Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 18 Aprile 2021

Al via domani l’Assemblea Nazionale delle Province Italiane

Si apriranno domani i lavori dell’Assemblea Nazionale delle Province d’Italia, evento che vedrà riunite al Centro Congressi La Ciminiere di Catania centinaia di amministratori da tutto il Paese. “Federalismo, territorio, sicurezza e sviluppo” saranno i temi attorno ai quali si snoderanno le due giornate di dibattito, cui interverranno ospiti e rappresentanti del Governo, del Parlamento, dei partiti politici, delle forze economiche e sociali. “L’assemblea – sottolinea il presidente dell’Upi, Giuseppe Castiglione, presidente della Provincia di Catania, che domani aprirà i lavori - è per noi l’appuntamento più importante dell’anno, per fare il punto su ciò che abbiamo fatto e rilanciare le nostre proposte, le nostre idee, il nostro impegno, il contributo che diamo a costruire un futuro migliore per l’Italia. Oggi possiamo dire con orgoglio che le Province sono istituzioni riconosciute al centro dello sviluppo locale, istituzioni capaci di leggere le vocazioni dei territori e di portarle a sistema Province che investono sulla ricerca, sul mondo della conoscenza e sui giovani e si impegnano per favorirne l’occupazione. Che credono nella valorizzazione del demanio, nell’efficientamento della rete viaria, nella promozione del turismo e dei beni culturali, come una opportunità di crescita sociale ed economica. Che pongono alla base dello sviluppo la sostenibilità e investono in efficienza energetica, in nuove tecnologie, nelle nuove forme di comunicazione. Che agiscono per fare crescere le proprie comunità. Per confermare il nostro ruolo, abbiamo bisogno però che si completi il quadro di riforma istituzionale: per questo abbiamo valutato positivamente l’approvazione da parte del Governo del Disegno di legge sulle funzioni fondamentali e sulla nuova Carta delle autonomie locali. Ma riteniamo urgente che questo sia approvato rapidamente anche dal Senato della Repubblica e diventi finalmente legge della Repubblica. L’individuazione delle funzioni fondamentali è infatti un passaggio delicatissimo poiché comporta una scelta precisa: si tratta cioè di decidere a chi assegnare le funzioni amministrative che oggi sono ripartite, spesso in modo confuso e senza una giustificazione adeguata, su diversi livelli di governo e strutture amministrative. Noi crediamo, proprio nella prospettiva della semplificazione funzionale, che materie come la difesa del suolo, la gestione delle acque, la gestione dei rifiuti, le politiche della montagna, i trasporti, l’assistenza ai Comuni, debbano essere ricondotte in modo organico in capo alle Province con l’individuazione delle funzioni fondamentali di governo di area vasta. Per questo chiediamo che le funzioni degli ATO acque e degli ATO rifiuti debbano essere assegnate alle Province e che si debba procedere organicamente al trasferimento ai Comuni e alle Province di tutte le funzioni di natura territoriale che oggi sono svolte da enti o strutture (BIM, Consorzi di bonifica, Enti Parco, Comunità montane …) che non hanno una diretta legittimazione democratica, che non rispondono ai cittadini. Saremo sempre, invece, i primi a sederci ad un tavolo in cui le parole d’ordine siano la razionalizzazione degli enti, a partire dall’istituzione delle città metropolitane e al superamento delle Province che insistono nelle aree metropolitane.
Questo processo dovrà muoversi parallelamente con l’attuazione della legge delega n. 42 del 2009, che sta procedendo spedita, lungo un percorso che ha visto prevalere un clima di concreta ed effettiva collaborazione tra Governo e Associazioni degli enti locali. I primi schemi di decreti attuativi sono stati approvati dal Consiglio dei Ministri: quello sull’individuazione dei fabbisogni di Comuni e Province, che segnerà un passaggio decisivo, perché è da qui che si partirà per abbandonare il principio della spesa storica e degli sprechi che questo ha portato; quello approvato in Consiglio dei Ministri, nelle scorse settimane, sull’autonomia di entrata delle regioni delle Province. Un testo attraverso cui viene operata quella semplificazione del sistema tributario che noi avevamo sempre posto come priorità, e ricondotti in capo alle Province i tributi dal trasporto su gomma, proprio come indicato nella legge delega. Si trasforma l’imposta RcAuto in tributo provinciale e si assegna la compartecipazione all’accisa sulla benzina, unitamente alla compartecipazione alla tassa regionale di circolazione dei veicoli. Il quadro è dunque sostanzialmente coerente con il “cespite” individuato per la fiscalità provinciale. Ci sono però alcune perplessità: innanzitutto, l’UPI aveva individuato la necessità di garantire alle Province la compartecipazione ad un grande tributo erariale (IVA o IRPEF) direttamente correlato alla ricchezza dei territori. Questo tributo ad oggi non è previsto. In secondo luogo l’attribuzione alle Province della compartecipazione alla tassa di possesso automobilistica lascia aperta la questione relativa alla effettiva incapienza di questo gettito per la copertura dei trasferimenti regionali correnti che andranno soppressi contestualmente all’attribuzione della compartecipazione. Alle criticità e alle perplessità fin qui sottolineate in materia di federalismo fiscale, si aggiunge la difficile condizione in cui verte la finanza provinciale. Gli obiettivi del patto di stabilità hanno infatti sancito per le Province una manovra di miglioramento del saldo finanziario di 310 milioni per il 2009, 555 per il 2010 e 975 per il 2011. A questo si aggiunge il taglio dei trasferimenti erariali di 300 e 500 milioni rispettivamente per il 2011 e dal 2012. Gli enti interessati si troveranno a dover gestire risorse ridotte di circa il 23% nel 2011 e di oltre il 38% a partire dal 2012: su un complesso di trasferimenti pari a 1.300 milioni ne verranno tagliati prima 300 e poi 500. Restano dunque fondamentali tre richieste per le Province: aumentare fino al 4% la percentuale dei residui passivi spendibili per le Province, consentendo così di liberare immediatamente quasi 300 milioni di euro nel circuito economico del Paese. Rivedere l’impianto del patto di stabilità interno, modificando la base di calcolo e garantendo l’equilibrio finanziario per tutti gli enti; alleggerire la manovra a carico delle Province. I tagli ai trasferimenti regionali hanno infatti un impatto notevole per le Province, che sono le principali destinatarie di tali risorse per trasporto pubblico locale, sicurezza stradale e sicurezza dei territori: se ad essi aggiungiamo anche i tagli di 300 e 500 milioni, l’effetto sarà quello di paralizzare qualsivoglia attività degli enti. Per questo motivo l’UPI chiede con forza che vengano ridotti i tagli a carico delle Province”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI