Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 05 Giugno 2020

Isola Capo Rizzuto - La r…

Giu 01, 2020 Hits:165 Crotone

Zero contagi a Crotone, P…

Mag 27, 2020 Hits:285 Crotone

La Lega di Crotone unita …

Mag 25, 2020 Hits:376 Crotone

Lega Giovani: La mafia pu…

Mag 23, 2020 Hits:422 Crotone

Isola Capo Rizzuto - Gior…

Mag 23, 2020 Hits:415 Crotone

Tre anni fa il gemellaggi…

Mag 19, 2020 Hits:573 Crotone

Antica Kroton, la Lega in…

Mag 16, 2020 Hits:600 Crotone

Crotone in fiore

Mag 05, 2020 Hits:780 Crotone

Il ministro Luciana Lamorgese “ha chiarito nela riunione Ue,al vertice straordinario tra ministri dell’Interno, tenuto a Bruxelles, che il governo di Roma non manderà nessuno a spalleggiare i greci nelle maniere forti. Al massimo, nostri agenti potranno dare una mano negli hot spot per velocizzare le pratiche di chi chiede asilo come scrive Francesco Grignetti su “La Stampa”.

“Quanto alla richiesta di mezzi, è stato escluso che unità della nostra Guardia costiera o della Finanza possano essere utilizzate nel respingimento muscolare dei gommoni. L’Italia ha offerto, se proprio serve rafforzare il dispositivo già presente di Frontex nell’Egeo con l’Operazione Poseidon, di inviare un aereo da ricognizione. Ben lontano, come si intuisce, dai luoghi caldi”.

Di fatto il governo italiano si offre di aiutare i greci solo se nelle pratiche di asilo, cioè se Atene accetterà di far oltrepassare il confine alle masse di clandestini che premono con violenza, grazie al supporto turco, sulla frontiera. Un gesto che schiera l’Italia a supporto del ricatto di Erdogan e che verrà apprezzato da Ong e lobby dell’accoglienza che già valutano gli incassi miliardari derivanti da nuovi massicci flussi.

Una posizione paradossale specie ora che la Ue sembra voler finalmente reagire con durezza al ricatto migratorio clandestino attuato dalla Turchia confermato dalle dichiarazioni dei migranti illegali arrivati a Lesbo che indicano chiaramente la complicità tra i trafficanti e le autorità di Ankara.

Il confronto in atto tra Turchia e Grecia sui migranti, che Erdogan ha mandato in circa 150 mila al confine terrestre occidentale, si estende anche al fronte marittimo con i due paesi impegnati a sostenere con la propaganda le proprie posizioni. Ankara mostra video di migranti illegali su gommoni respinti a forza dalle motovedette greche mentre Atene diffonde video di navi turche che scortano gommoni di migranti fin dentro le acque territoriali di Atene e di blindati della polizia turca che aiutano i clandestini a rimuovere le barriere sul confine terrestre di Edirne.

Il portavoce del governo greco Stelios Petsas ha dichiarato in una nota che “invece di contrastare le reti di trafficanti di persone, la Turchia è diventata essa stessa un trafficante”.Espliciti anche i filmati relativi agli scontri sul confine dove schiere di giovani migranti lanciano sassi e molotov contro la polizia greca al grido di “Allah Akbar”. Atene ha confermato di aver respinto oltre circa 35 mila tentativi illegali di attraversamento del confine.

Il pugno di ferro del governo greco, che dietro ai poliziotti ha schierato sul confine anche l’esercito e rafforzato la presenza navale davanti all’isola di Lesbo dove in una settimana sono sbarcati 1.700 clandestini che si aggiungono ai 25 mila già stipati da tempo sull’isola, continua ad avere ampio sostegno dall’Unione Europea anche se emergono già le prime crepe nel fronte europeo.

Il presidente del Parlamento, David Sassoli, parla esplicitamente di accogliere i migranti in arrivo dalla Turchia e di aprire corridoi umanitari per migliaia di supposti minori non accompagnati da ridistribuire tra i partner Ue mentre Ong e associazioni per i diritti umani accusano la Ue di aver accettato la decisione della Grecia di sospendere la domanda di asilo per un mese..

L’Europa per una volta dimentica le politiche immigrazioniste suicide perseguite finora e sostiene la Grecia per arginare la nuova “invasione” dalla Turchia. pero anche l’Italia non ci sta e il governo Conte rifiuta di mandare agenti di polizia e navi in supporto ai greci che affrontano il ricatto turco.

La questione è chiusa, ormai abbiamo aperto le porte, non abbiamo più tempo di discutere” ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan che però sabato ha ordinato alla Guardia Costiera di fermare i flussi di migranti illegali diretti verso le isole greche di Lesbo, Chios e Kastellorizo. Un’iniziativa interpretabile con la volontà di offrire un segnale di cooperazione soprattutto alla Germania, interessata anche in ambito Ue a non rovinare i rapporti con Ankara anche alla luce dei milioni di turchi che vivono in Germania e hanno nazionalità tedesca.

Meglio non dimenticare che dopo i massicci flussi del 2015 fu proprio la Germania a negoziare l’0accordo con Ankara in base al quale i turchi fermarono o quasi i flussi di migranti ricevendo in cambio 6 miliardi di euro, non da Berlino ma dalla Ue.

Possibile quindi che Erdogan, dopo aver mostrato la minaccia all’Europa, ora punti a dimostrare che può contenerla, ovviamente dietro un lauto compenso. Se il leader turco paragona i greci ai nazisti per le violenze sui migranti, il presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, ha ribadito l’importanza di riprendere il dialogo con la Turchia....

l’alto rappresentante della politica estera dell’UE, Josep Borrell, affermava rivolto ai migranti: “non andate al confine. Il confine non è aperto. Se qualcuno ti dice che puoi andare perché la frontiera è aperta … questo non è vero. Evita situazioni in cui potresti essere in pericolo”, ha aggiunto. “E, per favore non dire alle persone che possono andare, perché non è vero”.

la solidarietà europea nei confronti della Grecia si manifesta anche nell’invio di poliziotti dei diversi Stati membri al confine greco, come richiesto da Atene. Aiuti limitati nei numeri ma di alto valore simbolico dopo che la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, ha attribuito ai greci il ruolo di difensori dei confini d’Europa.

La Croazia, che già schiera una motovedetta a Lesbo, ha deciso l’invio di un’altra nave e un contributo simbolico di 8 agenti, ben 200 si è impegnata a inviarne la Polonia e altri paesi stanno valutando i contributi da mettere in campo. L’Italia invece sembra voler sostenere anche in questo caso le politiche dell’accoglienza tanto care all’attuale governo che hanno già visto decuplicare, soprattutto a causa delle navi delle Ong gli sbarchi di clandestini in Italia rispetto ai primi due mesi del 2019.

In questi giorni di grave emergenza, stiamo ascoltando diversi commenti più o meno interessanti, visto il tempo a disposizione, ho avuto modo di leggerne diversi, il primo che voglio presentare è quello del professore Luca Ricolfi, un economista serio, ha offerto diverse riflessioni. Il mese di febbraio per bloccare il virus è stato cruciale, e sugli errori fatali di questa mediocre classe dirigente ci sarà molto da dire.

Errore 1: avere sottovalutato, nonostante le avvertenze degli esperti (il primo allarme di Roberto Burioni è dell’8 gennaio, ben due mesi fa), la gravità della minaccia dell’epidemia di coronavirus, non solo respingendo la linea rigorista dei governatori del Nord, ma tentando di approfittare politicamente delle circostanze: un’emergenza sanitaria è stata trattata come un’emergenza democratica, come se la posta in gioco fosse l’antirazzismo e non la salute degli italiani (il medesimo Burioni, per le sue proposte di quarantena, è stato accusato di fascio-leghismo).
Errore 2: aver rinunciato, quando la misura sarebbe stata ancora efficace, a una campagna massiccia di tamponi, per la paura di danneggiare l’immagine dell’Italia all’estero.
Errore 3: aver insistito per giorni sulla necessità di far ripartire l’economia, come se questo obiettivo – se perseguito nel momento di massima espansione dell’epidemia – non avesse l’effetto di facilitare il contagio. Non so se, in queste ore, il governo correggerà la rotta, e in che misura eventualmente lo farà. Ma penso di poter dire, sulla base dell’evidenza statistica disponibile, che non essere intervenuti drasticamente e subito avrà un costo enorme in termini di vite umane, prima ancora che in termini di ricchezza»
. (Luca Ricolfi, “Coronavirus, calcoli sbagliati: le gravi responsabilità del governo”, 5.3.2020 Il Messaggero)

A questo punto il professore fa due conti, «Se, come molti esperti considerano possibile, il virus dovesse raggiungere anche solo il 20% della popolazione (12 milioni di persone), i morti non sarebbero il 3% (circa 360 mila) ma almeno il triplo o il quadruplo, ovvero 1 milione o più. In quel caso, infatti, i posti di terapia intensiva necessari per salvare i pazienti gravi non sarebbero sufficienti, nemmeno ove – tardivamente – il governo varasse oggi stesso un piano per raddoppiare o triplicare la capacità attuale (oggi i posti disponibili sono 5000, con 12 milioni di contagiati ce ne vorrebbero più di 50 mila, ossia 10 volte la capacità attuale)».

Per Ricolfi lo scenario potrebbe diventare apocalittico, se l'epidemia dovesse raggiungere quasi l'intera popolazione italiana.

A questo punto sarebbe necessario un nuovo governo e ben altra classe dirigente. «Oggi è il tempo - incalza Ricolfi - di salvare l’Italia da una catastrofe potenzialmente peggiore di una guerra, e di farlo con i mezzi che abbiamo e il tempo ristrettissimo che ci sta davanti».

Chiarito che non spetta a lui redigere un piano che limiti i danni, ma ci penseranno quelli come il professore Burioni, Crisanti o Galli.

Tuttavia Ricolfi si sente di scrivere due cose: «La prima è che la priorità non può essere far ripartire l’economia subito, perché questo non farebbe che accelerare la circolazione del virus. Le risorse economiche dovrebbero essere indirizzate prima di tutto a moltiplicare le unità di terapia intensiva e sub-intensiva, perché quasi certamente fra 2 o 3 settimane i malati gravi saranno molto più numerosi dei posti disponibili. La seconda è che, se vogliamo limitare il numero dei morti, dovremo rinunciare, per almeno qualche settimana, a una parte delle nostre libertà e, probabilmente, anche a una frazione di ciò che siamo abituati a pensare come parte integrante della democrazia. Quando dico rinunciare alle nostre libertà, penso soprattutto alla libertà di circolazione e di spostamento».

Ricolfi insiste anche oggi sulle misure drastiche da intraprendere: «Avere senso civico, oggi, significa fare ciò che ci viene richiesto, anche se significa vivere in un modo orribile e disumano. Ed è gravissimo che sia i privati (per interessi economici) sia le autorità (per ragioni politiche) continuino a diffondere le tre bufale fondamentali che hanno ritardato la presa di coscienza dei cittadini: che il virus uccida solo gli anziani già affetti da altre gravi patologie; che i soggetti senza sintomi (i cosiddetti asintomatici) non possono trasmettere il virus; che il coronavirus sia poco più che una brutta influenza». (Luca Ricolfi, “L’impegno di tutti/ Una guerra che non ammette disertori”, 9.3.2020, Il Messaggero)

Sul senso civico degli italiani, si sta puntando in queste ultime ore. Sta facendo molto discutere, quello che è successo a tarda sera di sabato alle stazioni ferroviarie di Milano, per alcuni una scena badogliana da “8 settembre”, un caos provocato dal Governo Conte con il suo “decreto” sulla chiusura della Lombardia.

“L’assalto ai treni per fuggire da Milano è la fotografia più avvilente del livello al quale è stato portato il Paese, ha scritto Eugenio Capozzi.

Infatti «Che si arrivi a tanto così dal mettersi le mani addosso per salire su un treno e rischiare di portarsi altrove il virus che magari è stato appena preso nella folla. E rendere banali, così, gli sforzi di chi sta tentando di preservare la salute, il lavoro ed i soldi di tutti. Questa esperienza, finora, ha insegnato che l’Italia è ancora molto lontana dall’essere un Paese unito. Scene come quelle di ieri sera alla stazione Centrale milanese fanno capire che qui ciascuno bada al proprio orticello [...]». (C. Arija Garcia, “Coronavirus: il fallimento educativo sta uccidendo l’Italia”, 8.3.2020, laleggepertutti.it)

Anche il professore Capozzi mette l'accento sulla mancanza di senso civico degli italiani, «da questi complessivi fallimenti ed insufficienze emerge anche un problema complessivo di mentalità diffusa, di costume rispetto ad altre parti del mondo. A parte le considerazioni sul caso cinese, non paragonabile al nostro per la natura illiberale e dittatoriale delle misure restrittive poste in atto da quel regime (ma, va rimarcato, su numeri giganteschi: si parla di 700 milioni di persone praticamente isolate), sembra indubbio che la società italiana abbia oggi molto da imparare dalla disciplina sociale, dal senso civico e dal rigore istituzionale prevalenti nei paesi dell’Estremo Oriente asiatico. Essa mostra ancora, rispetto all’epidemia, un atteggiamento troppo superficiale e leggero: in parte per la sua radicata propensione all’individualismo e familismo anarcoide, in parte perché incoraggiata fino a poco tempo fa da messaggi irresponsabili e controproducenti lanciati dal governo e da altre istituzioni [...] È vitale che, dai più alti vertici istituzionali a tutte le fasce della società, si smetta di considerare sacre e intoccabili tutte le nostre abitudini e comodità consolidate. Che ci si torni a convincere – e molto in fretta – che di fronte a prove difficilissime, in cui è in gioco il futuro del paese, si può e si deve rinunciare per un certo periodo a quote anche consistenti di libertà individuale per il bene della comunità». (E. Capozzi, “Coronavirus in Italia: il naufragio delle istituzioni e una società incapace di disciplina”, 7.3.2020. L'Occidentale)

E allora se occorre rigore e fermezza potrebbero avere ragione chi in questi giorni per lottare contro l'epidemia ipotizzano di ispirarsi al regime totalitario comunista cinese di Xi Jimping. Il regime cinese si presenta come il miglior modello possibile di contrasto alla diffusione del morbo: «controllo totale e capillare dei suoi cittadini, chiusura completa di intere regioni con decine di milioni di abitanti, costruzione di ospedali a tempo record. E molti italiani, anche insospettabili, vorrebbero seguirne l'esempio. Eppure questa è solo la facciata "buona", sotto cui il totalitarismo comunista nasconde inefficienza e brutalità. Senza dimenticare che l'epidemia si è diffusa solo a causa dei silenzi imposti dalla censura di Pechino». (Stefano Magni,” Lotta al Coronavirus, tutti affascinati dalla dittatura cinese. Meno i cinesi stessi”, 7.3.2020, in LaNuovaBQ.it)

Per esempio Daniela Sbrollini, senatrice di Italia Viva, che accoglie il suggerimento degli esperti di “chiudere tutto” in vista del peggioramento dell’epidemia. “E’ evidente che siamo in un Paese democratico dove non vige il regime comunista della Cina, che però in questo caso è riuscita a contenere l’epidemia adottando dei sistemi obbligatori di controllo e di schedatura dei propri cittadini”.

Mentre Corrado Formigli, nella trasmissione Piazza Pulita, intervistando il professor Massimo Galli (infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano), nelle sue domande dice anche: “Diciamo che lì (in Cina, ndr) hanno il vantaggio della dittatura, che non è un vantaggio da poco”. Magni polemicamente si domanda: «Quale vantaggio ha mai dato la dittatura comunista alla Cina e al mondo nella lotta a questa epidemia? Prima di tutto, pensare che la Repubblica Popolare sia un modello virtuoso, vuol dire sacrificare la realtà della genesi e della prima diffusione del coronavirus». Quelli che oggi indicano la Cina come esempio da seguire assomigliano molto a quelli affetti dalla “sindrome di Stoccolma”.

L'editorialista de LaNuovaBQ.it in questo documentato articolo sintetizza come si è sviluppato il virus nel mercato del pesce di Wuhan e poi come le autorità comuniste hanno costretto il dottor Li Wenliang (successivamente morto del male che ha contribuito a scoprire) a fare autocritica e quindi a nascondere tutto anche all'Oms. Ritengo opportuno pubblicare buona parte del servizio per capire con chi abbiamo a che fare.

«Meno nota - continua Magni - è però la sistematicità con cui le autorità, a tutti i livelli, hanno soppresso ogni informazione sul nuovo virus, perdendo un intero mese critico in cui l’epidemia poteva essere più efficacemente contenuta. Il Wall Street Journal ha documentato puntualmente tutte queste carenze, omissioni e deliberate disinformazioni del regime cinese, pagando con l’espulsione di tre suoi giornalisti dalla Cina.

 Ancora il 7 gennaio, quando lo stesso presidente Xi Jinping dava l’ordine di controllare lo scoppio dell’epidemia, le autorità locali ufficialmente negavano che si trattasse di una malattia trasmissibile da uomo a uomo. Il banchetto organizzato dal Partito nella città di Wuhan per celebrare il capodanno lunare si è tenuto regolarmente, con almeno 40mila ospiti. Nei giorni del capodanno, almeno 5 milioni di cinesi si sono mossi da e per Wuhan, il tutto mentre le autorità sapevano ma tacevano.

Intanto, fra il 6 e il 17 gennaio si riunivano i consigli legislativi e consultivi del Partito a Wuhan e in quel periodo ogni notizia “allarmistica” era censurata. Per una prima dichiarazione pubblica del presidente Xi Jinping si sarebbe dovuto aspettare fino al 20 gennaio. Il 23 la Cina ha dichiarato lo stato di emergenza e ha posto in quarantena Wuhan e le città limitrofe, un’area con 50 milioni di abitanti, come mettere in una zona rossa tutta l’Italia. Il contenimento, tanto osannato dagli “esperti” ha avuto successo? Purtroppo non lo sappiamo. Per Magni per ora «Sappiamo solo che la Cina continua a censurare le notizie e abbiamo chiari indizi che stia manipolando le statistiche. Un gruppo di ricerca canadese, il Citizen Lab, ha rilevato che sin dal 1° gennaio le autorità stanno applicando una forte censura su WeChat (la più diffusa app per le chat in Cina, simile a Whatsapp) filtrando tutte le parole chiave che riguardano l’epidemia di coronavirus, per impedire ogni critica alla classe dirigente cinese. Anche i videoblogger che provano a raccontare come si vive in quarantena o cosa pensa la gente della politica delle autorità, pagano col carcere».

Continua Magni, attualmente in Cina, «non è possibile verificare in modo realmente indipendente le statistiche cinesi, i numeri vengono ridotti o gonfiati. E molti funzionari, che temono l'epurazione, potrebbero non dire tutta la verità». C'è un video della visita a Wuhan di Sun Chunlan, la vicepremier, passeggiando per le vie del quartiere Qingshan, viene contestata apertamente dai cittadini, che le gridano dalle finestre “Falsi! Falsi! E’ tutto falso!” e “Formalismo!”  La dittatura “ha i suoi vantaggi”, - scrive Magni - ma ha uno svantaggio fondamentale: che tutto finisce nelle mani di un partito politico con potere assoluto. Che agisce, prima di tutto, con criteri politici. E non è detto che siano i migliori per salvare vite umane».

 



“Pompei è una storia di rinascita e riscatto, un modello per tutta Europa nella gestione dei fondi comunitari. Un luogo in cui si è tornati a fare ricerca e nuovi scavi archeologici grazie al lavoro lungo e silenzioso delle tante professionalità dei beni culturali che hanno contribuito ai risultati straordinari che sono sotto gli occhi di tutti e che sono motivo di orgoglio per l’Italia.”
Dario Franceschini
Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo

“A Pompei non è più il tempo delle emergenze. Abbiamo davanti a noi nuove e importanti sfide per la tutela, la conoscenza e la valorizzazione degli scavi e del territorio”.
Massimo Osanna
Direttore del Parco archeologico di Pompei

GRANDE PROGETTO POMPEI
Si conclude con la messa in sicurezza delle Regiones I, II e III il piano straordinario di salvaguardia delle strutture archeologiche della città antica di Pompei, avviato nel 2014 con il Grande Progetto Pompei.
In cinque anni sono stati eseguiti 76 interventi relativi ai 5 piani di intervento previsti dal Grande Progetto Pompei, di cui 51 per il piano delle opere (interventi su strutture archeologiche), 8 per il piano della conoscenza, 2 per il piano della sicurezza, 7 per il piano della capacity building, 8 per la fruizione e comunicazione.
75 sono gli interventi conclusi, di cui su 5 cantieri sono in corso le fasi di collaudo. Resta in via di conclusione il cantiere “di intervento di messa in sicurezza dei fronti di scavo” (GPPM), ovvero dei 3km di perimetro che costeggia l’area non scavata di Pompei. Di questo grande cantiere è stato già portato a termine l’intervento sui fronti di via del Vesuvio, di recente restituita alla fruizione con l’apertura della casa di Leda e il cigno, e nell’area del cosiddetto “cuneo”, dove sono venute in luce due domus di pregio con suggestivi affreschi, mosaici e reperti e il vicolo dei balconi, che ha ricongiunto il vicolo delle Nozze d’argento con l’arteria principale di via di Nola.
Il totale della spesa al 30 gennaio 2020 è di 92 milioni di euro.



Messa in sicurezza nelle Regiones I, II e III
Il cantiere diretto da un team di architetti, archeologi, ingegneri e restauratori si è concluso dopo quindici mesi di lavoro, interessando una vasta area – le Regiones I e II nel quadrante sud orientale della città e la Regio III, solo parzialmente scavata, che si sviluppa tra via dell’Abbondanza a sud e via di Nola a nord, comprendente le botteghe e i numerosi thermopolia lungo la via Stabiana, le domus poste tra via dell’Abbondanza e via di Castricio, le grandi dimore urbane di Octavio Quartio e Giulia Felice, la casa del Triclinio all’aperto e il Foro Boario con gli annessi vigneti fino all’Anfiteatro.
I lavori hanno attuato interventi specifici di restauro strutturale delle murature, messa in sicurezza degli apparati decorativi e rifacimento delle coperture, oltre che nella messa in opera controllata di presidii per salvaguardare situazioni specifiche di instabilità delle strutture murarie. In particolare, l’utilizzo di presidii statici sempre più snelli e sofisticati ha consentito di liberare le strade e le antiche strutture da ingombranti puntelli. Il rifacimento dei battuti dei pavimenti ha poi migliorato il livello di fruizione delle aree.
Resta in via di completamento il grande intervento di consolidamento dei fronti di scavo, con i 3 chilometri di perimetro che costeggia l’area non scavata di Pompei con il cosiddetto cuneo nella Regio V. Già alla fine del 2018, lungo via del Vesuvio, la restituzione alla fruizione della strada ha permesso di rendere visibile per la prima volta al pubblico la domus di Leda e il cigno, uno dei ritrovamenti più recenti e suggestivi dei
nuovi scavi della Regio V.

LA CASA DEGLI AMANTI
Portata alla luce nel 1933, prende il nome dal verso inciso in un quadretto con anatre sul fondo del peristilio che recita Amantes, ut apes, vitam melitam exigunt (Gli amanti conducono, come le api, una vita dolce come il miele). La casa, situata nel cuore della Regio I, era chiusa al pubblico dagli anni Ottanta quando, con il sisma, si rese necessario realizzare un ordito di puntelli a sostegno della copertura dell’atrio e del peristilio, occultando e stravolgendo la lettura degli spazi e delle decorazioni della domus. Negli anni lo stato di conservazione della domus era divenuto tale da impedirvi l’accesso perfino ai tecnici. La particolarità più rilevante dell’abitazione consiste nella presenza e nella conservazione pressoché completa del secondo piano del peristilio (giardino colonnato), un tempo accessibile attraverso una scala nel portico settentrionale (di cui è visibile la traccia sulla parete di fondo). Questo secondo piano sembra essere stato aggiunto nel corso del I secolo d.C. Lo stato di sostanziale integrità in cui furono rinvenute le strutture pertinenti al livello superiore permise, già all’indomani dello scavo, di recuperare la configurazione originaria di questo spazio, restituendo alla percezione e alla conoscenza una soluzione architettonica (peristilio a doppio ordine), che ad oggi rappresenta un unicum a Pompei. Fatta eccezione per le pitture delle fauces e per alcuni pavimenti del II stile, le pitture presenti nella domus furono realizzate in IV stile nel corso del I sec. d. C. In questa domus la messa in sicurezza ha riguardato anche il consolidamento della copertura e dei solai. L’intervento di ripristino delle coperture dell’atrio si è posto in continuità con la riconfigurazione che la domus aveva ricevuto nel complesso, durante i lavori di restauro degli anni trenta concomitanti allo scavo. Alcuni oggetti rinvenuti nella casa (un braciere, un bacile, una lucerna in bronzo e delle cerniere in osso) sono esposti in una vetrina collocata nell’atrio. L’esposizione rientra nel progetto di musealizzazione diffusa, già avviata da tempo in diversi edifici degli scavi, allo scopo di ricollocare e contestualizzare i reperti negli ambienti del loro ritrovamento.

LA CASA DELLA NAVE EUROPA
La domus deve il suo nome al grande graffito inciso sulla parete nord del peristilio, dove è raffigurata una grande nave da carico, chiamata “Europa”, affiancata da altre imbarcazioni minori.
La casa, il cui nucleo originario risale al III sec. a. C., ha avuto una storia edilizia complessa fatta di numerose modifiche e ampliamenti; nella sua veste attuale, presenta un ampio peristilio con numerosi ambienti disposti in successione sui lati settentrionale e occidentale. Le monumentali colonne in tufo del peristilio e le decorazioni in I stile conservatesi in alcuni ambienti serbano memoria delle fasi edilizie più antiche e dei momenti di maggiore splendore della domus.
Di particolare pregio è la decorazione nel cubicolo adiacente all’ingresso, dove il finto rivestimento a blocchi di marmo colorato, tipico di questo stile decorativo, è arricchito dalla presenza, nella parte superiore della parete, di semicolonne ioniche realizzate anch’esse in stucco.
Nell’ultima fase di vita della città, la domus doveva, con ogni probabilità, ospitare un’attività produttiva di tipo agricolo; il settore posteriore della casa era, infatti, occupato da un ampio spazio verde, posto su due livelli, coltivato essenzialmente a vi- gneto con un piccolo orto per legumi e ortaggi.


LA CASA DEL FRUTTETO
La casa è stata interessata da interventi di messa in sicurezza nonché dal restauro degli apparati decorativi, questi ultimi realizzati con fondi ordinari del Parco archeologico di Pompei.
Limoni e corbezzoli, piante da frutto e ornamentali, uccelli svolazzanti, e un albero di fico a cui è avvinghiato un serpente. Così erano decorati i cubicoli floreali della casa del Frutteto a Pompei. Una vegetazione lussureggiante dipinta sulle pareti, ad avvolgere il riposo degli antichi abitanti di questa dimora posta su via dell’Abbondanza, che conserva uno dei più begli esempi di pittura di giardino rinvenuti nella città.
Gli affreschi raffigurano in uno degli ambienti un giardino luminoso, immaginato di giorno nel pieno rigoglio del verde, con una precisione di dettagli tale da rendere possibile il riconoscimento delle specie vegetali e nell’altro, un giardino immerso nel buio della notte, con tre alberi di diversa grandezza, tra cui il grande fico con il serpente, auspicio di prosperità.
A differenza di altre case dove la pittura di giardino era riservata alle sale di rappresentanza, qui la si trova nei cubicoli. In alcuni ambienti, le raffigurazioni sono, inoltre, arricchite da motivi egizi con riferimenti a Iside, probabile segno di devozione alla dea da parte del proprietario.
La domus, scavata parzialmente nel 1913 e poi nel 1951, presenta il classico impianto ad atrio, attorno al quale si dispongono vari ambienti e nella parte posteriore uno spazio verde con un triclinio estivo, utilizzato durante la stagione calda in alternativa al più interno triclinio.
I giardini ornamentali, sia raffigurati sulle pareti ad ampliare lo spazio visivo degli ambienti, sia come spazi verdi interni, laddove la dimora lo consentiva, caratterizzavano molte delle abitazioni dell’antica città.

POMPEI IN CIFRE
GRANDE PROGETTO POMPEI
• Importo complessivo: 105 milioni di euro
• Cofinanziamento UE: 75%, quota nazionale: 25%
• Interventi finanziati: 76
MESSA IN SICUREZZA DEL SITO ARCHEOLOGICO
50 km di colmi murari
30.000 metri cubi di murature, 10.000 metri quadri di intonaci.
INTERVENTO DI MESSA IN SICUREZZA DEI FRONTI DI SCAVO
2,7 km.
SCAVO DEL CUNEO
Oltre 2000 metri quadri di superfice indagata nel cuneo, nell’ambito dell’intervento di messa in sicurezza dei fronti di scavo.
IMPRESE COINVOLTE:
-781 gli operatori Economici (le imprese) coinvolti nel GPP.
SCOPERTE NELLA REGIO V:
-è stata portata in luce un’ulteriore parte della città antica, con vicoli e domus, rivelando apparati decorativi (affreschi, mosaici) di grande pregio oltre a numerosi reperti (tra cui diversi oggetti di uso quotidiano) e a ritrovamenti di vittime dell’eruzione.
Nell’area del cosiddetto cuneo, posto tra la casa delle Nozze d’argento e il vicolo di Marco Lucrezio frontone sono emerse 2 domus e “il vicolo dei balconi”, che ha permesso di ricongiungere la grande arteria di via di Nola, già alla luce e visitabile dai turisti, con il vicolo delle Nozze d’argento, finora non interamente riportato in luce.
-30.000 mc di materiale di scavo (lapilli, cenere e terreno rimosso nel corso dell’intervento).
-1167 cassette e 168 colli di reperti archeologici (tra frammenti di intonaci, marmi, gocciolatoi, vasi in vetro, oggetti in bronzo e altro ), 73 anfore di cui 52 integre, 7 ricomponibili e 14 tagliate e riutilizzate per altri scopi.
Archeologi, architetti, restauratori, ingegneri, geologo, vulcanologo, antropologo, paleobotanico, zooarcheologo.
Tecniche di rilievo (Drone, asta telescopica, laser scanner, georadar); Indagini di conoscenza delle strutture e tecniche murarie (endoscopia, prove soniche, prelievo di campioni di malte nella fase immediatamente successiva allo scavo); indagini sui reperti durante le attività di scavo (indagini paleobotaniche sui reperti rinvenuti nei giardini, analisi morfologiche e chimico fisico per la determinazione dei materialiutilizzati, analisi palinologiche); analisi antropologiche.
TONNELLATE DI MATERIALE
REPERTI RINVENUTI NELLA REGIO V
PROFESSIONISTI COINVOLTI
TECNOLOGIE UTILIZZATE NEI CANTIERI DI SCAVO
PERCORSO POMPEI PER TUTTI
4 Km di itinerario facilitato per persone con difficoltà motoria.

45 EDIFICI MESSI IN SICUREZZA E RESTAURATI DALL’INIZIO DEL GRANDE PROGETTO POMPEI
1. Tempio di Iside 24.
2. Casa della Venere in Conchiglia 25.
3. Praedia di Giulia Felice 26.
4. Casa dei Pigmei 27.
5. Casa del Criptoportico 28.
6. Casa dell’Efebo 29.
7. Casa del Cinghiale 30.
8. Orto Botanico 31.
9. Edifici municipali 32.
10. Casa dei Mosaici Geometrici 33.
11. Fullonica di Stephanus 34.
12. Casa della Regina Carolina 35.
13. Casa di Fabius Amandius 36.
14. Casa del Sacerdos Amandos 37.
15. Casa di Loreio Tiburtino 38.
16. Casa di Paquio Proculo 39.
Casa dei Vetii (Atrio)
Villa dei Misteri
Casa della Fontana Piccola Casa del Labirinto
Casa dell’Adone Ferito Casa dell’Ancora
Casa della Fontana Grande Casa dei Ceii
Casa di Romolo e Remo Casa di Trebio Valente Casa del Larario Fiorito Domus e Botteghe
Casa del Triclinio all’aperto Casa del Marinaio
Terme del Foro
Terme Centrali
Casa di Trittolemo
17. Casa di Marco Lucrezio su Via Stabiana
18. Casa della Calce
19. Casa del Medico
20. Teatro Piccolo (Odeion)
21. Piccolo Lupanare
22. Casa di Obellio Firmo
23. Casa di Marco Lucrezio Frontone

I VISITATORI DAL 2014 al 2019
2014: 2.668.178
2015: 2.978.884
2016: 3.209.089
2017: 3.418.733
2018: 3.649.374
2019: 3.937.468
41. Casa degli Amorini Dorati
42. Casa di Leda e il Cigno
43. Casa degli Amanti
44. Casa della nave Europa
45. Casa del Frutteto
(Alcuni di questi edifici aprono a rotazione, per evitare pressione antropica)
+ 47,5%

LE MOSTRE DAL 2014
1. Pompei e l’Europa
2. Mito e Natura
3. Egitto Pompei
4. Pompei e i Greci
5. Pompei e gli Etruschi
6. Casa del Bracciale d’Oro
7. Alla Ricerca di Stabia
8. Per Grazia Ricevuta
9. Corpo del Reato
10. Gli Arredi della Casa di Giulio Polibio
all’Antiquarium di Pompei
11. Mitoraj a Pompei
12. Pompei@Madre. Materia Archeologica
I CONCERTI
Gli scavi sono poi tornati a essere un palcoscenico d’eccezione con i concerti di David Gilmour, Elton John e Ludovico Einaudi, Marcus Miller, James Taylor, King Crimson ma anche con la rassegna di drammaturgia antica Pompeii Theatrum Mundi, (quest’anno alla 4° edizione), un progetto quadriennale in collaborazione con il Teatro Stabile di Napoli.
13. Picasso e Napoli: Parade
14. Casciello Pompei
15. EXPANDED INTERIORS
16. Pompeii’s Re-Birth, il terzo paradiso
di Michelangelo Pistoletto
17. Lara FAVARETTO DIGGING UP. Atlas
of the blank memorie
18. CAI GUO QIANG performance di
esplosione artistica all’Anfiteatro
19. “DO UT DO, la morale dei singoli”
20. Vanity: storie di gioielli dalle Cicladi a Pompei
21. Pompei e Santorini, l’eternità in un giorno

GLI SCAVI DELLA REGIO V: IL CUNEO
Dopo decenni si è tornati a scavare in quella parte della città mai indagata finora. Le indagini in corso hanno restituito dati significativi per la conoscenza della città antica, oltre ad eccezionali scoperte.
Tali attività di studio e ricerca archeologica costituiscono la base imprescindibile delle attività di tutela e valorizzazione, in quanto solo la conoscenza approfondita del contesto archeologico può garantirne la corretta salvaguardia nel tempo.
I nuovi scavi rientrano in un più grande intervento di messa in sicurezza che sta interessando gli oltre 2,7 km di fronti che costeggiano i 22 ettari di area non scavata allo scopo di riprofilare i fronti, rimodulandone la pendenza e mettendoli in sicurezza, per evitare la minacciosa pressione dei terreni sulle strutture già in luce. Nell’area del cosiddetto “cuneo”; in particolare, si è reso necessario, al fine di proteggere gli edifici emersi già nell’800, procedere a un vero e proprio scavo di oltre 2000 mq di estensione per arretrare il fronte e garantire la sicurezza delle strutture in luce.
È stata portata in luce un’ulteriore parte della città antica, con vicoli e domus, rivelando apparati decorativi (affreschi, mosaici) di grande pregio oltre a numerosi reperti (tra cui diversi oggetti di uso quotidiano) e a ritrovamenti di vittime dell’eruzione.
Nell’area del cosiddetto cuneo, posto tra la casa delle Nozze d’argento e il vicolo di Marco Lucrezio frontone sono emerse 2 intere domus (la casa del Giardino e la casa di Orione) e “il vicolo dei balconi”, che ha permesso di ricongiungere la grande arteria di via di Nola, già alla luce e visitabile dai turisti, con il vicolo delle Nozze d’argento, finora non interamente riportato in luce.
Lungo il fronte di via del Vesuvio, invece, è emersa la casa di Leda e il cigno, che prende nome dal raffinato affresco di Leda, pertinente ad un’alcova; con il bel atrio di Narciso alle spalle.

“Gli amanti conducono, come le api, una vita dolce come il miele
Verso inciso su una parete de
“la Casa degli Amanti”

Inizio con una premessa: non lo so se qualora fossero state messe in atto le misure di prevenzione che avevano suggerito i governatori della Lega (Lombardia ,Veneto e Friuli Venezia Giulia) si poteva evitare in assoluto il diffuso contagio che è in atto sul nostro territorio. Fatto sta che i nostri governanti (giallo-rossi o rossi e basta) non lo hanno fatto, definendole misure razziste, proprio perchè proposte da governatori appartenenti al partito razzista per eccellenza, la Lega.

Ma perchè i politici di sinistra hanno sposato questa posizione? Per rispondere parto da una breve annotazione apparsa sui social del professore Eugenio Capozzi, tra l'altro autore di un pregevole pamplhet “Politicamente corretto”, che dovrebbero leggere tutti per capire il momento politico che stiamo vivendo.

«La diffusione ormai accertata in Italia dell'epidemia da Coronavirus ci conferma 3 cose:
1) sovranità, interesse, sicurezza nazionale in Italia ormai significano molto poco. Il paese è colonizzato da cordate economiche e politiche estranee alla sua società civile, fino all'aperto autolesionismo;
2) l'ideologia - in questo caso il politically correct multiculturalista - domina classe politica, istituzioni e media italiani (ed europei) fino al punto da alterare i meccanismi più profondi della convivenza civile, come la gestione della salute pubblica;
3) la Cina è oggi IL problema dell'Occidente, e soprattutto dell'Europa, esposta come non mai a disegni imperiali di potenza euro-asiatici. Reti 5G, infrastrutture dei trasporti, globalizzazione/dumping, censura del dissenso, virus pandemici sono tutti elementi di un unico processo»
.

E' interessante soffermarsi sul 2° aspetto che Capozzi evidenzia, in pratica questi signori del Governo e non solo loro, anche tanta parte dei Media, hanno preferito sposare l'ideologia multiculturalista, quella che intende relativizzare tutte le civiltà e mettere insieme tutti i popoli in una convivenza forzata, magari in metropoli, in centri periferici come le banlieu francesi. Partendo da questa prospettiva i politici del Pd probabilmente per la paura di essere politicamente scorretti, di prendere misure interpretabili dai media come “razziste” (una lettura infondata perché, la sorveglianza andrebbe attuata verso tutti coloro che provengono dalla Cina, indipendentemente dall’etnia).

In sintonia con questa tesi è Fausto Biloslavo, parla di «un miscuglio di stupido buonismo, calcoli politici e infondati timori razzisti hanno provocato errori, ritardi o assurdità nella lotta al coronavirus».(F. Biloslavo, “Ora basta con il buonismo. Porta solo inerzia e ritardi”, 23.2.20, Il Giornale)

Un grave errore del governo italiano è stato di bloccare i voli da e per la Cina, ma si è chiuso un occhio per incompetenza, o per non provocare allarme con gli scali intermedi. Dal 25 gennaio il virologo Roberto Burioni aveva lanciato l'allarme chiedendo un isolamento preventivo per tutti, italiani, cinesi o di altre nazionalità in arrivo dalle zone infette. E su Facebook ha ribadito: «Le ultime notizie mi portano a ripetere per l'ennesima volta l'unica cosa importante. Chi torna dalla Cina deve stare in quarantena. Senza eccezioni». Il ministro della Salute si è mosso con un'ordinanza solo nelle ultime ore.I

l governatore della Toscana, Enrico Rossi, che non voleva sottoporre a controlli stringenti centinaia di cinesi rientrati in regione dopo aver passato il Capodanno in patria, sosteneva: «Da noi il vero problema è la normale influenza, non il coronavirus». Ai critici come Burioni rispondeva: «Chi ci attacca o non è bene informato o è un fascioleghista».

Tra gli episodi di buonismo stupido Biloslavo riporta quello del 3 febbraio dove un garante dei detenuti un certo Palma, chiedeva informazioni al responsabile della Protezione civile Borrelli se i nostri connazionali sottoposti in quarantena alla Cecchignola potessero usufruire di tutte le possibilità di colloquiare con i parenti, come se fossero a Quantanamo. Così quelli della Protezione civile hanno dovuto perdere anche questo tempo.

Altro episodio raccontato da Biloslavo è la scenetta a Linea Notte su Rai 3, di venerdì scorso. Dove un ospite un certo Faloppa, esperto di comunicazione politicamente corretta, che insegna in diverse università,  presentando il suo libro, ha criticato i giornali che avevano titoli emergenziali. «Secondo Faloppa scrivere che il «virus sbarca in Italia» è un chiaro riferimento ai migranti e alla necessità dei porti chiusi. Alla fine è riuscito a superare se stesso: «Il virus che ha prodotto più vittime nelle ultime 48 ore è un virus che si chiama odio e lo abbiamo visto in azione in una città tedesca». Il riferimento è alla strage etnica di un estremista di destra. Pur dicendo di non sottovalutare il pericolo dell'epidemia ha sentenziato: «È una questione di proporzioni. () Il virus dell'odio sta contagiando l'Europa, non soltanto l'Italia. Credo che a riguardo bisognerebbe fare un'informazione più attenta per mettere in guardia dai rischi reali».

Sulla stessa linea di Biloslavo, è il fondo di Micalessin che paragona gli errori del governo italiano (la triade Conte, Zingaretti, Speranza) a quelli del governo comunista cinese.

«Qualitativamente i danni provocati dalla triade giallorossa sono gli stessi. Xi «Dada» e i vertici del Partito comunista cinese hanno per molte settimane ridimensionato la reale diffusione del Coronavirus mettendo a tacere il medico Li Wenliang - colpevole di aver denunciato la pericolosità del morbo - e manipolando i dati su contagio e ammalati. Per rimediare a quella nefasta sequela di errori, censure e omissioni hanno trasformato la provincia di Wuhan, e i suoi 58 milioni di abitanti, in una prigione a cielo aperto. Da noi le cose non vanno molto diversamente. In seguito alle drastiche misure assunte sabato sera dal consiglio dei Ministri i comuni della Lombardia e del Veneto assediati dal Coronavirus diventeranno delle piccole Wuhan presidiate dall'esercito e controllate dalla polizie». (Gian Micalessin, “Il buonismo giallorosso ripete gli errori cinesi”, 24.2.20, Il Giornale).

Secondo Micalessin le misure estreme per evitare la diffusione dell'epidemia, si sarebbero potute facilmente evitare se il governo giallorosso, non avesse inanellato al pari dei cinesi una serie di devastanti errori figli del credo dei benpensanti di Pd e Leu e della grancassa del «Repubblica-pensiero». Errori che ci stanno regalando il triste primato di primo paese in Europa - e quinto al mondo - per casi di Coronavirus. E qui anche Micalessin fa riferimento all'allarme completamente ignorato lanciato dall'epidemologo Burioni. Per quanto riguarda i voli dalla Cina, scrive:«Paghiamo il fatto spiega oggi il professor Walter Ricciardi membro del consiglio esecutivo dell'Oms - di non aver messo in quarantena da subito gli sbarcati dalla Cina. Abbiamo chiuso i voli, una decisione che non ha base scientifica, e questo non ci ha permesso di tracciare gli arrivi, perché a quel punto si è potuto fare scalo e arrivare da altre località». Un errore confermato dai dati di Germania, Regno Unito e Francia, dove grazie al mantenimento dei voli e all'imposizione della quarantena si registra oggi un numero di casi assolutamente insignificante rispetto a quelli del nostro paese. Ma per il governo giallorosso la scelta sbagliata è l'inevitabile conseguenza delle sue convinzioni ideologiche. Se, come impongono lo «Zingaretti pensiero» e il «verbo» di Repubblica, la quarantena è una bestemmia sinonimo d'intolleranza e segregazione razziale [...]».

Pertanto scrive Micalessin: «Nel nome del buonismo «politicamente corretto» il governo Conte sceglie, insomma, di marciare - al pari della Cina - non nei solchi della ragione, ma in quelli dell'ideologia. Ma non c'è da stupirsi. Il comunismo di Pechino e il buonismo «politicamente corretto» del governo giallorosso sono due facce della stessa ideologia. Un'ideologia che spinge i suoi fautori a stravolgere la realtà dei fatti e il buon senso per dar vita ad un universo illusorio dove la prevenzione invocata dai governatori del Nord e da scienziati come Roberto Burioni viene equiparata al razzismo, mentre l'imprevidenza diventa sinonimo di libertà e tolleranza. Un universo assolutamente folle e inesistente nel cui nome si sceglie, come in Cina, di mettere a rischio la vita dei propri cittadini».

Oggi quando qualcuno ricorda le misure preventive che dovevano essere messe in atto viene tacciato come uno “sciacallo”, così è stato dipinto da un ministro del governo Conte, il segretario della Lega Matteo Salvini.

Ma i veri sciacalli sono i nostri governanti come ha scritto un amico su facebook, evidenziando ben 7 motivazioni. Si è preso in giro gli italiani“in cui si dava a bere la notizia fasulla di essere i primi al mondo ad avere isolato il virus. Invece come afferma il direttore de Il Tempo Franco Bechis siamo stati“All'avanguardia ma tristemente per numero di contagiati", anche per Bechis "i veri sciacalli di questa drammatica vicenda sono Giuseppe Conte e i suoi ministri, e non chi solo oggi li critica pesantemente per avere sottovalutato i rischi non ascoltando i pressanti appelli dei veri esperti, i massimi virologi italiani che da fin e gennaio chiedevano quarantena e isolamento per chiunque fosse stato in Cina nelle settimane precedenti”.

 

 

Cosa fa un esercito di occupazione quando si installa in un Paese ? Occupa la terra, costringe i residenti a seguire il suo stile di vita. Attua misure contro gli abitanti, propaganda le sue convinzioni e ricorre all'uso della forza per imporre. Ecco, è proprio quello che sta accadendo in Grecia da parte dei migranti che sembrano “dimenticare” che sono ospiti nella Repubblica Ellenica e costringono i Greci a sentirsi ospiti nella loro stessa terra. Se qualcuno è un rifugiato di guerra o la sua vita è in pericolo nella sua patria, sembrerebbe opportuno che quando arriva nel Paese che gli offre asilo sia grato a esso, rispetti la sua storia, il suo popolo, i suoi valori e le sue leggi. Lo stesso potrebbe valere per un immigrato che vuole recarsi in un Paese in cui spera di trovare un futuro migliore.

In Grecia, al contrario, gli immigrati clandestini (che i media chiamano “rifugiati”, cercando artificialmente di legalizzarli davanti alla coscienza morale dei cittadini) occupano spazi che non gli appartengono, usano la violenza, bloccano le strade, commettono reati contro il patrimonio pubblico, si comportano in modo aggressivo nei confronti dei residenti e della polizia, e affermano di sentirsi offesi quando vedono simboli che rappresentano il cristianesimo. Gli ospiti tentano di impadronirsi della casa.

Recep Tayyip Erdogan non ha mai fatto mistero della volontà di usare i flussi migratori come arma per minacciare non solo la Grecia ma l'intera Europa. La Turchia ha al suo interno almeno 3.6 milioni di profughi siriani, per trattenere tutti all'interno del paese l'Unione Europea ha stretto nel 2016 un accordo con Ankara da tre miliardi di Euro all’anno.  

Per capire meglio cosa succede ho parlato telefonicamente con l amico Socrate Monachos, abitante del isola di Samos e mi ha descritto una situazione di quello che succede alle isole Greche vicino alla Turchia, piene di immigrazione clandestina, ormai fuori controllo e insopportabile per i abitanti di Samos Lesvos e altre Isole...Ringrazio Socrate per la sua disponibilità di raccontare una verità che purtroppo qui in Italia nessuno racconta, il dramma degli abitanti delle Isole Greche, le lampedusa come vengono chiamate, perché sono in prima linea e pochi km dalla Turchia ... 

Caro Socrate cosa succede realmente alle isole Greche  ?  

Buongiorno da Samos parlando delle isole di  Lesbo e di Samos gli immigranti sono ormai 25.000 e a Samos 10.000..Cioè' un quarto dell'intera popolazione di Lesbo e un terzo di quella di Samos. E non sono più' per la maggior parte profughi.
Sono migranti economici che vengono dal Asia , Afghanistan ( a mio avviso ma non solo mio, ma anche di tanti abitanti di Samos sono delinquenti per la maggior parte ormai ), Pakistan , Iraq ,Algeria Marocco, dall'Africa subsahariana e da tanti altri paesi dove non solo non esiste nessuna guerra ma addirittura sono in via di sviluppo.  

Come arrivano i migranti economici alle isole greche, qui  in Italia per esempio gli portano le Ong.

Ogni settimana c'è' un volo da Congo Kinshasa per Constantinoupoli con  biglietto da prezzo irrisorio. Appena sbarcati ,il governo turco li concede un visto elettronico e li manda in campi controllati. Da qui li manda sulla costa nelle mani degli scafisti. Questi ultimi si fanno pagare il biglietto che varia da 600 a 1200 euro e , o mandano un turco che si sacrificherà' perche' sara' arrestato oppure istruiscono sommariamente uno dei clandestini sul come comandare il gommone fino alle acque territoriali Elleniche. Sempre il perfetta sintonia con le famigerate ONG ( MKO in Ellenico ) che agiscono indisturbate sull'isola senza dar conto a nessuno. Spendono tanti soldi della provenienza dei quali nessuno sa spiegare. Si parla sottovoce di Soros . Ma sono voci della strada. Queste ONG sono poi composte da giovani da tutta l'Europa gente senza nessuna professione ,con dei precedenti di droga  e di movimenti sospetti oltre naturalmente alla collaborazione con gli schiavisti della costa opposta.  Ultimamente il governo Ellenico ha annunciato che comincerà' dei controlli su queste ONG. Staremo a vedere.
Perché' le ONG sono  " come un negozio " e i " lathro..  l'immigrazione clandestina " ( λάθρο ) come li chiamiamo noi qui in Grecia , sono i clienti. Se viene a mancare il negozio e' chiaro che mancheranno anche i clienti. E viceversa , se mancheranno i clienti le ONG alzeranno i tacchi.

Come si comportano ?  

In mezzo a questi 10.000 di Samos ci sono quasi 1000 minorenni.Nessuno sa spiegare dove hanno trovato la grossa  somma per il loro biglietto e chi li porta e perché'.
Nel frattempo l'ospedale di Vathi e' pieno di questi clandestini che, accompagnati da questa gentaglia delle ONG , pretendono de essere curati per primi  e fuori fila sulle spalle del contribuente Ellenico. Gli abitanti di Vathi non ne possono piu'. Perché' stanno svaligiando tante case,distruggendo parchi ,rubando in continuazione.
La polizia li arresta , li porta al tribunale dove , dietro consigli e suggerimenti delle ONG si dichiarano minorenni e il tribunale e' costretto a liberarli.
Certo che vivono in condizioni difficili in tende di fortuna. Ma non e' mica colpa nostra.
Esiste anche una piccolissima minoranza che ci guadagna . Sono quelli che affittano le loro case e i loro locali alle ONG ( pagano senza guardare il prezzo )e qualche supermercato di fortuna che sopravvive con loro
Curiosita' : Tutti hanno un telefonino ultra moderno , ultimo grido. Ma non hanno documenti perché' li " perdono " durante il tragitto  per dichiararsi profughi.
Appena sbarcati , con la gentile collaborazione delle navi della FRONTEΧ che li raccolgono , mandano delle selfie a quelli che aspettano sulla costa turca per dare le istruzioni necessarie.
I membri delle ONG hanno ( Non so perché' . Forse per non essere captati facilmente ???? ) telefonini con la carta e la rete turca.

Cosa fa il Governo Ellenico e la UE per questa situazione  

Quello che io non riesco a spiegarmi e' perche' non fermano il flusso dalla turchia. tanto la marina ellenica quanto la frontex. Dicono che e' difficile. Non ci credo. Perché' con i mezzi che esistono oggi possono individuarli sin dal momento che lasciano la costa turca.
Secondo me c'e' la " grana " di mezzo.
Considerando che tutti questi " lathro immigrati clandestini " non vogliono restare in Grecia ( tutti vogliono andare alla " terra promessa " che per loro e' l'Europa occidentale ) la UE finanzia lo stato Ellenico per trattenerli qui.. Dal canto suo , il Governo Greco , sa che nessuno in tutto il territorio ellenico li vuole. I voti delle isole in questione rappresentano il 2% del totale.
E cosi hanno deciso di sacrificare questo 2% per tenersi buono il resto 98 %.
Per me , la scusa di Dublino e' una " frescaccia " come dicono a Roma

Ringrazio Socrate Monachos per la sua testimonianza di abitante alla bellissima isola di Samos.

Secondo il nuovo rapporto dell'UNHCR, l'Agenzia dell'ONU per i rifugiati, la Grecia ha assistito, nel corso di tutto il 2019, all'arrivo di 74.482 migranti, un numero decisamente più alto di quello registrato l'anno precedente, quando erano sbarcati circa 50.508 migranti. In più, durante la prima settimana del nuovo anno, un ulteriore imponente flusso migratorio ha interessato le isole greche dell'Egeo. Dal 30 dicembre 2019 al 5 gennaio 2020, circa 1.091 persone sono arrivate via mare. Nello stesso periodo dell'anno passato, gli sbarchi settimanali sulle isole erano stati circa 393.

Al momento, sono 41.100 i migranti e rifugiati che risiedono sulle isole del Mar Egeo. La maggior parte delle persone che ha attraversato il mare per raggiungere la Grecia è approdata sull'isola di Lesbo, secondo i dati dell’UNHCR. Circa 14.891 migranti, invece, sono arrivati nel Paese attraverso la Turchia, oltrepassando il confine terrestre.  Sono più di 1 milione i migranti e rifugiati che, dal 2015, sono partiti dalla Turchia e hanno raggiunto la Grecia. Molti di loro hanno continuato il loro viaggio verso altri Paesi europei, almeno fino alla chiusura dei confini della rotta balcanica, nell'inverno del 2016. 

Dopo una significativa riduzione degli ingressi grazie all'accordo del 2016 stipulato tra Turchia e Unione Europea, il flusso migratorio verso l'Europa ha ricominciato a crescere gradualmente, raggiungendo in Grecia il suo picco nel 2019. Nonostante le misure introdotte dal governo greco per affrontare la crisi migratoria, la situazione, soprattutto sulle isole dell’Egeo, resta problematica. I migranti sono rinchiusi all'interno di centri di accoglienza sovraffollati e fatiscenti, mentre le procedure di identificazione rimangono lente e macchinose e i Paesi europei si mostrano riluttanti ad accogliere quote adeguate di rifugiati.

Gli arrivi di migranti irregolari in Grecia sono aumentati drasticamente nella seconda metà del 2019, procurando problemi alle comunità e strutture di accoglienza, soprattutto nelle isole. Il Direttore generale dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, Antonio Vitorino, recatosi ad Atene a inizio dicembre, ha sottolineato l'importanza di un approccio alla gestione dell’immigrazione bilanciato e valido nel lungo periodo. 

 

“Siamo convinti che i pericoli e le pressioni dell’immigrazione irregolare, facilitata da reti pervasive di contrabbando, possano essere alleviate solo migliorando e aumentando i canali per la migrazione ordinata e legale, come il reinsediamento e percorsi complementari, incluso il meccanismo di condivisione delle responsabilità tra gli Stati membri dell’UE”, ha affermato Vitorino. Secondo il rappresentante dell’IOM, le significative pressioni che sta subendo la Grecia dovrebbero spingere i Paesi dell'Unione europea a fornire maggiore supporto politico ed economico. Per quanto concerne la Grecia, secondo i dati dell’IOM e delle autorità nazionali di Atene, dall’1 gennaio al 27 novembre 2019, nel Paese sono arrivati via mare 55.571 migranti, ovvero 26.154 in più dello stesso periodo dello scorso anno.





  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI