiamo invitata” commenta l’amministratore di Venice Exhibition srl, Mauro Rigoni “sarà fra i primi visitatori che potranno ammirare 50 installazioni autoptiche ispirate ai bozzetti anatomici del grande artista che affascinano da secoli per la meticolosità del tratto e la fedeltà dei dettagli autoptici che al tempo Leonardo poteva conoscere solo sezionando cadaveri”. 

In tutti i casi l’esattezza dei disegni di Leonardo Da Vinci dimostra infatti come essi si basassero sullo studio analitico di reali salme dissezionate e non soltanto sulla riproduzione di studi contemporanei e precedenti. “La loro ricchezza espressiva esaltata dai veri corpi plastinati” anticipa Rigoni “sarà per la prima volta esposta a Venezia assieme a una collezione di attrezzi chirurgici originali e la ricostruzione di una sala di dissezione dell’epoca”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI