Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 25 Aprile 2019

Tutte le violazioni della Ong

Altissima tensione tra la Mare Jonio e la Guardia di Finanza. Subito dopo le 7:00 di questa mattina la Guardia Costiera ha autorizzato un punto di fonda per la nave della ong italiana che ormai è arrivata davanti alle coste di Lampedusa con a bordo 49 migranti. 

La Guardia di Finanza però avrebbe negato al natante l'ingresso nelle acque territoriali. La nave avrebbe violato le regole e l'ordine della Gdf.

Da queste parole è nato un diverbio acceso con le fiamme gialle che ha portato ad un vero e proprio scontro via radio tra l'equipaggio della Mare Jonio e i militari. Il medico che si trova a bordo, Guido Di Stefano ha parlato della situazione a bordo: "I naufraghi a bordo continuano a vomitare nonostante le medicine, e ho difficoltà di farli uscire per andare al bagno perché é troppo pericoloso". Il Viminale comunque ha ribadito la sua linea: "I porti restano chiusi". E dunque si riapre il braccio di ferro durissimo tra Salvini e le ong.

Una sfida diretta all'Italia e a Matteo Salvini e con una tempistica quantomeno "sospetta", visto l'avvicinarsi del voto decisivo sulla questione Diciotti e sull'eventuale rinvio a giudizio del ministro dell'Interno.

"Nessun pericolo di affondamento né rischio di vita per le persone a bordo (come documentato da foto), nessun mare in tempesta. Ignorate le indicazioni della Guardia Costiera libica che stava per intervenire, scelta di navigare verso l’Italia e non Libia o Tunisia, mettendo a rischio la vita di chi c’è a bordo, ma soprattutto disobbedienza (per ben due volte) alla richiesta di non entrare nelle acque italiane della Guardia di Finanza", ha commentato il vicepremier, "Se un cittadino forza un posto di blocco stradale di polizia o carabinieri, viene arrestato. Conto che questo accada".

La nave, infatti, ha il "chiaro intento di voler portare in Italia immigrati clandestini". E lo confermano gli ordini a cui ha disobbedito. Dopo aver fatto salire a bordo i migranti (nonostante il mare non fosse mosso e non ci fosse nessun pericolo di affondamento del gommone), infatti, non ha rispettato le indicazioni della guardia costiera libica. Poi, pur essendo più vicina a Libia e Tunisia, si è diretta verso Lampedusa "sottoponendo gli immigrati a un viaggio più lungo". E peraltro senza avvisare Malta

Non hanno rispettato gli ordini - e le regole di ingaggio - e hanno soccorso i 49 migranti senza attendere l'arrivo della guardia costiera libica, poi per ben due volte non hanno spento i motori come intimato dalla Guardia di finanza.

Ma non sono le uniche violazioni del diritto del mare commesse dalla Mare Jonio, la nave della Ong italiana Mediterranea saving humans che da ieri sfida di nuovo l'Italia. Un tavolo permanente convocato al Viminale smaschera infatti il "piano", il modus operandi degli attivisti guidati dal no global Luca Casarini.

E così adesso la nave scortata da due unità militari si trova a circa 10 miglia nautiche da Lampedusa. A quanto pare il comandante avrebbe ignorato tutte le indicazioni delle fiamme gialle: "Abbiamo fatto presente che siamo in una situazione di emergenza con onde alte tre metri, 50 naufraghi a bordo oltre l'equipaggio. Dobbiamo mettere in sicurezza la vita delle persone per questo stiamo andando a ridossare verso l'isola di Lampedusa". Dopo aver messo l'ancora di fronte l'isolda di Lampedusa a bordo di Mediterranea è scattata l'ispezione della Guardia di Finanza  

Il caso della Mar Jonio rischia di essere ancora più complicato dei precedenti. Se con la Sea Watch e con la Aquarius, Salvini ha fatto pressioni sull’Unione europea e su quei Paesi, la cui bandiera sventolava sulle imbarcazioni cariche di clandestini, per sbloccare la situazione, ora con la nave della Mediterranea, che batte bandiera italiana, c’è il rischio (drammatico) di imbattersi nel solito azzeccagarbugli capace di appigliarsi a un qualche cavillo per aggirare la chiusura dei porti. Per spazzarli via, il governo dovrà tirar dritto sulla propria strada, infischiandosene di chi vuole piegarlo a politiche buoniste. Anche a costo di imbattersi in altri odiosi processi.

Nonostante Matteo Salvini abbia chiuso tutti i porti del Paese, ci sono ancora alcune organizzazioni non governative che provano a infrangere le leggi del mare andando a recuperare gli immigrati al largo della Libia per poi provare a scaricarli sulle nostre coste. Il salto di qualità è stato mettere in mare una nave battente bandiera italiana: la Mar Jonio della ong Mediterranea. A favorire quest’ultimo blitz sono state anche le continue ingerenze della magistratura nelle decisioni del Viminale.

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, ha infatti trovato un filmato, realizzato da Striscia la Notizia, in cui si vede il No Global che, durante una manifestazione, dice: "Metti sti c... di migranti davanti". Ovviamente il megafono è spento, ma le telecamere riescono a registrare tutto. Poco dopo però la magia: Casarini prende il microfono e afferma: "I fratelli migranti qua davanti con i loro cartelli".

Singolare il fatto che un'espressione così poco felice sia stata utilizzata durante un corteo in favore dei migranti. Del resto, la stessa Meloni chiosa così il video: "Un'altra bella dimostrazione dell'uso strumentale e interessato dei richiedenti asilo da parte di una sinistra razzista, agonizzante e al servizio del grande capitale. Che schifo!". E come darle torto?

Luca Casarini, 52 anni ancora da compiere, la vita da contestatore di Luca Casarini inizia da molto lontano, precisamente dalla fine degli anni Ottanta. Dopo essersi diplomato perito termotecnico a Padova, la passione per la politica lo spinge a iscriversi a Scienze Politiche. Ma il ragazzo non ha molto tempo per studiare e tra il 1990 e il 1993, fra un'occupazione e l'altra, dà solo sei esami.

Anche da imprenditore di se stesso, Casarini non ha cambiato le sue idee. E non dimentica gli amici. Come l'ideologo di alcuni movimenti della sinistra extraparlamentare Toni Negri, condannato a 12 anni di carcere per associazione sovversiva e concorso morale nella rapina di Argelato. Da privato cittadino, nel 2018, Casarini ha celebrato a Pantelleria - con tanto di fascia tricolore - il matrimonio della figlia di Negri, Nina, che ha sposato Marco. "Due amici carissimi. Sono stati loro a spiegarmi — aveva raccontato subito dopo la cerimonia a ottobre al Mattino di Padova — che un privato cittadino può sposare una coppia. E così l’ho fatto", riporta il Corriere della Sera. Fino all'ultima, pazza idea: la trasformazione di un rimorchiatore del 1971 in una nave di "ricerca e salvataggio": la Mare Jonio "Se siamo una Ong? No, piuttosto una piattaforma sociale. Questa nave deve diventare un simbolo. Se l’Italia e l’Europa chiudono i loro porti, chiameremo la popolazione a scendere in strada". E ora anche in mare. Il solito contestatore. Il solito Luca Casarini.  

Durante il G8 che Casarini inizia a occupare le prime pagine dei giornali. Come portavoce del gruppo dei "Disobbedienti" diventa subito tra i leader del movimento no-global. Nei giorni che portano alla tragica morte di Carlo Giuliani, Casarini è sempre in testa ai cortei che spesso e volentieri affrontano le forze dell'ordine. Lo scontro gli piace e non fa nulla per nasconderlo. Ma poi la bolla si sgonfia e, insieme al movimento no-global, anche la buona stella di Casarini comincia a tramontare. L'ex Disobbediente deve trovarsi un lavoro. Nel 2009, al Corriere della Sera, racconta di essersi trasferito a Palermo e di avere aperto una partita Iva: "Mi occupo di consulenza sul marketing e design pubblicitario". La politica, però, gli rimane nel sangue. Amico di Niki Vendola, nel 2014 gli strappa una candidatura nella lista di sinistra radicale L'altra Europa con Tsipras. Candidato nella circoscrizione Italia centrale, prende circa 10 mila voti. Non abbastanza per conquistare un seggio a Bruxelles, ma sufficienti per diventare - nel 2017 - segretario siciliano di Sinistra Italiana.  

L'educazione ricevuta nei centri sociali "Pedro" di Padova e "Rivolta" di Porto Marghera lo spinge nelle piazze delle principali città del Veneto. Casarini è sempre lì, lancia in resta e pronto ad usare le mani se necessario, contro la polizia e i "maledetti fascisti". Nel 1999 tenta il grande salto nelle istituzioni che tanto contesta, ma la sua candidatura a sindaco di Padova gli porta appena l'1,4% dei voti. Ma lui non demorde e alla fine non gli dispiace più di tanto: al dialogo istituzionale preferisce il megafono. La ricerca del compromesso non gli piace e alla difesa preferisce l'attacco. A cavallo tra anni '90 e 2000 Casarini guida una lunga serie di azioni di protesta: i suoi bersagli sono i centri di permanenza temporanea, la flessibilizzazione del lavoro, le guerre in Afghanistan e in Iraq, i Treni ad Alta Velocità e le basi militari americane in Italia, su tutte la "Dal Molin" di Vicenza.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI