Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 17 Gennaio 2019

Open Day al Nautico

Gen 16, 2019 Hits:174 Crotone

Sanremo: i premi di Miche…

Gen 14, 2019 Hits:757 Crotone

La Beethoven tra Santa Se…

Gen 08, 2019 Hits:1002 Crotone

La befana fa visita al Re…

Gen 08, 2019 Hits:990 Crotone

Una originale lettura di …

Gen 07, 2019 Hits:1011 Crotone

Maria Taglioni dance proj…

Gen 04, 2019 Hits:1286 Crotone

Rotary club Crotone e coo…

Dic 21, 2018 Hits:1408 Crotone

Concerto per Telethon del…

Dic 18, 2018 Hits:1721 Crotone

Migliaia di persone tra poveri, senzatetto, profughi e famiglie con gravi disagi economici hanno partecipato, ieri 18 novembre, alla II Giornata Mondiale dei Poveri, iniziata alle 10 con la santa messa in San Pietro e proseguita con il pranzo nell’Aula Paolo VI. Tra i partecipanti anche 50 ospiti della mensa “Papa Francesco” di Pompei, accompagnati dall’Arcivescovo, Mons. Tommaso Caputo.

Dopo la santa Messa e l’Angelus, il Pontefice ha raggiunto i suoi “ospiti” in Aula Paolo VI apparecchiata con grandi tavoli e tovaglie bianche. Ad allietare il pranzo, le note del Complesso Bandistico “Bartolo Longo-Città di Pompei” dell’omonimo Centro Educativo del Santuario mariano, diretto da Fratel Filippo Rizzo dei Fratelli delle Scuole Cristiane, che ha accompagnato i ragazzi assieme al Maestro Francesco Federico, che dirige la Banda da oltre 25 anni.

«Una giornata che porteremo sempre nel cuore - ha detto Fratel Filippo Rizzo - un’occasione in cui i nostri ragazzi hanno fatto festa con il Papa per i poveri e per coloro che soffrono. Siamo pieni di gioia! Venendo da realtà difficili, questi giovani hanno testimoniato al Papa l’attenzione continua e costante che il Santuario ha per loro e per quanti sono nel bisogno».

Papa Francesco ha espresso la sua gioia nel constatare nuovamente che a Pompei, il Santuario, sulle orme del Fondatore Bartolo Longo, non lascia inascoltato il grido di bisogno di nessuno. In dono al Pontefice, i ragazzi del Centro Educativo hanno portato un piatto in terracotta da loro stessi decorato durante le ore trascorse nel laboratorio di ceramica, una tra le tante attività che il Centro Educativo propone ogni giorno ai suoi giovani ospiti.

Molto affettuosamente il Pontefice ha salutato anche alcuni ospiti della mensa pompeiana gestita dall’Ordine di Malta, in particolare dalla dott.ssa Maria del Rosario Steardo a cui è affidata la cura quotidiana. Proprio tra loro, una donna di sessant’anni, assidua frequentatrice dell’opera di carità situata presso la Casa del Pellegrino, ha trovato posto a tavola accanto al Santo Padre. Anche un altro ospite della Mensa ha salutato Papa Francesco, al quale ha raccontato le sue sofferenze e difficoltà, ricevendo un’affettuosa carezza.

Si è tenuta ieri sera a Berlino, presso la galleria d’arte “SR Contemporary Art”, la presentazione del progetto editoriale de “il Deutsch-Italia”.

“Die Brücke fra le due culture si ampia con la versione cartacea ed intende rappresentare un punto di confronto e di discussione tra l’Italia e la Germania”, ha detto il direttore Alessandro Brogani durante la sua presentazione del numero zero della versione cartacea del magazine online dal 2015. Durante l’evento lo scrittore ed autore Edoardo Laudisi ha recitato poesie scelte di autori italiani e tedeschi e mentre il musicista americano John Blue ha allietato la serata con improvvisazioni al violoncello elettronico.

Alla presentazione hanno partecipato il Ministro plenipotenziario Alessandro Gaudiano, l’addetto stampa dell’Ambasciata d’Italia a Berlino Fausto Panebianco, il capo della Cancelleria consolare Fabio Dorigato, Attilio Sebastio (direttore finanziario della Berlin-Chemie AG/Menarini) e numerosi altri ospiti tedeschi ed italiani, oltre ai maggiori organi di stampa dei due Paesi. Alla fine delle performance si è festeggiato tutti assieme gustando prodotti tipici sardi offerti dal marchio Lino de Palmas.

Il ministro Gaudiano, così ha commentato l’evento: “La funzione di ponte tra le due culture esprime la realtà più viva e concreta della presenza italiana in Germania”.

SR CONTEMPORARY ART è stata fondata da Sabrina Raffaghello nel 2001. Mentre il concept della Galleria quello di aprire la strada agli artisti internazionali che lavorano nella fotografia, la maggior parte dei quali ha avuto una vasta attività museale, monografie, consensi della critica e importanti riconoscimenti da parte della comunità internazionale di collezionisti. Nel 2017 la galleria ha trasferito la sua sede da Milano a Berlino, luogo privilegiato per le intersezioni internazionali del mercato dell'arte e un crocevia di flussi culturali tra Oriente e Occidente, a cui la galleria è tradizionalmente associata.


“Ma come può essere terapeutico, civile, o semplicemente umano un atto che sopprime la vita innocente e inerme nel suo sbocciare? Io mi domando: è giusto far fuori una vita umana per risolvere un problema? È giusto affittare un sicario per risolvere un problema?” (da “Avvenire”, 11-X-2018).

Col presente “foglietto”, per prima cosa voglio rendere omaggio al Papa, ringraziarlo per ciò che ha detto e, poi, aggiungere alcune piccole, personali  considerazioni.

1) Intanto sono contento che c’è ancora qualcuno al mondo capace di chiamare le cose col proprio nome usando parole chiare e comprensibili a tutti; sono convinto che tale chiarezza oggi sia prerogativa solo della Chiesa perché – nonostante la confusione e i peccati, talora gravi, di suoi chierici – rimane ormai l’unica “agenzia” credibile sulla “piazza” dove attingere un po’ di Verità; le altre (partiti, conventicole di intellettuali, televisioni, giornali…) spesso spargono dubbi e spacciano ideologie di terza mano.

2) Non mi meraviglio che i difensori dell’aborto siano rimasti spiazzati e stupiti e alcuni abbiano reagito con stizza e rabbia: costoro, infatti, erano fermi alla famosa frase di Francesco (28-VII-2013) “Se una persona è gay e cerca il Signore e ha buona volontà, ma chi sono io per giudicarla?” che, mutilata della premessa, può essere interpretata e strascicata come e dove fa  più comodo; così pensavano che il Papa e la Chiesa nel frattempo avessero ammorbidito il “non occides” del 5º Comandamento, una materia in cui non c’è posto per i “ni” e i “so” ma netta e luminosa distinzione, stante l’ammonimento del Maestro: “sia invece il vostro parlare «Sì, sì», «No, no»; il di più viene dal  Maligno” (Mt. 5, 27)

3) Stupore, stizza e rabbia provengono dalla cultura relativista, ormai universale, che non fa distinguere più il bene dal male e tenta di conciliare perfino concetti per loro natura  inconciliabili; di conseguenza, i seguaci del relativismo sono costretti a  inventarsi pure una lingua  liquida ed equivoca (la “neo-lingua” di Orwell) in cui le parole sfumano e si smussano per nascondere la realtà delle cose e magari confondere i “poveri” come me; in tal modo esse – le parole – sembrano dire una cosa ma ne significano un’altra come, ad es., quelle – “tutela della maternità” – scritte nel titolo della famigerata “legge” 194, una “tutela” che in Italia dal 1978 ha prodotto qualcosa come...sei milioni di aborti legali! All’anima della “tutela”! Se non fosse una tragedia  verrebbe perfino da ridere. Ecco perché questo “mondo”, ormai disabituato alla chiarezza, non può comprendere ed accettare parole chiare, così ricorre all’insulto e  chiama “spietato” il Papa (v. un tale su “Libero”, 11-X-2018).

4) L’“insulto” ai Papi non è nuovo; infatti – esempio tra tantissimi – un po’ di anni fa, durante le guerre e le violenze seguite alla dittatura comunista di Tito in Iugoslavia, San Giovanni Paolo II aveva esortato con una lettera le donne di Serayevo a non abortire ché le chiese e le “caritas” avrebbero adottato i bambini nati con padri sconosciuti, si scatenò contro il grande Papa Polacco un tiro a segno che non trascrivo nei particolari per ragioni di spazio. Ma non sono nuove neanche le parole di Francesco; così, infatti, sull’aereo nel ritorno dal Messico (2016) rispose ad una giornalista: “L’aborto non è un male minore. È un crimine[…]. È un male assoluto” (“La Repubblica”, 11-X-2018); e nel luglio di quest’anno, ricevendo il Forum delle famiglie: “nel secolo scorso il mondo si è scandalizzato per quello che facevano i nazisti. Oggi facciamo lo stesso ma coi guanti bianchi” (ibidem).

5) Chi vuole l’educazione sessuale nelle scuole magari per distribuire pillole contraccettive come rimedio sicuro all’aborto, pronuncia una menzogna e commette una colpa di cui dovrebbe rendere conto a Dio e alla società. La colpa: quella, gravissima, di diseducare i giovani alla disciplina e all’autocontrollo e di incentivarli al disordine fisico e mentale, insegnando loro che si può usare in qualsiasi modo il proprio corpo e, peggio, il corpo degli altri; qualcuno a tal proposito parla di “diritti insaziabili” che hanno prodotto l’attuale  disastro educativo che tutti vediamo  a cominciare dalle scuole medie. La menzogna: non è vero che la pillola sia rimedio all’aborto, infatti in Inghilterra e in Svezia, nazioni in testa alle classifiche per educazione sessuale e contraccezione chimica, sono proprio quelle con più alto tasso di abortività (“Avvenire”, 11-X-2018).

6) Le anime belle che si sono sdegnate per l’uso del vocabolo “sicario” da parte di Francesco, o ignorano o fingono di ignorare la “meccanica” di certi aborti: il coltello affilato (il bisturi) che aggredisce il corpicino...e questo che si ritrae per difendersi e per sfuggirgli…, e poi i “pezzi”  raschiati e gettati nella discarica…(devo continuare nella descrizione…per magari farmi dare del “terrorista psicologico”...?) Forse questi signori non conoscono il “protocollo” (altra parola incolore e inodore, anch’essa orwelliana) del cosiddetto “aborto post-natale”, cioè l’uccisione del bambino nato per sbaglio, cosa già in atto in alcune nazioni “civili” e neo-pagane del Nord Europa da cui noi “mediterranei incivili” dovremmo prendere esempio.

Un suggerimento. Il cattolico, il protestante, l’ebreo, il musulmano, l’uomo dabbene anche agnostico che volesse reagire alla rovinosa deriva nichilista attuale, è giusto che sappia che essa non è un fungo nato improvviso dopo una pioggia di fine estate, ma frutto di un lungo processo. Inizia dapprima “in interiore homine”, con le tendenze e le passioni nella persona singola a causa dell’orgoglio – “il non tollerare di non essere Dio!” diceva Sartre – e della sensualità, insomma dal rifiuto dei Dieci Comandamenti e della Legge Naturale; tale processo individuale, poi, fomentato da giornali, film, tv, libri, musica, canzoni, cattivi maestri…, trapassa nelle abitudini collettive e diventa assuefazione, abitudine e costume sociale, quindi, giunto a maturazione, pretende che lo Stato gli apponga il timbro della legalità; così ciò che in passato era ritenuto universalmente riprovevole e da sempre classificato come male non solo viene permesso ma codificato dalla maestà della legge, anzi esaltato come “conquista civile”, cioè diventa bene: la “dittatura del relativismo” (Card. Ratzinger, 2005), infine, lo impone a tutti! Dal 1968 con la cosiddetta “rivoluzione culturale” questo processo ha subito  l’accelerazione che ognuno ha potuto vedere. Esso è finanziato da “massonerie” mondiali, da potentati economici e agenzie internazionali facenti capo anche all’ONU e che dispongono di ingenti somme di denaro magari negate ai  popoli poveri del “terzo mondo” che non si piegano ai loro ordini. Infine, come caudatari di tali “potenze”, intervengono i politici e magistrati nostrani gonfiati a cui, a turno, la Democrazia concede il potere superumano di cancellare costumi, tradizioni e ordini secolari a colpi di leggine e sentenze, cioè il compito di concludere il “processo” e poi sparire nell’anonimato: resta il danno che questi minuscoli esecutori hanno prodotto ed è enorme!

La persona ordinata che vuole reagire, possiede, comunque, un’arma che potrebbe rivelarsi efficace: il voto. Prima di concederlo, è bene che si informi sul candidato e i suoi trascorsi, le parole pronunciate o scritte in passato da costui e lo costringa a dichiararsi sul diritto alla Vita ché da questo discendono a grappoli tutti gli altri “diritti”. Le pensioni, il reddito di cittadinanza, l’economia, le finanziarie, i diktat di Bruxelles all’Italia, lo spred, il pil, i migranti “sequestrati” sulla nave – nonostante il gran baccano che ne fanno le tv – vengono dopo!

 

L’Inviata Speciale dell’UNHCR Angelina Jolie ha sollecitato oggi l’urgente entrata in vigore di un cessate il fuoco nello Yemen e l’identificazione di una soluzione duratura al conflitto. Jolie ha accolto con favore la recente discussione sulla fine delle ostilità e ha invitato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, attraverso un lavoro congiunto con i paesi della Regione, a concordare una soluzione al conflitto e a tutelare le leggi internazionali sulla protezione dei civili. Ha fatto appello ad una maggiore comprensione della normativa sulla protezione dei rifugiati e all’impegno di tutti i paesi nel fare la loro parte per alleviare la sofferenza umana nello Yemen.

Jolie è attualmente in visita nella Corea del Sud, che al momento ospita centinaia di yemeniti fuggiti dal conflitto.

Jolie ha affermato: “E’ vergognosa la lentezza con la quale, in quanto comunità internazionale, abbiamo agito per cercare di porre fine alla crisi nello Yemen. Siamo stati testimoni del deterioramento della situazione ad un punto tale che lo Yemen è ora sull’orlo di una carestia provocata dall’uomo, ed è afflitto dalla peggiore epidemia di colera del mondo degli ultimi decenni. Quando i conflitti raggiungono livelli simili, molte persone non hanno altra scelta che fuggire, se vogliono avere qualche possibilità di sopravvivenza. L’unico modo per consentire ai rifugiati di tornare a casa e per ridurne il numero totale a livello globale, è di porre fine ai conflitti stessi. Mi auguro che ci sia una maggiore comprensione delle realtà umane che costringono le persone alla fuga, dei rigidi criteri giuridici e del processo attraverso il quale l’UNHCR, in collaborazione con le autorità nazionali, riconosce lo status di rifugiato, e della responsabilità che tutti noi abbiamo di sostenere i rifugiati fino al momento in cui non sarà loro possibile tornare a casa. Senza una risposta globale basata sul diritto internazionale e sulla responsabilità collettiva, a lungo termine si rischia un ulteriore aumento dell’instabilità e dell’insicurezza, con un conseguente impatto negativo su tutti i paesi”. 

Angelina Jolie si trova attualmente in Corea del Sud in veste di Inviata Speciale dell’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, per promuovere il sostegno ai rifugiati a livello globale, che è ora di vitale importanza. La sua visita a Seoul segue quella dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati Filippo Grandi, tenutasi il 23-24 ottobre.

Nel suo incontro con il Ministro della giustizia sudcoreano Park Sang-ki, a capo del ministero responsabile per le politiche interne sui rifugiati, Jolie ha espresso apprezzamento per gli sforzi compiuti dalla Corea del Sud per aiutare i circa 500 yemeniti sbarcati a maggio sull’isola turistica di Jeju. Jolie ha riconosciuto l’importanza degli approfonditi controlli e procedure in vigore, nonché degli sforzi finalizzati ad assicurare protezione fino al momento in cui i rifugiati non potranno fare ritorno in sicurezza al loro paese di origine. Jolie ha altresì espresso il desiderio dell’UNHCR di lavorare a più stretto contatto con le autorità coreane per il rafforzamento del sistema di asilo.

Angelina Jolie ha trasmesso i ringraziamenti dell’UNHCR al popolo della Corea del Sud per il sostegno offerto ai rifugiati in tutto il mondo. In Corea del Sud il settore privato sta donando milioni, per la maggior parte provenienti da circa 230.000 generosi donatori individuali, a dimostrazione del forte senso di solidarietà dei sudcoreani nei confronti dei rifugiati e dell’UNHCR. Jolie ha sottolineato come la Corea del Sud, che è riuscita a superare guerra ed esodi, e in quanto una delle principali economie a livello mondiale, abbia il potenziale per svolgere un importante ruolo di leadership nella Regione. Jolie ha inoltre accolto con favore i recenti sforzi della Corea del Sud per raggiungere la pace nella penisola coreana.

A Seoul, l’Inviata Speciale ha incontrato anche l’attore sudcoreano e Ambasciatore di Buona Volontà dell’UNHCR, Jung Woo-sung, con il quale ha discusso delle recenti preoccupazioni espresse a livello pubblico in Corea per l’arrivo dei rifugiati yemeniti a Jeju, così come delle rispettive missioni per conto dell’UNHCR. Jolie è stata Ambasciatrice di Buona Volontà dell’UNHCR dal 2001 al 2012, prima di essere nominata Inviata Speciale per l’organizzazione. Jung è diventato Ambasciatore di Buona Volontà dell’UNHCR per la Corea nel 2015.

 

A fronte del rapido peggioramento della crisi umanitaria nello Yemen, l’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, ha intensificato gli sforzi per garantire a decine di migliaia di yemeniti sfollati un accesso immediato agli aiuti in denaro. In un Paese in cui tre yemeniti su quattro necessitano di una qualche forma di aiuto e protezione e dove i prezzi dei prodotti alimentari e del carburante sono aumentati rispettivamente del 25 e del 45 per cento solo quest’anno, tale assistenza è fondamentale per le famiglie più vulnerabili, contribuendo a provvedere alle loro pressanti necessità fin quando non potranno fare ritorno a casa.

Le attuali condizioni di pre-carestia e l’epidemia di colera scoppiata nel Paese vanno ad aggiungersi al disastroso impatto provocato dal conflitto, che si è tradotto in massicci flussi migratori forzati e in un numero crescente di vittime civili. È dunque fondamentale che le attività salvavita che garantiscono, tra le altre cose, protezione e strutture ricettive di emergenza, siano condotte e finanziate parallelamente a programmi alimentari, sanitari ed educativi.

Oltre due terzi dei circa 2.7 milioni di sfollati interni (Internally Displaced People-IDPs) vivono lontani dalle proprie abitazioni da oltre due anni. Molti di loro sono fuggiti in zone più sicure del Paese e hanno ormai esaurito tutte le risorse a loro disposizione. Al fine di soddisfare le esigenze più immediate e rafforzare la loro capacità di adattamento, l’UNHCR fornisce assistenza in denaro alle famiglie più vulnerabili.

Solo nel mese di ottobre, l’UNHCR ha distribuito aiuti in denaro a oltre 22.000 famiglie vulnerabili (circa 150.000 persone) in 14 dei governatorati maggiormente colpiti dalla crisi. Le famiglie che hanno beneficiato di questa assistenza sono fuggite ai combattimenti verso aree considerate sicure, o hanno fatto ritorno alle proprie case, trovandole spesso danneggiate o distrutte. Anche molte delle comunità vulnerabili che ospitano gli sfollati interni stanno lottando per la sopravvivenza.

I fondi vengono distribuiti in seguito ad approfondite valutazioni delle esigenze famigliari condotte dai partner dell’UNHCR che operano in tutto il Paese, spesso in aree difficili da raggiungere. Le famiglie selezionate ricevono il denaro per far fronte ai loro bisogni di protezione immediata, ad esempio cure mediche salvavita o sussidi che aiutano le famiglie a evitare gli sfratti e garantiscono loro una sistemazione. Gli aiuti giovano all’economia del luogo, poiché le famiglie acquistano beni essenziali nei negozi locali e pagano i servizi.

Grazie alla collaborazione con la banca Al-Amal, l’UNHCR distribuisce gli aiuti in denaro direttamente attraverso il cosiddetto sistema Hawala, che è operativo e affidabile nonostante il conflitto nello Yemen. Dopo la valutazione, un messaggio SMS comunica alle famiglie gli aiuti a cui hanno diritto. I beneficiari possono quindi ritirare il denaro presso una filiale qualsiasi del Paese. Ciò consente all’UNHCR di fornire assistenza alle famiglie in aree isolate e difficili da raggiungere. L’assistenza in denaro è il modo economicamente più efficiente per offrire una forma di supporto flessibile e dignitosa. Coloro che ne beneficiano affermano che tale sostegno consente loro di evitare di ricorrere a meccanismi di risposta dettati dalla disperazione, come il lavoro minorile e i matrimoni forzati. L’UNHCR e i suoi partner forniscono anche servizi di protezione quali consulenza psico-sociale e assistenza legale, oltre a distribuire beni di prima necessità a sfollati vulnerabili.

A causa del protrarsi della crisi umanitaria, e della terribile situazione economica nello Yemen, l’assistenza in denaro dell’UNHCR è un sostegno vitale per molte famiglie. Ad oggi, nel corso dell’anno, l’UNHCR ha distribuito aiuti finanziari per circa 33 milioni di dollari USA. L’obiettivo è arrivare a distribuire oltre 41 milioni di dollari USA entro la fine dell’anno. In totale si calcola che nel 2018 saranno 700.000 gli sfollati interni, i rimpatriati e le comunità di accoglienza colpite dai conflitti e altri 130.000 rifugiati e richiedenti asilo in tutto lo Yemen a beneficiare di tale assistenza.

 

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI